Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

Le ricette della Dori

Come preparare la panina aretina pasquale

Per alcuni la “panina” è salata (con i ciccioli per intendersi), per altri invece è dolce e speziata (con le uvette e il pepe).

La ricetta che proponiamo affonda le sue radici nella tradizione: è quella della panina dolce e gialla.

Che sta bene con la cioccolata dell’uovo di Pasqua o con l’uovo sodo la mattina della festa.

Le nonne la ricordano a memoria, ma per chi vuole cimentarsi nella preparazione di questa delizia, ecco come fare.

Ingredienti:

85 grammi di rigatino toscano (pancetta)
130 grammi di farina 0
130 grammi di farina Manitoba
10 grammi di lievito di birra disidratato (tipo Mastrofornaio)
1 cucchiaino di  zucchero semolato
30 grammi di strutto
140 ml di acqua
1 cucchiaino di sale fino
1 cucchiaino di pepe nero macinato

Procedimento:

Tagliate il rigatino (pancetta) a cubetti piccoli e fatelo rosolare in una padella antiaderente SENZA AGGIUNGERE OLIO (sarà il grasso stesso a sciogliersi e a fare da base per la rosolatura). Appena il rigatino sarà croccante, mettete da parte e fate raffreddare.

Nella ciotola della planetaria, mettete le due farine, il lievito, lo zucchero e lo strutto e fate lavorare brevemente con la frusta a gancio. Aggiungete l’acqua tiepida e quando avrete ottenuto una palla, unite il sale, il pepe e il rigatino ormai freddo, comprensivo del grasso sciolto.

Fate impastare per 3/4 minuti, fino a che tutti gli ingredienti si saranno completamente amalgamati, poi coprite la ciotola con la pellicola e mettete l’impasto a lievitare tutta la notte dentro al forno spento.

A quel punto infornare per 30/40 minuti a 180 gradi e la vostra panina pasquale sarà pronta.

 

La panina si mangia insieme a salumi (preferibilmente capocollo) ed eventualmente l’uovo sodo benedetto.

Con la panina ed i salumi la Redazione di Vinodabere consiglia in abbinamento un vino di cui abbiamo parlato un po’ di tempo fa sulla nostra testata (link):

Lugherino Pinot Nero Rosato 2018 – Vallepicciola

Questo rosato da Pinot Nero è davvero sorprendente! Tra l’altro, uno dei pochissimi rosati del suo genere, che io sappia. Un vino nato proprio dall’amore per il Pinot Nero del proprietario di Vallepicciola, che ha chiesto a Cotarella di interpretare al meglio quest’uva piantata nei migliori appezzamenti della tenuta. Il colore è rosa tenue, come vuole il mercato. Cotarella spiega che la ragione è in realtà tecnica: il rosato teme i tannini, che danno secchezza e che tendono a coprire la freschezza. Allora pochi antociani = poco colore = pochi tannini. Oltre alla parte aromatica di frutto, che per un vino da uve Pinot Noir è prevedibile, la vera sorpresa è il sapore. È fresco e stimola la salivazione in maniera incredibile, minerale, salino, dalla beva compulsiva.

rosato pinot nero Vallepicciola 2019

 

avatar
Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia