Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Quando l’arte pasticcera è espressione della propria vita: la Colomba di Marco Rinella

Se ottenere un panettone di altissimo livello è un’impresa difficile, creare una colomba che ti stupisca e renda la Pasqua una festa veramente da ricordare, è ancor più difficile, soprattutto per quella forma che grazie alla “coda e la testa” non è il massimo per far lievitare al meglio quella pasta che ogni pasticcere accudisce come se fosse un figlio.

Per questo quando abbiamo la possibilità di incontrare un dolce che ci lascia sognanti non possiamo esimerci a raccontarvelo, forse perché vorremmo che possiate provare la nostra gioia quando lo assaporiamo.

La colomba di cui vi parliamo è quella di Marco Rinella che non era in concorso durante la competizione organizzata da Vinodabere (link)  e abbiamo deciso di descrivervela e farvela assaggiare almeno idealmente.

Innanzitutto due parole sul suo creatore , il mastro pasticcere Marco Rinella, che è stato giudice della commissione che ha scelto i migliori panettoni secondo Vinodabere nella degustazione alla cieca di Novembre 2020 (link).

Marco proviene da una famiglia di pasticceri, è stato il nonno ad iniziare e lui da sempre ha assaporato quella “dolce” atmosfera che solo la pasticceria sa creare.

All’età di 18 anni inizia a partecipare a corsi sia in Italia che all’estero per mettere quelle solide basi che in seguito gli permetteranno di dar vita a tutte le idee che lo accompagnano in ogni momento della giornata.

La sua è una strada fatta di grandi creazioni ma anche di apprendimento continuo, perché come tutto quello che ci circonda, anche la pasticceria è in continuo divenire ed è buona cosa non frenare mai questo cammino, ma per far questo occorre studiare sempre.

Nel 2003 apre insieme ad Enrico Amati, a Roma nel quartiere Monteverde, un locale che sarà per diversi anni un punto di riferimento dell’alta pasticceria romana, Cristalli di Zucchero. Un’esperienza che termina qualche anno fa e che spinge Marco, negli anni seguenti, ad insegnare l’arte della pasticceria e a fare consulenze in tutta Italia.

Oggi Marco ha deciso di mettersi nuovamente in gioco e proprio in occasione della Pasqua ha così deciso di cimentarsi nella creazione di una colomba di altissimo livello.

Abbiamo  assaggiato per voi questo dolce lievitato e vogliamo riportarvi, non solo le sue caratteristiche principali, ma anche le emozioni che ci ha generato.

L’avvicinarsi della fetta alla nostra bocca ci ha fatto immaginare , per un attimo, di trovarci nel luogo dove viene creata, con le note vanigliate  che si accompagnano ai profumi di nocciola, burro e note aranciate.

L’assaggio ci fa venire in mente il paiolo fumante dove vene preparato il burro, con quei profumi tipici e ricchi che invadono l’aria e i nostri sensi contemporaneamente. Ed è proprio questo burro ad essere l’elemento di spicco, per qualità e spessore, del nostro assaggio.

Esso incornicia con sapienza le caratteristiche principali della colomba, morbidezza e leggerezza, con un’alveolatura straordinaria. Una progressione di sapori che vedono nell’arancia fresca candita l’elemento di spicco, tanto da farci sperare di trovarla ad ogni assaggio.

In abbinamento consigliamo un vino descritto sulla nostra testata da Luca Matarazzo (link):

 

Vendemmia Tardiva IGT Toscana – Podere Olivi – Le Buche: annata non indicata in etichetta, è un vino totalmente declinato sull’eleganza e la delicatezza. Essenze floreali di zagara, biancospino, camomilla e forti richiami di macchia mediterranea. Si possono riconoscere mille varietà, dal timo al rosmarino, alla lavanda essiccata. La bocca ha un intrigante tocco minerale, coerente con la verticalità e la fragranza del prodotto. Chiude su ricordi persistenti di pesca matura.

 

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia