Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

Lion interni ristorante

Gastronomia

Liòn Seafood Wine & cocktails: inaugurato a Roma il nuovo concept

Siamo in centro, a Roma, a meno di cento metri da piazza Navona e di quattrocento metri dal Pantheon. Luogo invaso da turisti e viandanti in tutte le stagioni dell’anno, specie in questo periodo. Quando si vuole mangiare da queste parti, la ricerca non è affatto facile; il rischio di cadere nella trappola di un ristorante turistico di bassa leva è assai alto.

E invece qualche sera fa, all’inaugurazione del nuovo concept del Liòn Seafood Wine & cocktails, firmato dal talentuoso chef stellato Francesco Apreda, ambassador del gruppo Tridente Collection, e curato dal giovane e promettente executive chef Luca Ludovici, ci siamo dovuti tutti ricredere!

L’idea alla base di questo “ristorante italiano contemporaneo e cocktail bar”, come lo definisce la proprietà del gruppo Tridente di cui fa parte, è originale e quanto mai sfidante: portare “il mare al centro di Roma”, con una proposta di prelibatezze di mare, dai sapori e profumi tutti mediterranei, ma rivisitati in chiave moderna ed internazionale, in una location elegante e raffinata, dall’atmosfera dinamica e cosmopolita. A coronare il tutto, un’ampia selezione di vini, soprattutto nazionali ma anche esteri, e una selezione di raffinati cocktail, ideati e preparati da uno dei bartender più in voga della capitale, il giovane Antonio De Meo.

In sintesi il nuovo concept vuole dare ai clienti un’esperienza di classe unica: materie prime di altissima qualità provenienti dal mare, accompagnate da vini e cocktail di livello, in un luogo dal design piacevole e ricercato, non ingessato come tanti altri ristoranti eleganti dello stesso livello, all’interno di un museo a cielo aperto unico, quale è Roma.

Tutti ingredienti che sapientemente combinati possono portare ad un esperimento di lungo ed ampio respiro…

Lion esterni

Ma partiamo dal luogo. Il ristorante è parte di un progetto più ampio di riqualificazione, fortemente voluto da tre imprenditori romani innamorati della capitale, i fratelli Emidio e Fabrizio Pacini ed il socio Andrea Girolami, che stanno investendo i loro capitali privati per ridonare splendore ad alcune aree abbandonate e trascurate del centro di Roma, dando vita a location uniche nel loro genere. Parliamo di una decina di hotel della Tridente Collection, legati da un’unica filosofia e filo conduttore: regalare ai propri ospiti un’esperienza indimenticabile di qualità, dove l’ospitalità italiana viene interpretata in chiave ricercata e raffinata, in ambienti dove l’estetica e le geometrie dal design moderno e cosmopolita si fondono magicamente con le architetture e le forme storiche del passato glorioso della città eterna.

Un progetto molto ambizioso ed importante che ha consentito di risollevare alcuni angoli malandati del nostro centro storico, altrimenti irrecuperabili con le tasche dei fondi pubblici. Certo, con questo non voglio dire che l’impresa che sostiene questo progetto lo faccia per una pura forma di beneficenza, ma ben vengano queste forme intelligenti di business se portano a risultati tangibili di creazione di valore.

È in questo contesto che si innesta l’apertura del Liòn di qualche mese fa ed il lancio, in questi giorni, di questo nuovo format.

Lion interni ristorante 2

L’impressione quando si entra nel locale è di essere accolti in un salotto dal fascino retrò, che richiama i bistrot parigini e i locali londinesi, ma con un plus unico e impareggiabile: girato l’angolo siamo nella splendida piazza Navona… e scusate se è poco! Altro plus da non sottovalutare è il clima, che consente quasi tutto l’anno di godere anche dello spazio all’aperto nella piazzetta antistante.

A spiccare, le forme geometriche delle pareti, della moquette e delle decorazioni aeree, ed i colori del dorato e del blu bondi, che rievocano i colori della sabbia dorata e dell’acqua del mare, con il tocco di rosso delle sedie che fa da contrasto. A farla da padroni, nell’architettura longitudinale del locale, il lungo e comodo divano vellutato su una parete, dedicato ad una sosta più lunga per il food, ed il bancone di fronte, dove ci si può appoggiare per degustare direttamente i fantastici cocktail preparati dai barman.

Lion cameriera 1

E’ possibile mangiare al Liòn a pranzo tra i 18 e 25 euro, per un business lunch o un pranzo veloce con dei menu appositamente pensati, oppure per una cena informale fra amici in un ambiente elegante ma informale, o anche “semplicemente” per un fresco e brioso cocktail.

Il menù normalmente prevede una selezione speciale di ostriche, “condite” ad esempio con salsa di soia e frutto della passione o con rabarbaro e pepe Malagetta, vari tipi insalate di mare, crostini e polente con caviale, crostacei, conchiglie; c’è anche un menù tutto pensato per i vegetariani e vegani, con alghe vegane selezionate e parmigiane. I piatti sono adatti anche per i celiaci, essendo al 90% gluten free, compresi i dolci.

Lion menù inaugurazione

Per la serata di inaugurazione del 19 giugno, i piatti del menù sono stati proposti in versione ridotta, in un percorso di finger food che ha reso molto interessante e divertente la serata, per la possibilità di assaggiare le diverse proposte del locale. Notevoli le ostriche, per gli appassionati, accompagnate da cocktail “sapidi” appositamente studiati, il crostino integrale con burro e bottarga di tonno, il mini panino al salmone affumicato e le sue uova, il crudo di capesante, cannellini e tartufo. Menzione d’onore al carpaccio di gamberi rossi, ‘nduja e mozzarella: non credevo che il sapore delicato dei gamberi rossi potesse accostarsi senza essere sovrastato dal sapore forte e piccante della ‘nduja e dal sapore deciso e dolce della mozzarella di bufala. Una piacevole scoperta, ne ho mangiati tre o quattro per quanto erano gustosi!

Lion menù cocktail

I cocktail della serata sono stati pensati ad hoc per essere abbinati al menù degustazione: il piccante Alebrije al profumo di mistrà, lo speziato Francis Drake all’infuso di zafferano, il sapido Ink Martini all’acqua di polpo. La carta dei cocktail che normalmente si possono ordinare al Lion è anch’essa molto curata e ricercata, ispirata a Roma e alle sue diverse forme di arte.

Se volete passare una piacevole serata in compagnia, in un posto in centro chic e informale allo stesso tempo, il Liòn può essere il posto che fa per voi!

Liòn
Largo della Sapienza 1, Roma
tel. 06 8115 7070
Aperto tutti i giorni 11.00-02.00
www.lionroma.it

 

avatar
Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

La ricetta della prelibata ciambella al mosto cotto

Cali di Zucchero

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia