Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

assaggi

Tre Bicchieri 2019 del Gambero Rosso – I migliori assaggi della squadra di Vinodabere

Uno degli eventi che la squadra di Vinodabere non può saltare è la presentazione della Guida I Vini d’Italia del Gambero Rosso. Essendo oggettivamente la pubblicazione più importante nel panorama enoico italiano, la nostra testata presta la massima attenzione alle novità e alle conferme che provengono dai colleghi del Gambero Rosso.

Dopo la conferenza stampa, tenutasi nella mattinata del 27 ottobre, abbiamo dunque partecipato alla degustazione dei vini premiati con i Tre Bicchieri nell’edizione 2019 della Guida.

Possiamo dunque segnalarvi alcune etichette che ci hanno veramente colpito:

BAROLO FALLETTO VIGNA LE ROCCHE RISERVA 2012

BAROLO FALLETTO VIGNA LE ROCCHE RISERVA 2012

BAROLO FALLETTO VIGNA LE ROCCHE RISERVA 2012 – BRUNO GIACOSA (note di degustazione di Gianmarco Nulli Gennari)

 Un vino davvero “assoluto”, clamoroso e convincente come pochi, che conferma la leggendarietà di questo cru e del suo artefice, uno degli ultimi “grandi vecchi” delle Langhe, scomparso da poco. Profumi paradigmatici da Nebbiolo, floreali (rosa e viola), di frutti scuri, poi terra, tartufo, nuances balsamiche e speziate. Sorso solenne e asciutto, ma al tempo stesso amichevole e scorrevole, armonico, generoso, grande dinamica e profondità da fuoriclasse, ha margini di invecchiamento notevoli ma a differenza del solito è buonissimo e godibile anche oggi.

FIANO DI AVELLINO TOGNANO 2015

FIANO DI AVELLINO TOGNANO 2015

FIANO DI AVELLINO TOGNANO 2015 – ROCCA DEL PRINCIPE (note di degustazione di Gianmarco Nulli Gennari)

È solo da pochi anni che questa valida azienda di Lapìo ha deciso di imbottigliare un cru di Fiano oltre alla versione annata. Il Tognano però fa subito centro e si inserisce di prepotenza tra le grandi interpretazioni di quello che è uno dei migliori vitigni bianchi italiani: nette note di frutta gialla e tropicale al naso (dovute forse all’annata calda), seguite da toni più sottili di erbe dell’orto, salsedine, torba e cera d’api. In bocca ha un ottimo equilibrio, è molto agile a dispetto della vendemmia, ha un felice contrasto tra frutta matura e mineralità, miele e agrumi. Il finale è lunghissimo e ricco di sfumature fruttate (pera in particolare) e balsamiche.

 

Trento Perle' Zero Cuve'e Zero 2011

Trento Perle’ Zero Cuve’e Zero 2011 – Ferrari

 Trento Perle’ Zero Cuve’e Zero  2011 – Ferrari  (note di degustazione di Carlo Bertilaccio)

Eleganza, compattezza e persistenza per questo Chardonnay dai profumi schietti e puri con toni agrumat,i balsamici e fruttati accompagnati da sentori di erbe officinali e frutta secca (nocciola). Bollicine delicatissime e setose rendono il sorso vellutato e di grande bevibilità.

Pecorino "Giocheremo con i fiori "2017

Pecorino “Giocheremo con i fiori “2017

 Pecorino “Giocheremo con i fiori “2017  – Torre dei Beati (note di degustazione di Carlo Bertilaccio)

Magnifico impatto olfattivo di fiori gialli (ginestra e mimosa) accompagnato da sentori agrumati e fruttati.
Bella acidità e persistenza per un bianco di grande equilibrio che chiude gradevolmente sapido e minerale.

Trento Brut Madame Martis Riserva 2008

Trento Brut Madame Martis Riserva 2008 – Maso Martis

 

Trento Brut Madame Martis Riserva 2008 – Maso Martis (note di degustazione di Salvatore Del Vasto e Sabrina Signoretti)

Solo mille bottiglie prodotte per questo intrigante e deciso metodo classico millesimato 2008 ottenuto dalle migliori e selezionate uve di Pinot Nero, Chardonnay e Pinot Meunier, sboccato a fine febbraio 2018 dopo 9 anni di affinamento sur lie. Elegante al naso con delicate sfumature di crosta di pane, nocciola, miele e sbuffi minerali. In bocca freschezza e sapidità, perfettamente integrate ad una componente glicerica, conferiscono armonia e perfetto equilibrio. Davvero interminabile il finale che invoglia più volte al riassaggio.

Langhe Rosso Giàrborina 2016 

Langhe Rosso Giàrborina 2016

Langhe Rosso Giàrborina 2016  – Elio Altare  (note di degustazione di Salvatore Del Vasto e Sabrina Signoretti)

Fascino e seduzione per questo Nebbiolo in purezza affinato in barrique nuove per 18 mesi. Rubino luminoso al naso regala eleganti sentori di lampone, piccoli frutti rossi, erbe aromatiche e accenni di leggera speziatura. Freschezza e  sapidità al gusto lasciano spazio a richiami fruttati e note balsamiche integrate in una cornice di perfetto equilibrio. Tannino vellutato e lunghissimo il finale.

 

Barbaresco Langhe DOC “Sorì Tildin” 2015

Barbaresco Langhe DOC “Sorì Tildin” 2015

Barbaresco Langhe DOC “Sorì Tildin” 2015-  Gaja (Nebbiolo 95%, Barbera 5%). (note di degustazione di Gianni Travaglini)

Affinato 12 mesi in barrique e 12 mesi in botte grande. All’olfatto mostra profumi di frutti di bosco (mirtilli e ribes, mora) e una bella nota balsamica e di spezie; al gusto è elegante, con un mix ben calibrato tra frutto ed una acidità vigorosa; il sorso è raffinato, seducente, di lunghissima persistenza, sorretto da una scia di tannini finissimi.

 

Barbaresco DOCG “Asili “ vecchie viti 2013

Barbaresco DOCG “Asili “ vecchie viti 2013

Barbaresco DOCG “Asili “ vecchie viti 2013 – Roagna (nebbiolo 100%).  (note di degustazione di Gianni Travaglini)

Affinato in botte grande per 5 anni. Sentori delicati di confettura di frutta rossa (amarena e prugna) e buccia d’arancia al naso, con note di  erbe amare e spezie (chiodi di garofano e cannella); in bocca restituisce una sensazione di leggerezza e sapidità; il tannino è setoso, e chiude con una freschezza salina che amplifica l’eleganza del vino e ne fa intravedere una straordinaria longevità.

 

San Paolo 2016 Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOCG Classico

Verdicchio dei Castelli di Jesi Riserva DOCG Classico San Paolo 2016 – Pievalta

 

Verdicchio dei Castelli di Jesi Riserva DOCG Classico San Paolo 2016 – Pievalta (note di degustazione di Daniele Moroni)

Da un’azienda che gestisce le sue vigne in regime biologico e biodinamico nasce questo Verdicchio proveniente dalla vigna di San Paolo ubicata in una delle zone più vocate per questo vitigno. Dopo 14 mesi di affinamento in acciaio e 4 in bottiglia viene commercializzato.  Sentori di agrume, fiori e frutta (mela golden) ci anticipano un sorso dinamico e sapido. Termina con piacevoli note agrumate e minerali.

 

Malvasia delle Lipari Passito 2017

Malvasia delle Lipari Passito 2017

Malvasia delle Lipari Passito 2017 –  Caravaglio  (note di degustazione di Daniele Moroni)

Dalle isole Eolie ci giunge questo vino le cui uve appassiscono per 15-20 giorni al sole della Sicilia. Parliamo di una Malvasia biologica che viene affinata in parte in acciaio e in parte in rovere per sei mesi, per rimanere altri 6 mesi in bottiglia prima di andare in commercio. Fiori bianchi e agrume si accompagnano a note di miele e noce.  Dinamico ed elegante, restituisce ricordi di agrumi, miele e mela. Molto interessante.

 

Castelli di Jesi Verdicchio Classico Tardivo ma non Tardo Riserva 2016 – Santa Barbara (note di degustazione di Maurizio Valeriani): realmente sorprendente la tensione gustativa e la vena minerale di questo straordinario Verdicchio, che unisce sapidità, avvolgenza ed eleganza in un perfetto connubio, chiudendo con piacevolissimi ricordi di mandorla e pietra focaia.

 

Valtellina Superiore Sassella San Lorenzo 2016 – Mamete Prevostini (note di degustazione di Maurizio Valeriani): ormai questa azienda è diventata, a nostro avviso, il vero riferimento della Valtellina. Questo Chiavennasca (nome locale del Nebbiolo) si presenta con sentori floreali e speziati che cedono gradualmente spazio alle note fruttate e agrumate. Il sorso è avvolgente ma progressivo e di grandissima piacevolezza risulta il finale sapido e iodato.

 

 

 

avatar
Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2021 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia