Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

ZU PLUN, distillato di pere Williams: un grande “spirito” d’alta quota nelle Dolomiti

Nella vita a volte capita di trovare qualcosa che non ti aspetti in un luogo che non penseresti, in un momento in cui la tua attenzione è focalizzata su tutt’altro.

Ebbene questa è una di quelle volte. Luogo: Dolomiti, Ortisei. Occasione: escursione al rifugio Reciesa, 2170 metri sul livello del mare, vista spettacolare sulle montagne circostanti, dalle Odle al gruppo Sella, al Sassolungo e Sassopiatto sino al Catinaccio e allo Sciliar.

Quindi, vista e gambe totalmente dedicati al panorama e al sentiero verso il rifugio.

Ma qui,  arrivando più o meno all’ora di pranzo, non ci possiamo esimere dal sederci a un tavolo e dal rimirare, oltre al panorama, anche il menu.

In genere nei rifugi alpini ci si aspetta di assaggiare cibi buoni, saporiti e non eccessivamente elaborati.

Non al Resciesa dove, grazie ai preziosi consigli di David, il titolare,  abbiamo potuto gustare (dal primo al dolce) portate di tutto rispetto.

Dalle tagliatelle ai finferli freschi e la zuppa di goulasch sino ai dolci (un’ottima Sacher e una panna cotta di latte di capra alla salsa di lamponi e zenzero), passando per un secondo veramente memorabile: costine di maiale cotte ai vapori di birra, morbide e croccanti allo stesso tempo, con sapore e succosità non comuni.

Sin qui passi, nel senso che la sorpresa dei piatti intriganti ci può anche stare.

Ma, alfine e al dunque, alla nostra richiesta di un distillato di frutta la risposta di David è stata: Sì,  abbiamo un’acquavite di pere Williams artigianale, prodotta in una distilleria qui vicino (per la precisione nei dintorni di Castelrotto). Volete assaggiare? Perché no?

Nel giusto calice è arrivato un liquido che già all’olfazione  si è rivelato un fuoriclasse: una nuvola leggera e delicata di profumi (dai fiori bianchi alla frutta gialla- banana, ananas) oltre a quello varietale della pera, con aromi delicatissimi, inebrianti e di lunghissima persistenza.

Al palato poi, polpa di pera accompagnata da sentori di frolla e crema pasticcera, confetto, spezie bianche e un tocco di anice stemperato in un leggero finale di liquirizia.

Una vera delizia.

Magari arrivare Ortisei e poi salire al Resciesa per assaggiarlo è un po’ complicato, ma è possibile cercarlo in rete (e si trova) per togliersi la curiosità.

Distilleria Zu plun, Castelrotto, BZ.

Ecco la scheda tratta dal sito internet della distilleria:

“DISTILLATO DI PERA WILLIAMS

Distillato di pera. Nessun tipo di frutta viene distillato così spesso in Europa come la pera Williams Christ: è la regina incontrastata tra tutti i frutti con semi, più o meno aromatici. Le Williams piacciono, ma anche se si ha nel bicchiere una marca di élite, per le grandi masse questo distillato ha un gusto piuttosto piatto, e nel peggiore dei casi persino artificiale. Una qualità eccellente a livello industriale non viene quasi mai raggiunta perché è molto dispendiosa: le pere Williams del Zu Plun provengono dal Burgraviato a Lana e dalla sottostante Val Venosta a Naturno. Devono essere molto più mature alla raccolta rispetto alle pere da tavola, solo così mantengono il sapore concentrato catturato in questo distillato. Le pere gialle appena raccolte vengono immediatamente private manualmente del torsolo per evitare note amare indesiderate: è un lavoro intenso dove il tempo gioca un ruolo fondamentale. In una bottiglia di distillato viene concentrato alla fine l’aroma di oltre 8 kg di mosto di frutta.
  • Materia prima: pere Williams da Naturn e Burgraviato, Lana.
  • Processo di distillazione: discontinuo in caldaiette di rame
  • Stoccaggio/invecchiamento: —
  • Gradazione alcolica: 42% VOL.
  • Volume bottiglia: 0,5 L.

Le foto sono di Donata Zanon.

avatar
Scritto da

Carlo Bertilaccio vive a Roma ed è attualmente curatore della rubrica "di...stillati" per la testata giornalistica Vinodabere (www.vinodabere.it). Collabora anche con Luciano Pignataro (www.lucianopignataro.it) e ha collaborato per le edizioni 2017/2018 con la guida "I vini d'Italia" de l'Espresso. Ha collaborato per le edizioni 2015-2016 con la guida Slow Wine, e con la guida "Vini buoni d'Italia" dall'edizione 2010 fino all'edizione 2013. È autore di diversi articoli su distillati e vini su Scatti di Gusto (www.scattidigusto.it). Ha infine scritto diversi libri per Palombi editore su cocktails e altri argomenti, e prodotto inoltre quattro dischi di giovani talenti italiani nonché le canzoni per un musical su Marilyn Monroe, recentemente premiato al teatro Sistina di Roma. Giudice per Spirits Selection by Concours Mondial de Bruxelles.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia