Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

MOLINO DELL’ATTONE – ECCO IL NUOVO CRU DI SAGRANTINO DELLA CANTINA ANTONELLI SAN MARCO

Ho sempre pensato che i colori che ci circondano abbiano un posto preciso nella nostra memoria, per ricordarci sensazioni ed emozioni tenere anche nel pallido ricordo sbiadito dal tempo.

A Montefalco due sono le tonalità che porto nel cuore: da un lato il verde immenso dei campi, degli steli di erba mossi dal vento; dall’altro il rosso delle viti di Sagrantino nello splendido momento del foliage.

Filippo Antonelli mette la passione per ogni singolo prodotto, ben coadiuvato da uno staff eccezionale. Le buone intenzioni sono contagiose, ed eccomi partire alla scoperta del nuovo vigneto singolo “Molino dell’Attone”, dedicato alla omonima località posta in direzione Gualdo Cattaneo, a circa 400 metri di altitudine e totalmente esposto ad oriente.

Luca Rosati, Delegato A.I.S. (Associazione Italiana Sommelier) di Todi, racconta con dovizia di particolari delle uve provenienti da questo micro appezzamento di un ettaro, che beneficiano del sole al mattino, tanto sono protette e riparate. Anno di impianto 1990, ma è soltanto dalla annata 2015 che si scommette sul suo potenziale di nuovo Cru.

La differenza con lo storico Chiusa di Pannone, rivolto a pieno Sud e celebrato in ogni degustazione, sta dunque nell’esposizione e nel differente impasto dei terreni.

Matrice argilloso-calcarea per il Chiusa di Pannone e strato di alberese per Molino dell’Attone, come dire il giorno e la notte. Interessante, quindi, poterli assaggiare in sincrono, nella versione 2015, splendida annata per il Montefalco Sagrantino.

Non mancheranno le sorprese ovviamente.

 

MOLINO DELL’ATTONE – Montefalco Sagrantino D.O.C.G. 2015

Note ancora verdeggianti di rabarbaro, humus e macchia mediterranea. Il carattere è deciso ed al contempo “ruffiano” come quel caro amico lontano che viene a farti visita ogni tanto, carico di doni tanto da bussare con i piedi. Un finale da ratafia di ciliegie e prugna selvatica, speziatura morbida e tannino già ben delineato.

Accattivante, sulla scia della nuova filosofia imperante ormai da anni sul territorio, ovvero meno astringenza e più immediatezza di bocca.

CHIUSA DI PANNONE – Montefalco Sagrantino D.O.C.G. 2015

Eleganza memorabile, un campione consolidato nei lustri, sia al naso sia al sorso complesso. Se prima avevamo note erbacee, che non distoglievano però l’attenzione dal calore importante percepito, qui al palato esplode nella fragranza del mirtillo, della radice di liquirizia e dei tannini fruttati e saporiti.

Un finto timido, che ha bisogno soltanto di qualche minuto di sosta nel calice per effettuare il giro di prova e scattare in testa dalla prima posizione.

Ogni vendemmia è una sorpresa continua, un vigneto impiantato nel 1995 e che manifesta il suo momento di maturità, senza neanche uno sbuffo di stanchezza.

La degustazione orizzontale a questo punto non poteva dimenticare il fratello maggiore, senza blasoni nobiliari, ma che rappresenta la storia della cantina.

Sto parlando del Montefalco Sagrantino D.O.C.G. 2015 le cui vecchie annate degli anni novanta sono veri e propri cimeli per gli appassionati. Anche in questo campione l’annata è stata rispettata splendidamente; il clima estivo caldo e secco, al limite del siccitoso, ha concesso la giusta densità al succo. Una materia polposa, in equilibrio da capo a piedi. Saggio e potente, dosa bene sia la frutta rossa sotto spirito che quella scura in confettura di bosco. Lunghissimo e dal tocco minerale in chiusura.

La 1996 esce improvvisamente fuori come il coniglio del mago dal cilindro ed è uno dei vini migliori mai bevuti. Semplicemente perfetto già dal colore granato limpido; naso iodato, da grafite, polvere di caffè, caramella alla liquirizia, essenze di china e fiori secchi. E che spezia nitida, intensa di pepe in grani. Il mio secondo 100/100 di sempre.

 

avatar
Scritto da

Luca Matarazzo Sommelier AIS - Degustatore Ufficiale - Relatore corsi per la Campania. Ha partecipato a numerosi concorsi enologici e seminari di approfondimento. Vincitore del Trofeo Montefalco Sagrantino edizione 2021, Wine Consultant collabora attualmente con testate giornalistiche e blog importanti a livello nazionale

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia