Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

La Ricetta del Radicchio di Treviso al forno

Una ricetta semplice e facile da realizzare ma eccellente per accompagnare secondi di carne o pesce oppure per sostituire addirittura un secondo.


Il radicchio rosso di Treviso è un ortaggio, appartenente alla famiglia delle Composite, caratterizzato da un colore rosso scuro intenso, da striature bianche, da una consistenza croccante e da un inconfondibile gusto delicatamente amarognolo che si presenta in due versioni: precoce e tardivo, quest’ultimo meno amaro e più pregiato. Coltivato già dalla metà del XVI secolo ha un basso contenuto calorico ed è ricco di fibre, vitamine, minerali (in particolare Potassio) ed antiossidanti.
La zona di produzione, specificata dal disciplinare IGP, coinvolge comuni appartenenti alle province di Treviso, Padova e Venezia. La zona di produzione del tipo Tardivo è più estesa rispetto a quella del Precoce.
Passiamo ora alla preparazione del piatto.
Si lava il cespo di radicchio sotto acqua corrente e poi si asciuga utilizzando un foglio di carta da cucina. Si taglia longitudinalmente in due o quattro parti, a secondo della dimensione, e si adagia su di una teglia rivestita con carta forno.
Si irrora con un filo di olio extravergine di oliva, si aggiungono poi briciole di pane a cassetta tostato, noci sbriciolate, un pizzico di sale, una spolverata di pepe e “dulcis in fundo” una “leggera colata a filo” di miele che andrà a contrastare l’amarognolo del radicchio.
Si mette la teglia in forno, preriscaldato a 180°, e si fa cuocere per circa 15 minuti fino a quando il radicchio non risulterà dorato. Se appare troppo secco dopo 10 minuti di cottura aggiungere ancora un filo di olio.
Ingredienti per 2 persone:
– 1 cespo di Radicchio rosso di Treviso
– 1 fetta di pane a cassetta tostata (preferibilmente integrale)
– 25 grammi circa di gheriglio di noce
– Olio Extra Vergine di Oliva q.b.
– Sale q.b.
– Pepe q.b.
– 2 cucchiaini circa di miele (preferibilmente di castagno)

La Redazione di Vinodabere consiglia in abbinamento un vino di cui abbiamo parlato nella nostra Piccola Guida ai Migliori Vini della Sardegna (link):

Zilvara 2018 – Francesco Lepori 95,6/100 (territorio/zona: Trinità d’Agultu) prezzo a scaffale enoteca 23 euro

Un Vermentino da vigne a piede franco su terreni sabbiosi, molto fedele alla tradizione gallurese, con un leggero residuo zuccherino ed una fantastica mineralità, che insieme a freschezza, materia e sapidità ne descrivono il profilo organolettico.

L’azienda: Francesco Lepori

L’azienda si trova a Trinità d’Agultu ed ha vigneti a piede franco su terreni sabbiosi. La produzione è limitata ed è realizzata con grande attenzione alla natura e all’ambiente. I vitigni in gioco sono il Vermentino ed il Caricagiola.

avatar
Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia