Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Cortona – La visione “DOC” dei Syrah di Eredi Trevisan

Stavolta vogliamo dedicare la nostra attenzione ad un’azienda in continua crescita nel panorama vitivinicolo toscano.

“Parva sed apta mihi” dicevano i latini. L’impresa è piccola, a carattere strettamente familiare, mantenuta come un gioiellino dal factotum Luca Trevisan. Con passione egli non molla un colpo, dalla vigna alla cantina, delegando unicamente la parte commerciale alla moglie Tiziana, esperta del settore comunicazione e marketing.

Luca Trevisan

Il piacere di fargli visita è grande: proprio recentemente il Candito 2018 Syrah Cortona DOC, etichetta di punta, è stato segnalato nei nostri migliori assaggi al link Dove eravamo rimasti…….PrimAnteprima inaugura le Anteprime di Toscana 2021 – I nostri migliori assaggi

Un po’ di sorpresa dunque, unita a sana curiosità, ha spinto il sottoscritto a conoscere una dimensione dove il rispetto per la Natura vive in simbiosi con quello delle tradizioni locali; dove la terra è sempre bassa e le stagioni sono lunghe e faticose, specie in questo pazzo 2021.

Dove, infine, il panorama a volte brullo della campagna vale quanto quello di un paradisiaco atollo, non fosse altro per la soddisfazione personale che ne deriva dal raccoglierne i frutti.

Godimenti morali piuttosto che economici, date le rese bassissime in uva, l’utilizzo del cavallo per la lavorazione dei campi e le fermentazioni garagiste, fatte in vasche di cemento con inserimento manuale dei grappoli cassetta per cassetta.

La storia dei Trevisan è intrisa, come altre, di dolori e lontananze, come l’addio al paesino natale in provincia di Bolzano del nonno di Luca, in cerca di lavoro da mezzadro alla fattoria La Braccesca.

I notevoli sacrifici che portano il capostipite al risultato dell’affrancamento dal vecchio mestiere,  e ad acquisire quindi i terreni adatti all’attività di coltivatore diretto: attività trasmessa per generazione da padre in figlio e, infine, nipote. Il finale ovviamente non è stato ancora scritto, ma parla senza dubbio di amore, amicizia ed unità, valori rari ed a rischio nella società odierna.

Amore: per la vigna e per Tiziana, spalla su cui poter contare nei momenti difficili. Amicizia: quella nata tra i campi e le fiere enologiche con un altro vigneron “a conduzione singola” come Fabrizio Doveri, anche lui segnalato nell’ultima edizione in presenza di Chianina & Syrah: Cortona si tinge di rosso rinomato evento organizzato dal patron Vittorio Camorri Presidente di Terretrusche.com

Unità: di intenti tra tutti i membri della famiglia Trevisan per raggiungere, partendo da zero, la qualità tanto agognata.

Qui non si parla solo di Syrah, ma di una intera filosofia produttiva sottesa ad esso. Chiuderemo la visita con una piccola e gustosa sorpresa abbinata ad un piatto tipico di quelle zone.

Il primo campione degno di attenzione è il rosato SoloSyrah 2019 Igt Toscana

 

Nel pensare a come è stato vinificato sembra di tornare indietro di qualche secolo. Uso del un torchio verticale, dove gli acini vengono spinti dopo una breve pressione effettuata con i piedi. Seguono acciaio e vetro. Il prodotto che ne deriva è un amalgama di spezie, dalla noce moscata al pepe rosa, in progressione verso fragoline di bosco, liquirizia e note ematiche. Le stesse rinvenute poderose al sorso, verso una chiusura sapida e tostata molto lunga e piacevole. Dire sui generis sarebbe un eufemismo.

Candito 2017 Syrah Cortona Doc

Scuro, denso, materico. Un succo di mirtillo, unito a polvere di pepe e di cacao fondente.  Leggermente appesantito dalla annata pomposa e ricca di calore (nel vero senso della parola). Ancora chiuso su una parte balsamica esuberante, che necessita ulteriore riposo in bottiglia per trovare la sua giusta dimensione.

“Il Papacello” Vermouth Rosso

Dedicato a Tommaso d’Arcangelo Bernabei, pittore nato a Cortona nel 1505 e autore di numerose opere conservate nell’Abbazia di Farneta, vicino al vigneto aziendale.

Una vera rarità, nata partendo proprio dal vino a base Syrah con infusi di arance amare, ciliegie selvatiche, vaniglia, fiori di sambuco e cardamomo. Diverte e rinfresca con garbo e spessore, senza mai trascurare il varietale di partenza.

il coniglio fritto

Lo abbiamo abbinato, in preda ad estasi suprema, al coniglio fritto cucinato dalla mamma di Luca Trevisan. Una antica ricetta che solo abili mani sanno ancora far rivivere, per il piacere del palato fortunato dei presenti.

 

avatar
Scritto da

Luca Matarazzo Sommelier AIS - Degustatore Ufficiale - Relatore corsi per la Campania. Ha partecipato a numerosi concorsi enologici e seminari di approfondimento. Vincitore del Trofeo Montefalco Sagrantino edizione 2021, Wine Consultant collabora attualmente con testate giornalistiche e blog importanti a livello nazionale

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia