Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

di...stillati

DISTILLATI DA NON PERDERE: LELOUVIER HORS D’AGE, UN CALVADOS “DOMFRONTAIS” DAVVERO TOP

Ho atteso tanto prima di raccontare questo distillato top scovato un paio di anni fa a Jesi, all’Hostaria Santa Lucia di Gianni Giacani, luogo magico cui il nostro Giovanni Monticelli ha dedicato tanti racconti (link1, link2).

E qui, insieme a un un’offerta enogastronomica e di olio veramente eccellente,  non potevano mancare distillati all’altezza: una selezione per tutte, quella di whisky e rhum di Samaroli.

Ma io ho adocchiato questo Calvados “Domfrontais“, così denominato perché in questa regione della Normandia si utilizzano per la distillazione anche (e in maggioranza) le pere insieme alle mele.

E  anche perché la distillazione avviene con un alambicco a colonna. Risultato: profumi e sapori di grande complessità e intensità, tutti da ricordare.

Si tratta del Calvados  Domfrontais Lelouvier Hors d’Age  (blend di annate da 15 a 25 anni).

Ho atteso tanto, quindi, e alla fine ho scelto di scriverne durante queste festività e in occasione del nuovo anno, bevendolo fiducioso e speranzoso in giorni migliori dopo un 2020 a dir poco sciagurato.

E almeno l’assaggio è stato decisamente beneaugurante.

Al naso spicca l’aroma varietale delle pere, insieme a sentori di rosa e albicocca,  confetteria e frutta secca, tabacco e cuoio, vaniglia e pepe bianco.

Al palato si ritrovano, con potenza (42 gradi) non priva di eleganza, le caratteristiche tipiche dei Calvados “domfrontais”: sentori netti di pere al forno, ciliegie sotto spirito,  prugna e pasta frolla, uvetta e Lychee, insieme a sfumature agrodolci di zenzero, anice e liquirizia.

Una vera delizia di lunga e decisa persistenza.

Lode quindi al Calvados Lelouvier, prodotto da un’azienda storica (1933), piccola ma famosa più in Francia che da noi.

Scrupolosa e attenta nelle selezioni di pere e mele, delle botti piccole e delle miscele di diversi millesimi per un invecchiamento ottimale.

Lo si ritrova per l’appunto nei migliori ristoranti francesi.

Bonus per la bottiglia con tappo in ceralacca, austera ed elegante come il suo contenuto.

avatar
Scritto da

Carlo Bertilaccio vive a Roma ed è attualmente curatore della rubrica "di...stillati" per la testata giornalistica Vinodabere (www.vinodabere.it). Collabora anche con Luciano Pignataro (www.lucianopignataro.it) e ha collaborato per le edizioni 2017/2018 con la guida "I vini d'Italia" de l'Espresso. Ha collaborato per le edizioni 2015-2016 con la guida Slow Wine, e con la guida "Vini buoni d'Italia" dall'edizione 2010 fino all'edizione 2013. È autore di diversi articoli su distillati e vini su Scatti di Gusto (www.scattidigusto.it). Ha infine scritto diversi libri per Palombi editore su cocktails e altri argomenti, e prodotto inoltre quattro dischi di giovani talenti italiani nonché le canzoni per un musical su Marilyn Monroe, recentemente premiato al teatro Sistina di Roma. Giudice per Spirits Selection by Concours Mondial de Bruxelles.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia