Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Guida ai Migliori Vini dell’Alto Piemonte di Vinodabere – Le Classifiche dei migliori Fara, Lessona e Sizzano

Dopo avervi parlato della Classifica dei migliori Ghemme (link), dei migliori Gattinara (link), dei migliori Boca e Bramaterra (link) è il momento di passare ai migliori Fara, Lessona e Sizzano nella Guida ai Migliori Vini dell’Alto Piemonte.

 

Ricordiamo sempre le note metodologiche.

Metodologia
L’impostazione vede confermate le scelte delle Guide di Vinodabere. L’obiettivo rimane quello di rivolgersi al consumatore finale, ai ristoratori e tutti gli esercenti dei circuiti commerciali che ruotano attorno al vino. Che abbiamo dunque messo al centro del nostro lavoro, creando delle classifiche per tipologia ed insiemi omogenei, provando a rispondere alle esigenze di chi vuole orientarsi nell’acquisto di una bottiglia o nella costruzione di una cantina o anche di una carta dei vini se titolare di un locale. Non mancano le descrizioni delle aziende e le loro storie, ma solo dopo ciascun vino recensito; per questo alcune – quelle di cantine presenti con più vini – saranno ripetute per non costringere il lettore ad andare a cercarle altrove nella Guida.
Utilizziamo alcuni simboli per spiegare ancora meglio le differenze qualitative tra i vini recensiti.
Abbiamo scelto di fare riferimento ad un mondo diverso da quello enoico, e vicino a quello delle emozioni di tutti i giorni, attribuendo 1 applauso per quelle etichette che si attestano tra i 90 ed i 94,9 centesimi (vini decisamente buoni), 2 applausi tra i 95 ed i 97,9 (vini ottimi), ed una standing ovation tra 98 e 100 (vini eccellenti). I punteggi, essendo frutto di una media di degustazione in panel, possono prevedere anche i decimi di punto. Le classifiche sono in ordine decrescente.
Per rendere più compiutamente comprensibili e trasparenti le nostre valutazioni vi ricordiamo che abbiamo usato una scala di punteggio internazionale (quindi in media leggermente più alta di quelle in uso in Italia) e che tutti gli assaggi sono stati svolti rigorosamente alla cieca presso l’Osteria Poerio di Roma, che ringraziamo per l’ospitalità. Il nostro ringraziamento va inoltre al Consorzio Tutela Alto Piemonte ed in particolare a Lorella Zoppis Antoniolo per il supporto nella raccolta dei campioni.

 

La Squadra

Curatori: Maurizio Valeriani e Antonio Paolini

I testi che leggerete in Guida sono di: Carlo Bertilaccio, Salvatore Del Vasto, Maurizio Gabriele, Luca Matarazzo, Daniele Moroni, Gianmarco Nulli Gennari, Antonio Paolini, Emanuela Pistoni, Stefano Puhalovich, Carlotta Salvini, Franco Santini, Marco Sciarrini, Gianni Travaglini, Paolo Valentini, Maurizio Valeriani.
Hanno completato il panel di assaggio: Paolo Frugoni, Federico Gabriele, Claudia Marinelli, Claudia Marocchi, Giuseppe Picconi 

La Classifica dei Migliori Fara

 

 

5

Fara 2017 – Il Chiosso 94,5/100

prezzo a scaffale enoteca 16 euro circa

Uve coltivate su terreni a base acida composti da argille, sabbia e da diversi tipi di minerali provenienti dal disfacimento fluvio-glaciale del Monte Rosa. 90% Nebbiolo, 5% Vespolina, 5% Uva Rara; affinato per due anni in grandi botti di rovere francese. Il tipico naso “nebbiolesco” si esprime con note di violetta, ciliegia, sottobosco, pepe e spezie orientali. Bocca succosa, di grande compostezza e finezza, golosa, di buona dinamica. Frutto e sale protagonisti nel finale di ottima persistenza. Uso del legno da manuale.

L’Azienda: Il Chiosso

viale Guglielmo Marconi, 45-47 – 13045 Gattinara (VC)
email: info@ilchiosso.it
Tel.: 0163 826739

Nell’Alto Piemonte, il Chiosso è un vigneto delimitato da un muro di pietra: evidente assonanza con il francese clos. Il Chiosso nasce nel 2007 per iniziativa di Marco Arlunno e Carlo Cambieri, già produttore di Ghemme il primo, proprietario e conduttore di vigneti in Gattinara il secondo. Dodici ettari sparsi nelle principali denominazioni dell’area (Gattinara, Ghemme, Fara, Sizzano) danno vita a una gamma ricca e di ottimo livello: ben quattro etichette sono presenti nella nostra guida.

 

——————————————————————————————————————-

4

Fara Ciada 2013 – VIGNETI VALLE RONCATI 95,8/100

prezzo a scaffale enoteca 25  euro circa

Un blend ottenuto da 70% di Nebbiolo 20% di Vespolina e 10% di Uva rara.

Un doppio applauso più che meritato per un vino che si presenta con le sue note speziate, un ricordo di liquirizia, e un sorso intrigante ed energico. Il tannino è levigato ed il finale persistente.

L’Azienda: Vigneti Valle Roncati

Via nazionale 10/A 28072 Briona (NO)

email: info@vignetivalleroncati.it 

Tel.: 335.5732548 / 011.8005851

Seguendo le orme del nonno Giuseppe Fassa, viticoltore a Briona sin dai primi del ‘900, il nipote Corrado e la moglie Cecilia fondano nel 1997 l’Azienda Agricola Valle Roncati, per pura passione e desiderio di rinnovare l’antica tradizione vitivinicola della famiglia Fassa. La scelta di diventare viticoltori non è stata casuale ma ragionata, seppur in parte dettata dal cuore. La cantina è situata nel territorio del Comune di Briona (NO) ed i vigneti sono distribuiti sui territori di Briona, Sizzano e Ghemme per complessivi 13 ettari.

 

—————————————————————————————————————-

3

Fara Barton 2017 – BONIPERTI GILBERTO 96,5/100  

prezzo a scaffale enoteca  25 euro circa

Tipicità e carattere, espressione di questa piccolissima Doc dell’Alto Piemonte, caratterizzano l’assaggio del Barton, ottenuto da uve Nebbiolo 70% e Vespolina 30%, affinato in botte grande per i 20 mesi successivi alla vendemmia e ancora in bottiglia per quattro mesi. Floreale, delicatamente fruttato (lamponi soprattutto), speziato (chiodi di garofano) e con accenni balsamici, al gusto mostra una spiccata piacevolezza. Fresco e sapido, il vino ha tannini fitti e ben integrati. Lungo e appagante il finale, che invita al riassaggio.

L’Azienda: Agricola Gilberto Boniperti

Via Vittorio Emanuele, 43

28010 Barengo (NO)

Tel. +39 347 0302469

Email: info@bonipertivignaioli.com

Sole, Terra e Tradizione. Così nasce il progetto di lavoro e di vita targato Boniperti e basato sulla ricerca della qualità. Progetto che inizia a muovere in maniera incisiva i primi passi a partire dal 2003 quando, con il reimpianto del vigneto “Barton”, viene fondata l’azienda che oggi conta nel territorio di Barengo tre ettari impiantati a Nebbiolo, Vespolina e Barbera. La densità media di impianto di poco superiore ai 4000 ceppi per ettaro, la scelta di effettive basse rese di produzione, la raccolta a mano in piccole casse solo quando le uve raggiungono la giusta maturità sono alcuni dei fattori che contribuiscono a ottenere vini schietti dal sapore marcatamente territoriale

———————————————————————————————————–

2

Fara Lochera 2015 – CANTINOTECA DEI PROLO   97/100 

prezzo a scaffale enoteca  25 euro circa

Ottenuto da uve Nebbiolo 70% e Vespolina 30% vinificate in acciaio e affinate per 24 mesi in barrique e successivamente in botte grande, Il Lochera sciorina al naso un’intensa percezione di frutti di bosco maturi, richiami floreali e leggere sfumature speziate. Succoso, ricco, dinamico e appagante al gusto, il vino è caratterizzato da una intrigante progressione fresco-sapida. Lungo il finale, giocato su ritorni fruttati.

L’Azienda: dei Prolo

 

Via Tosalli 51 28073 Fara Novarese
Tel.: 0321829733

Storica realtà del territorio di Fara, dalla filosofia produttiva ben precisa e delineata. Basse rese per ettaro, vendemmia manuale, pressatura soffice delle uve, invecchiamento in botti di rovere e affinamento in bottiglia sono gli indirizzi aziendali, tesi alla produzione di etichette dalla spiccata vocazione territoriale e realizzate per di più con estrema attenzione alla tutela dell’ambiente.

—————————————————————————————————————–

1

Fara  2016 – CASTALDI FRANCESCA  98,2/100 

prezzo a scaffale enoteca 30 euro circa

Da un blend di uve Nebbiolo (70%) e Vespolina (30%) che, dopo la fermentazione e la lunga macerazione in acciaio, matura in legno grande per 24 mesi cui seguono altri nove di affinamento in acciaio. Il risultato sorprende per equilibrio tra i sentori tipici del Nebbiolo (sottobosco, frutto rosso, note iodate e floreali) e quelli della Vespolina che apporta note di speziatura dolce, rabarbaro e china. Bocca elegante, armonica, con tannini setosi e lunghissimo finale dai ritorni tostati e mandorlati.

L’Azienda: Agricola Castaldi Francesca

Via Ten. Solaroli 8 – 28072 Briona (No)

email: francesca@cantinacastaldi.it
Tel.: +39 3387869887 (Francesca)     +39 3393099412 (Marco)

La famiglia Castaldi si è sempre distinta nella valorizzazione del territorio e delle uve autoctone dell’Alto Piemonte con tecniche di vinificazione moderne, rispettose della natura e della tradizione. Vengono utilizzati mezzi biologici di controllo delle malattie della vite e la produzione dei vini segue criteri di sostenibilità ambientale e di accorciamento della filiera, come previsto dalla FIVI (Federazione vignaioli indipendenti) di cui l’azienda fa parte.

 

La Classifica dei Migliori Lessona

 

 

4

Lessona San Sebastiano allo Zoppo 2011 – TENUTE SELLA 1671   93,5/100

prezzo a scaffale enoteca  35 euro circa

Un nome che è simbolo di Lessona e della sua storia. La collina di San Sebastiano allo Zoppo risulta coltivata a vite fin dal 1436. Dalle uve di questo storico vigneto, con i suoi vecchi ceppi di Nebbiolo e Vespolina, si ottiene un vino dalla spiccata intensità gusto olfattiva. Percezioni speziate e fruttate, note di caffè, delicati richiami floreali anticipano un sorso pieno, vibrante, equilibrato, con tannini perfettamente integrati e una trama acida ben in evidenza. Fine e appagante il finale dai ritorni fruttati.

L’Azienda: Tenute Sella 1671

 

Via IV Novembre, 130

13853 Lessona (Biella) – Italia

Email: info@tenutesella.it

Telefono: +39.015.99455

Storica realtà familiare e riferimento assoluto per la vitivinicoltura biellese, Tenute Sella affonda le sue radici storiche nel lontano 1671 quando Comino Sella acquisisce una vigna a Lessona, piccolo territorio vinicolo già allora storicamente dedicato alla produzione di rossi di pregio, frutto di terre nobili e sabbie di un antico mare. Oggi poco più venti ettari, condotti con il massimo rispetto di ambiente, natura ed ecosistema regalano uve schiette, pregiate, concentrate da cui la Tenuta ottiene vini capaci di interpretare e valorizzare tutte le sfumature del territorio senza alcuna forzatura enologica. Per l’affinamento dei vini si privilegiano fusti da 10/25 ettolitri di Slavonia e barrique parzialmente nuove, seguendo uno stile classico e tradizionale.

—————————————————————————————————————-

3

Lessona 2014 – TENUTE SELLA 1671  95/100   

prezzo a scaffale enoteca  24 euro circa

Ottenuto da vigneti di circa 30 anni di età situati sulle colline storiche dell’omonimo comune, questo Lessona complesso, elegante e aristocratico offre all’olfatto sentori di ribes maturo, liquirizia, accenni balsamici e nuances floreali. Il sorso è vellutato e scorrevole, sorretto da una incisiva trama fresco-sapida poggiata su tannini setosi. Lunga e persistente la chiusura, con ritorni fruttati e balsamici.

L’Azienda: Tenute Sella 1671

Via IV Novembre, 130

13853 Lessona (Biella) – Italia

Email: info@tenutesella.it

Telefono: +39.015.99455

Storica realtà familiare e riferimento assoluto per la vitivinicoltura biellese, Tenute Sella affonda le sue radici storiche nel lontano 1671 quando Comino Sella acquisisce una vigna a Lessona, piccolo territorio vinicolo già allora storicamente dedicato alla produzione di rossi di pregio, frutto di terre nobili e sabbie di un antico mare. Oggi poco più venti ettari, condotti con il massimo rispetto di ambiente, natura ed ecosistema regalano uve schiette, pregiate, concentrate da cui la Tenuta ottiene vini capaci di interpretare e valorizzare tutte le sfumature del territorio senza alcuna forzatura enologica. Per l’affinamento dei vini si privilegiano fusti da 10/25 ettolitri di Slavonia e barrique parzialmente nuove, seguendo uno stile classico e tradizionale.

——————————————————————————————————————

2

Lessona Pidrin 2015 – CASSINA PIETRO  96/100  

prezzo a scaffale enoteca 28  euro circa

Un Nebbiolo potente ed elegante, figlio del territorio da cui proviene. Al naso ti accoglie con una “bordata” floreale, a cui segue un frutto vivo, fresco, e poi un sottofondo di spezie. In bocca si presenta snello e acido, con toni quasi ferrosi, prototipo ideale per gli amanti di vini affilati e molto minerali. Il finale è persistente e intenso, con un calore alcolico che comunque di fa sentire. Una perfetta sintesi della produzione artigianale di Cassina.

L’Azienda: Cassina Pietro

Via IV Novembre, 171 – Lessona (BI)

E-mail: info@pietrocassina.it

Tel.: 015 99372

L’azienda si trova a Lessona, in provincia di Biella, a poca distanza dal Monte Rosa e da Torino, in un contesto circondato da boschi e colline. Sono poco più di sei gli ettari di vigneti immersi in questo territorio assai particolare, dove il Nebbiolo si è acclimatato perfettamente, esprimendosi con naturale eleganza e finezza. Pietro Cassina gestisce i suoi pochi ettari “alla francese”, cioè suddividendoli in vari “cru”, da cui ricava una decina di etichette dai tre vitigni coltivati: Nebbiolo, Vespolina ed Erbaluce. Le rese sono tenute bassissime, raramente oltre i 40 quintali/ettaro. Attenzione all’ambiente e sensibilità in cantina, completano il quadro di una piccola azienda modello.

————————————————————————————————————–

1

Lessona 2016 – SOCIETA’ AGRICOLA LA PREVOSTURA S.S.  96,5/100   

prezzo a scaffale enoteca  32 euro circa

È il vino di punta dell’azienda. Ottenuto da uve Nebbiolo al 100% vendemmiate a mano, fermenta in acciaio, svolge la malolattica in legno e in seguito matura per 22 mesi in botti grandi e medie, cui seguono ulteriori 11 mesi di affinamento in bottiglia. Naso elegante e molto stratificato con prevalenza di sottobosco, humus e frutto rosso maturo a cui seguono speziatura, note di cuoio e tostatura. In bocca il vino sorprende per l’armonia tra calore e freschezza che, assieme alla setosità dei tannini, si accompagna a ritorni di tostatura nel lungo finale.

L’Azienda: Società Agricola La Prevostura

C.na Prevostura 1 – 13853 Lessona (Biella)
email: info@laprevostura.it
Tel.: +39 0158853188          +39 3491499863

L’azienda prende il nome da una delle colline più vocate alla coltivazione della vigna, grazie alla sua esposizione sud-sud.est, nel “terroir” Lessona. Dopo un passato glorioso, essendo appartenuta ai Marchesi La Marmora ed alla famiglia Quario, nella seconda metà del ventesimo secolo venne coinvolta nel declino della viticoltura del Biellese per risollevarsi poi all’inizio del nuovo millennio grazie all’impegno dei fratelli Marco e Davide Bellini che, con il loro impegno nella ricerca della qualità, l’hanno riportata in alto.


La Classifica dei Migliori Sizzano

4

Sizzano 2018 – Il Chiosso 96/100 

prezzo a scaffale enoteca 16 euro circa

Classico “taglio” (70% Nebbiolo, 15% Vespolina, 15% Uva Rara) di questa piccola denominazione, la più meridionale della zona assieme a Fara. Affina in grandi botti di rovere francese per almeno 16 mesi. Naso fruttato (ciliegia, mirtillo) e floreale (viola e geranio), con un buon contributo di spezie e lievi cenni di tostatura (vaniglia, cacao). Il sorso è energico, rotondo, sapido, giustamente tannico, in equilibrio tra calore e freschezza; una leggera contrazione in chiusura non gli impedisce di distendersi, con un bel timbro minerale (terra bagnata) e ritorni di frutti rossi e neri.

L’Azienda: Il Chiosso

viale Guglielmo Marconi, 45-47 – 13045 Gattinara (VC)
email: info@ilchiosso.it
Tel.: 0163 826739

Nell’Alto Piemonte, il Chiosso è un vigneto delimitato da un muro di pietra: evidente assonanza con il francese clos. Il Chiosso nasce nel 2007 per iniziativa di Marco Arlunno e Carlo Cambieri, già produttore di Ghemme il primo, proprietario e conduttore di vigneti in Gattinara il secondo. Dodici ettari sparsi nelle principali denominazioni dell’area (Gattinara, Ghemme, Fara, Sizzano) danno vita a una gamma ricca e di ottimo livello: ben quattro etichette sono presenti nella nostra guida.

—————————————————————————————————————-

3

Sizzano 2016 – CANTINA COMERO di Cominoli Paolo 97/100   

prezzo a scaffale enoteca 22  euro circa

Elegante ed equilibrato si concede al naso con intensi profumi di violetta, visciola, accenni di liquirizia e richiami balsamici. Succoso e appagante all’assaggio si connota per un’intrigante progressione fresco sapida ed una pregevole trama tannica. Davvero lungo e appagante il finale su ritorni fruttati.

L’Azienda: Cantina Comero di Cominoli Paolo

 

Indirizzo Via Giuseppe Corna, 8,

28070 Sizzano NO
email: info@cantinacomero.it

La Storia della Cantina Comero, situata nel cuore dell’Alto Piemonte, nasce da una passione e da un amore incondizionato per il proprio territorio che ha dato vita, nel 2009 a una piccola e dinamica azienda a conduzione familiare che punta a valorizzare la DOC Sizzano nella riscoperta della tradizione e nella sua conservazione, utilizzando le più moderne tecniche di vinificazione.

—————————————————————————————————————-

2

Sizzano San Bartolomeo 2012 – VIGNETI VALLE RONCATI 98,3/100   

prezzo a scaffale enoteca 20 euro circa

Questo straordinario Sizzano, che conquista la nostra standing ovation, si annuncia con il suo colore rubino che oramai tende al granato, ma soprattutto con delle note olfattive ricche di frutti rossi e di spezie. L’ingresso in bocca è di quelli che ti conquistano, con liquirizia in primo piano, ma soprattutto corpo ed eleganza che vanno di pari passo dimostrando che l’età per questo vino non rappresenta certo un problema. Una trama tannica elegante e un finale lungo completano il quadro organolettico.

L’Azienda: Vigneti Valle Roncati

Via nazionale 10/A 28072 Briona (NO)

email: info@vignetivalleroncati.it 

Tel.: 335.5732548 / 011.8005851

Seguendo le orme del nonno Giuseppe Fassa, viticoltore a Briona sin dai primi del ‘900, il nipote Corrado e la moglie Cecilia fondano nel 1997 l’Azienda Agricola Valle Roncati, per pura passione e desiderio di rinnovare l’antica tradizione vitivinicola della famiglia Fassa. La scelta di diventare viticoltori non è stata casuale ma ragionata, seppur in parte dettata dal cuore. La cantina è situata nel territorio del Comune di Briona (NO) ed i vigneti sono distribuiti sui territori di Briona, Sizzano e Ghemme per complessivi 13 ettari.

—————————————————————————————————————

1

Sizzano 2015 – Az. CHIOVINI PARIDE E RANDETTI MARIA ELENA s.a.s. 98,9/100 

prezzo a scaffale enoteca 20 euro circa

Una strepitosa interpretazione di questa piccola azienda artigianale. Il “vino madeleine” per eccellenza, capace di scatenare nella mente di chi assaggia ricordi di un tempo e un luogo lontani. Un Sizzano che esprime a perfezione il principe dei vitigni piemontesi, il Nebbiolo, tra note di viola appassita, humus, spezie morbide e tostature intriganti. Non manca un richiamo balsamico, più evidente al palato, complice anche un’annata davvero potente. Il vino, davvero super, affina 36 mesi al minimo, di cui 24 in botti di legno. Da provare con nodini di vitello alla finanziera.

L’Azienda: Chiovini & Randetti soc. agr. semplice

 

 

 

 

 

 

via Giuseppe Garibaldi 20
28070 Sizzano, Novara, Italy
mobile: +39 339 43 04 954

 info@paridechiovini.it

I vini di Paride Chiovini dal 1997 rappresentano al meglio la tradizione agricola del territorio dell’Alto Piemonte. Poco più di tre gli ettari vitati, a Nebbiolo (localmente detto Spanna), Vespolina (o Ughetta), Uva Rara (o Bonarda Novarese), autoctoni a bacca rossa e il bianco Erbaluce Novarese. Vigneti tra Sizzano e Ghemme, in parte considerati ormai “vecchi” e caratterizzati da bassa densità d’impianto. A seguito della ristrutturazione aziendale, la vecchia stalla è stata ristrutturata e divisa tra locali per l’imbottigliamento e l’invecchiamento, quest’ultimo a temperatura costante, a proteggere le botti di legno da 225 e 500 litri in cui riposano amorevolmente curati vini dalle ottime prospettive di longevità

 

 

 

 

 

 

 

avatar
Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia