Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Le ricette della Colomba al vino Nero di Troia e della Colomba Tradizionale di Canneto Beach 2

Vi auguriamo Buona Pasqua con due ricette di Canneto Beach 2 della Famiglia Riontino, ovviamente legate al dolce tipico di questa ricorrenza: la Colomba.

Canneto Beach 2

Via Amoroso 11

76016 Margherita di Savoia (BT)

tel. 0883 651091

Sito internet: https://www.ristorantecannetobeach2.com/

LA COLOMBA
CIOCCOLATO E VINO DI NERO DI TROIA

LIEVITAZIONE A 24 ORE
INGREDIENTI, IMPASTO E FARCITURA
FARINA DI GRANO TENERO “0”, LATTE VACCINO INTERO FRESCO DI GIORNATA, UOVA FRESCHE (CAT A) ALLEVATE NEL PARCO DEL GARGANO, LIEVITO MADRE, BURRO FRESCO DEL CASARO, ZUCCHERO SEMOLATO, VANIGLIA, AROMI NATURALI, GRANELLA DI MANDORLE “FILIPPO CEA” CHICCHE DI CIOCCOLATO FONDENTE E CREMA DI CIOCCOLATO AL VINO NERO DI PUGLIA

INGREDIENTI COPERTURA
GLASSA DI MANDORLE DI ALBICCOCCHE, MANDORLE SGUSCIATE “FILIPPO CEA” TOSTATE IN FORNO,
CIOCCOLATO FONDENTE E GRANELLA DI MANDORLE TOSTATE “FILIPPO CEA”.

PROCEDIMENTO prima fase
Impastare Farina, latte, uova e lievito madre fino ad ottenere un impasto liscio e asciutto, quindi incorporare il burro e far lievitare per 12 ore a temperatura ambiente, fino a quadruplicare il volume iniziale.

PROCEDIMENTO seconda fase
Pre-impasto, aggiungere il resto della farina e il latte fino ad ottenere un impasto liscio ed asciutto.
Aggiungere in sequenza lo zucchero, il tuorlo, il burro, gli aromi, il cioccolato e le mandorle; temperatura dell’impasto da 25° a 28° C. Lasciare riposare per 50 minuti, spezzare e tornire 2 volte, strozzare la colomba e porre negli appositi stampi; farcire con glassa di mandorla e mandorle sgusciate e far lievitare per ancora 10 ore.
Infornare in forno 160 ° 50 minuti al cuore 95°; tenere sotto sopra per 6 ore, farcire con crema al cioccolato e vino al nero di troia, glassare con cioccolato fondente 70% e guarnire con granella di mandorle.

 

In abbinamento la Redazione consiglia un vino descritto da Carlotta Salvini sulla nostra testata (link):

Antica Masseria Jorche – Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOCG Lo Apu 2018
L’Antica Masseria Jorche ha iniziato a produrre vini già dal XX secolo. Oggi si è giunti alla quinta generazione al femminile della famiglia Gianfreda con Dalila ed Emanuela, figlie di papà Antonio.
Il vino è una quintessenza della Puglia come un’ampolla dei ricordi che emana i profumi di frutta dolce e succosa dei grappoli di Primitivo baciati dal sole, uniti a sensazioni di mora, frutti di bosco amarena e accenni di spezie dolci che arricchiscono il naso donando complessità. Il sorso è pieno, caldo, sostenuto dall’acidità ben calibrata e dal tannino piccolo ed amalgamato.

 

Vi proponiamo anche la ricetta della

 COLOMBA TRADIZIONALE

INGREDIENTI INTERNI
LIEVITAZIONE A 24 ORE
FARINA DI GRANO TENERO “0”
LATTE VACCINO INTERO FRESCO DI GIORNATA
UOVA FRESCHE (CAT A) ALLEVATE
NEL PARCO DEL GARGANO,
LIEVITO MADRE, BURRO FRESCO DEL CASARO,
ZUCCHERO SEMOLATO, VANIGLIA, AROMI NATURALI,
ARANCE CANDITE, GRANELLA DI MANDORLE E UVETTA SULTANINA

INGREDIENTI FARCITURA
DOPPIA GLASSA DI MANDORLE DI ALBICCOCCHE,
MANDORLE SGUSCIATE “FILIPPO CEA” TOSTATE E ZUCCHERINI
PROCEDIMENTO prima fase
Impastare con Farina, latte, uova e lievito madre fino ad ottenere un impasto liscio ed asciutto,
quindi incorporare il burro e far lievitare per 12 ore a temperatura ambiente,
fino a quadruplicare il volume iniziale.
PROCEDIMENTO seconda fase
Pre-impasto aggiungere il resto della farina e il latte fino ad ottenere un impasto liscio ed asciutto,
aggiungere in sequenza lo zucchero, il tuorlo, il burro, gli aromi, la frutta e mandorle;
temperatura dell’impasto da 25° a 28° C. Lasciare riposare per 50 minuti, spezzare e tornire 2 volte,
strozzare la colomba e porre negli appositi stampi, farcire con glassa di mandorla, mandorle sgusciate
e zuccherini e far lievitare per ancora 10 ore.
infornare in forno 160 ° 50 minuti al cuore 95 °
tenere sotto sopra per 6 ore e poi servire.

In abbinamento la Redazione di Vinodabere propone un distillato descritto sulla nostra testata da Carlo Bertilaccio (link):

Distillato di Pere WilliamsDistilleria Zu plun

Nel giusto calice è arrivato un liquido che già all’olfazione  si è rivelato un fuoriclasse: una nuvola leggera e delicata di profumi (dai fiori bianchi alla frutta gialla- banana, ananas) oltre a quello varietale della pera, con aromi delicatissimi, inebrianti e di lunghissima persistenza.

Al palato poi, polpa di pera accompagnata da sentori di frolla e crema pasticcera, confetto, spezie bianche e un tocco di anice stemperato in un leggero finale di liquirizia.

Una vera delizia.

Magari arrivare Ortisei e poi salire al Resciesa per assaggiarlo è un po’ complicato, ma è possibile cercarlo in rete (e si trova) per togliersi la curiosità.

Distilleria Zu plun, Castelrotto, BZ.

Ecco la scheda tratta dal sito internet della distilleria:

“DISTILLATO DI PERA WILLIAMS

Distillato di pera. Nessun tipo di frutta viene distillato così spesso in Europa come la pera Williams Christ: è la regina incontrastata tra tutti i frutti con semi, più o meno aromatici. Le Williams piacciono, ma anche se si ha nel bicchiere una marca di élite, per le grandi masse questo distillato ha un gusto piuttosto piatto, e nel peggiore dei casi persino artificiale. Una qualità eccellente a livello industriale non viene quasi mai raggiunta perché è molto dispendiosa: le pere Williams del Zu Plun provengono dal Burgraviato a Lana e dalla sottostante Val Venosta a Naturno. Devono essere molto più mature alla raccolta rispetto alle pere da tavola, solo così mantengono il sapore concentrato catturato in questo distillato. Le pere gialle appena raccolte vengono immediatamente private manualmente del torsolo per evitare note amare indesiderate: è un lavoro intenso dove il tempo gioca un ruolo fondamentale. In una bottiglia di distillato viene concentrato alla fine l’aroma di oltre 8 kg di mosto di frutta.

  • Materia prima: pere Williams da Naturn e Burgraviato, Lana.
  • Processo di distillazione: discontinuo in caldaiette di rame
  • Stoccaggio/invecchiamento: —
  • Gradazione alcolica: 42% VOL.
  • Volume bottiglia: 0,5 L.

Le foto del distillato sono di Donata Zanon.

 

avatar
Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia