Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Guida ai Migliori Vini dell’Alto Piemonte di Vinodabere – Le Classifiche dei migliori Boca e Bramaterra

Dopo avervi parlato della Classifica dei migliori Ghemme (link) e dei migliori Gattinara (link) è il momento di passare ai migliori Boca e Bramaterra nella Guida ai Migliori Vini dell’Alto Piemonte.

 

Ricordiamo sempre le note metodologiche.

Metodologia
L’impostazione vede confermate le scelte delle Guide di Vinodabere. L’obiettivo rimane quello di rivolgersi al consumatore finale, ai ristoratori e tutti gli esercenti dei circuiti commerciali che ruotano attorno al vino. Che abbiamo dunque messo al centro del nostro lavoro, creando delle classifiche per tipologia ed insiemi omogenei, provando a rispondere alle esigenze di chi vuole orientarsi nell’acquisto di una bottiglia o nella costruzione di una cantina o anche di una carta dei vini se titolare di un locale. Non mancano le descrizioni delle aziende e le loro storie, ma solo dopo ciascun vino recensito; per questo alcune – quelle di cantine presenti con più vini – saranno ripetute per non costringere il lettore ad andare a cercarle altrove nella Guida.
Utilizziamo alcuni simboli per spiegare ancora meglio le differenze qualitative tra i vini recensiti.
Abbiamo scelto di fare riferimento ad un mondo diverso da quello enoico, e vicino a quello delle emozioni di tutti i giorni, attribuendo 1 applauso per quelle etichette che si attestano tra i 90 ed i 94,9 centesimi (vini decisamente buoni), 2 applausi tra i 95 ed i 97,9 (vini ottimi), ed una standing ovation tra 98 e 100 (vini eccellenti). I punteggi, essendo frutto di una media di degustazione in panel, possono prevedere anche i decimi di punto. Le classifiche sono in ordine decrescente.
Per rendere più compiutamente comprensibili e trasparenti le nostre valutazioni vi ricordiamo che abbiamo usato una scala di punteggio internazionale (quindi in media leggermente più alta di quelle in uso in Italia) e che tutti gli assaggi sono stati svolti rigorosamente alla cieca presso l’Osteria Poerio di Roma, che ringraziamo per l’ospitalità. Il nostro ringraziamento va inoltre al Consorzio Tutela Alto Piemonte ed in particolare a Lorella Zoppis Antoniolo per il supporto nella raccolta dei campioni.

 

La Squadra

Curatori: Maurizio Valeriani e Antonio Paolini

I testi che leggerete in Guida sono di: Carlo Bertilaccio, Salvatore Del Vasto, Maurizio Gabriele, Luca Matarazzo, Daniele Moroni, Gianmarco Nulli Gennari, Antonio Paolini, Emanuela Pistoni, Stefano Puhalovich, Carlotta Salvini, Franco Santini, Marco Sciarrini, Gianni Travaglini, Paolo Valentini, Maurizio Valeriani.
Hanno completato il panel di assaggio: Paolo Frugoni, Federico Gabriele, Claudia Marinelli, Claudia Marocchi, Giuseppe Picconi.

La Classifica dei Migliori Boca

 

 

5

Boca 2016 – AZIENDA VINICOLA SERGIO BARBAGLIA 95,5/100

prezzo a scaffale enoteca 34  euro circa

Vino ancora in divenire ma già buonissimo. Al naso ha sentori giovanili di piccoli frutti rossi e neri in primis, seguiti da sbuffi iodati e di rabarbaro, e un sentore di cuoio e pellame. In bocca è succoso , ricco di stimoli e polposo, con tannini fitti ma di perfetta maturazione, ha frutto e spezia a contrasto, con una freschezza incredibile. Finale lungo e radioso, per un vino che deve ancora dare il meglio di sé.

L’Azienda: Barbaglia

Via Dante, 54 – Cavallirio (NO)
E-mail: info@vinibarbaglia.it
Tel.: 0163 801154

In un territorio di grande fascino e vocazione, tra boschi, colline e sfondi di impervie montagne, Sergio Barbaglia e sua figlia Silvia conducono questa piccola azienda a gestione familiare. Il primo si occupa della cantina, la seconda utilizza la sua energia giovanile per far conoscere i grandi vini della casa e per fare da ambasciatrice di questo splendido luogo. Le vigne nascono su suoli ricchissimi di minerali, che si intravedono anche dalle singolari sfumature cromatiche. Sono, i loro, vini schietti e veraci, perfetti testimoni di un terroir unico.

————————————————————————————————————-

4

Boca Vigna Cristiana 2012 – PODERE AI VALLONI   96/100

prezzo a scaffale enoteca 33,50 euro circa.

Da uve Nebbiolo 70% Vespolina 20% Uva Rara 10%  con sosta di 3 anni in botte di rovere. Si ritrova nel calice la terra da cui proviene con sentori boschivi, note di piccoli frutti a bacca rossa e sensazioni che vanno dal melograno all’humus, fungo, terra bagnata. In evidenza anche la mineralità,  con toni di grafite e  pietra focaia. Speziato, caldo, peposo, balsamico presenta un sorso profondo, elegante e complesso.

L’Azienda: PODERE AI VALLONI SRL

Via Traversagna  1

28010  Boca  – NO

tel. 0322.87332

Podere ai Valloni prende il nome dai colli e valli boschive intorno Boca denominati appunto “Valloni”. Due secoli fa il nobile Finazzi impiantò il vitigno Nebbiolo dando vita al primo vigneto professionale. Nel 1980 Guido e Cristiana Sertorio rimasero incantati alla vista di questi luoghi e decisero di salvarli dallo stato di abbandono in cui versavano, rilevando e ristrutturando la dimora e il vigneto. nasce così Vigna Cristiana, la migliore vigna dell’azienda. L’azienda si sviluppa su 4 ettari di proprietà attorniati dai boschi del Parco Naturale del Monte Fenera, sulle quote più alte si trovano i vigneti, su terreno vulcanico. il vino che ne scaturisce è di un’eleganza e mineralità spiccate. Ad aiutare la qualità è anche il microclima, che grazie alle fresche correnti provenienti dalle valli, favorisce la ricchezza in profumi e sapori dell’uva. Si seguono tecniche di potatura manuale, i trattamenti attuati sono quelli strettamente necessari senza l’utilizzo di diserbanti ed insetticidi chimici e si procede ad un’attenta selezione dei grappoli già al momento dell’invaiatura.

—————————————————————————————————————

3

Boca Il Rosso delle Donne 2016 – CANTINE DEL CASTELLO  di Conti Elena, Anna e Paola S.n.c. 97,5/100  

prezzo a scaffale enoteca 56 euro circa

Da uve Nebbiolo 70%, Vespolina 25% e Uva Rara 5%. La fermentazione e la lunga macerazione avvengono in acciaio, seguono la maturazione in botti di legno per quasi tre anni e ulteriore affinamento in bottiglia per un anno. Il vino si presenta con un bel rubino vivo e consistente, naso intrigante che spazia tra il frutto rosso croccante, note floreali, balsamiche e terziarizzate (smalto, incenso). Bocca larga ed elegante, giustamente tannica e con sapidità, mineralità e freschezza avvolgenti nel lungo finale.

L’Azienda: Cantine del Castello di Conti Elena, Anna e Paola SNC

Via Borgomanero 15 – 28014 Maggiora (No)
 info@castelloconti.it
Tel.: +39 032287187

Nel 1963 Ermanno Conti fonda quest’azienda con l’intento di perpetuare la tradizione e la tipicità dell’Alto Piemonte nella produzione di grandi vini come il Boca. Il testimone è quindi passato alle tre figlie Elena, Anna e Paola che continuano, con ottimi risultati, sulla strada tracciata dal padre. Le cui linee guida prevedono il recupero dell’impianto delle vigne a Maggiorina e l’utilizzo di composti naturali nello sviluppo e difesa della vigna.

—————————————————————————————————————–

2

Boca 2016 – Le Piane  98/100  

prezzo a scaffale enoteca  55 euro circa

Taglio di Nebbiolo (85%) con saldo di Vespolina (15%), come vuole la tradizione locale. Impianti di età varia che arrivano anche a 50 anni, su ghiaie porfiriche di origine vulcanica. Uve vendemmiate a fine ottobre. Minimo tre anni in botti di Slavonia di 20 e 28 ettolitri. Odora di prugna e melograno, di rosa e viola, di erbe amare e frutta secca, con cenni speziati e di tabacco. Diversamente dal solito, il palato è già apertissimo, sapido e molto godibile, di grande eleganza e avvolgenza gustativa, un Nebbiolo che (anche grazie all’apporto speziato della Vespolina) assume toni quasi mediterranei.

L’Azienda: Le Piane

 

 

 

 

 

Piazza Matteotti, 2 – 28010 Boca (NO)
email: info@bocapiane.com
Tel.: 3382898789

Lo svizzero Christoph Kuenzli rilevò a fine anni Novanta l’azienda di Antonio Cerri, uno degli ultimi produttori rimasti di Boca, dove il numero di ettari coltivati era crollato nel corso del Novecento. È soprattutto grazie a lui e a poche altre cantine “sopravvissute” se oggi la denominazione è rinata: un’efficace comunicazione ha ridato visibilità a un vino che sembrava sparito e ha stimolato un nuovo percorso che darà un futuro al territorio.

—————————————————————————————————————-

1

Boca 2015 – PODERI GARONA di Duella Renzo 98,2/100    

prezzo a scaffale enoteca 30  euro circa

L’annata calda e ricca ha dato origine ad un magnifico vino. Frutto di un blend di uve Nebbiolo 70%, Vespolina 20% e Uva Rara 10%, sosta 36 mesi in rovere di Slavonia e affina 12 mesi in bottiglia. Colore granato, profumi intensi e complessi di frutti scuri maturi (amarena, prugna, mora), di viola e spezie dolci (macis, anice stellato, cardamomo). L’ingresso nel palato è caldo, ricco, l’evoluzione in bocca fa emergere grande freschezza. I tannini setosi e la giusta sapidità rendono la beva estremamente fine ed elegante. Si farà apprezzare ancora per molti anni

L’Azienda: Poderi Garona di Duella Renzo

Indirizzo: Via Maggiora 33/A -28021 Borgomanero (NO)
email: boca@poderigarona.it
Tel.: 344.17.08.791

L’azienda, relativamente giovane, si fonda però sulla tradizione centenaria della Famiglia Duella, ed è condotta oggi da Renzo Duella e sua moglie Silvia. Il Monte Rosa protegge le vigne che sono locate nella sottozona Garona, all’interno del Parco Naturale del Monte Fenera; sono circa 3 ettari compresi in un unico lotto a circa 400 metri s.l.m.. Nebbiolo, Vespolina e Uva Rara sono i vitigni coltivati. I terreni, di origine vulcanica, sono caratterizzati da stratificazioni di ghiaia, ciottoli e porfidi affioranti dal colore rossiccio che evidenzia la presenza di ferro.

 

 

La Classifica dei Migliori Bramaterra

 

5

Bramaterra Leo 2016 – CASSINA PIETRO 94/100  

prezzo a scaffale enoteca 15  euro circa

Un Bramaterra molto originale, sia dal punto di vista olfattivo che gustativo. Al naso è molto fresco e unisce alle classiche note di frutti scuri e spezie un sottofondo erbaceo molto evidente. In bocca è equilibrato e snello, di grande piacevolezza. Non sarà forse un campione di tipicità, ma è vino che si lascia bere con gran gusto. Il classico compagno della tavola che mette d’accordo un po’ tutti. Finale pulito e netto sul frutto.

L’Azienda: Cassina Pietro

Via IV Novembre, 171 – Lessona (BI)
E-mail: info@pietrocassina.it
Tel.: 015 99372

L’azienda si trova a Lessona, in provincia di Biella, a poca distanza dal Monte Rosa e da Torino, in un contesto circondato da boschi e colline. Sono poco più di sei gli ettari di vigneti immersi in questo territorio assai particolare, dove il Nebbiolo si è acclimatato perfettamente, esprimendosi con naturale eleganza e finezza. Pietro Cassina gestisce i suoi pochi ettari “alla francese”, cioè suddividendoli in vari “cru”, da cui ricava una decina di etichette dai tre vitigni coltivati: Nebbiolo, Vespolina ed Erbaluce. Le rese sono tenute bassissime, raramente oltre i 40 quintali/ettaro. Attenzione all’ambiente e sensibilità in cantina, completano il quadro di una piccola azienda modello.

—————————————————————————————————————

4

Bramaterra 2017 – La Psigula  95/100

prezzo a scaffale enoteca 27 euro circa

Elegante interpretazione territoriale da uve Nebbiolo in prevalenza, con un saldo di Vespolina e Croatina, questo Bramaterra affinato per 24 mesi in botti di rovere di Slavonia sorprende per l’ampio spettro olfattivo: viola, frutti di bosco, ciliegia, erbe aromatiche tabacco dolce e nuances balsamiche precedono un sorso di gran vigore, fresco, dai tannini integrati e una lunga chiusura sapido-speziata.

L’Azienda: La Psigula

 

 

 

 

 

Regione Torre snc, Frazione San Nicolao – 13865 CURINO Biella
Email: lapsigula@gmail.com
Tel: +39 3402558146 – +39 3462249857

A Curino, piccolo comune dell’Alto Piemonte biellese, nasce nel 2015 la Psigula, giovane azienda di Giacomo Foglia e sua moglie Claudia che, con coraggio ed entusiasmo, hanno ridato vita a una torre medioevale circondata da vigneti coltivati prevalentemente a Nebbiolo, trasformando quello che inizialmente era solo un hobby in una dinamica realtà produttiva. Poco più di 1,5 ettari il plafond vitato, tutto su suoli vulcanici, per circa 3000 bottiglie, dalla spiccata impronta territoriale, prodotte annualmente.

————————————————————————————————————–

3

Bramaterra 2015 – Soc. Agricola ROCCIA ROSSA  96/100   

prezzo a scaffale enoteca 20 euro circa

Composto da un uvaggio di Nebbiolo 80%, Vespolina 15% e Croatina 5%, sosta 24 mesi in botti di rovere e affina altri 24 mesi in bottiglia. Colore granato con riflessi aranciati. Profumi floreali (rosa rossa, viola) e spezie scure caratterizzano il quadro olfattivo. Il sorso è intenso e strutturato con buona sapidità e mineralità, i tannini morbidi e piacevoli, il finale lungo e persistente. Ha davanti ancora molti anni nel suo percorso evolutivo

L’Azienda: Società Agricola Roccia Rossa s.r.l.

Indirizzo: Via Roma, 45 – 13862 Brusnengo (Biella)
email: info@rocciarossa.it
Tel.: +39 351 658 0228

La passione e l’esperienza decennale di Galliano Boscolo hanno dato origine nel 2011 a questa piccola azienda (5 ettari di vigne), per produrre in primis il vino principe di questa zona, il Bramaterra. I terreni, circa 5 ettari ad una altezza di 400 metri s.l.m., sono sabbiosi e ricchi di porfidi ed arenarie. Le vigne, di età media 20 anni, sono situate nel Comune di Villa del Bosco (BI)- frazione Pianelle ed i vitigni sono quelli classici della Doc Bramaterra: Nebbiolo (denominato Spanna), Croatina, Vespolina, e altri. La vendemmia è manuale e la produzione non supera mai i 50 quintali per ettaro.

———————————————————————————————————-

2

Bramaterra 2014 – TENUTE SELLA 1671   96,5/100

prezzo a scaffale enoteca  25 euro circa

Ottenuto dalle migliori uve di Nebbiolo 70%, Croatina 20% e Vespolina 10%, selezionate dalle parcelle di Bramaterra, nei comuni di Villa del Bosco e Brusnengo, il vino – affinato per 28 mesi in botti in rovere di Slavonia da 10 ettolitri – sorprende per eleganza, purezza aromatica e lunghezza gustativa. Lamponi, rosa, cuoio, accenni speziati, sentori terrosi e ferrosi, liquirizia anticipano un sorso di grande ampiezza e piacevolezza, vivace per freschezza e sapidità, e dalla pregevole trama tannica. Lunghissimo e invitante il finale.

L’Azienda: Tenute Sella 1671

 

 

 

 

Via IV Novembre, 130

13853 Lessona (Biella) – Italia
Email: info@tenutesella.it
Telefono: +39.015.99455

Storica realtà familiare e riferimento assoluto per la vitivinicoltura biellese, Tenute Sella affonda le sue radici storiche nel lontano 1671 quando Comino Sella acquisisce una vigna a Lessona, piccolo territorio vinicolo già allora storicamente dedicato alla produzione di rossi di pregio, frutto di terre nobili e sabbie di un antico mare. Oggi poco più venti ettari, condotti con il massimo rispetto di ambiente, natura ed ecosistema regalano uve schiette, pregiate, concentrate da cui la Tenuta ottiene vini capaci di interpretare e valorizzare tutte le sfumature del territorio senza alcuna forzatura enologica. Per l’affinamento dei vini si privilegiano fusti da 10/25 ettolitri di Slavonia e barrique parzialmente nuove, seguendo uno stile classico e tradizionale.

—————————————————————————————————————

1

Bramaterra 2016 – LE PIANELLE   97/100 

prezzo a scaffale enoteca 50  euro circa

La 2016 si è rivelata per questo vino un’ottima annata, molto classica ed equilibrata. Uvaggio di Nebbiolo 80%, Croatina e Vespolina 20%. Il vino sosta 24 mesi in botti grandi prima di un lungo affinamento in bottiglia. Colore rubino profondo, al naso evidenzia note minerali ampliate da sfumature erbacee, seguite dai tipici profumi di frutti rossi (ciliegia matura, lampone, ribes) e da un finale speziato (pepe) e di liquirizia. Nel palato mostra un profilo strutturato, asciutto, con ritorni di frutti rossi croccanti che bilanciano un tannino deciso ma elegante, e una spalla acida che induce freschezza e scorrevolezza al sorso. Tutte le componenti risultano ben integrate e si intravedono grandi potenzialità evolutive.

 

L’Azienda: Le Pianelle

Via Forte, 25 – 13862 Brusnengo (BI)
email:info@lepianelle.com
Tel.: +39 366.5220327

I due fondatori di questa piccola cantina (5 ettari), Dieter Heuskel e Peter Dipoli (quest’ultimo ben conosciuto vignaiolo in Alto Adige) hanno messo in gioco le loro competenze per promuovere l’unicità dei vini dell’Alto Piemonte, con vigneti dislocati nell’area tra Vercelli e Biella. I terreni sono composti da sabbie di origine vulcanica e porfirica. Le uve vengono raccolte manualmente e vinificate separatamente per varietà e appezzamento di provenienza.

avatar
Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia