Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Un viaggio di 40 anni con il Sangioveto Grosso – Fabrizio Bianchi di Castello di Monsanto

Il Merano Wine Festival rappresenta ogni anno una grande occasione di degustazione, ed è anche a suo modo una sorta di macchina del tempo. Infatti si può andare indietro quasi a piacimento, come nel caso dell’assaggio di alcuni vini di Castello di Monsanto.

Fabrizio Bianchi ha fondato questa azienda nel 1962 e la figlia Laura ha iniziato a lavorarvi a partire dal 1989.

Nel 1968 Fabrizio  impiantò la vigna Scanni, da dove decise di creare il vino omonimo “Fabrizio Bianchi” da uve “Sangioveto Grosso“, e la prima vendemmia risale nel 1974.

Una selezione di Sangiovese in purezza, che possiamo definire come uno dei pionieri di quei vini che in seguito prenderanno il nome di Supertuscan.

Trova la sua dimora su un tipico terreno del cretacico, ricco di galestro,  posto ad un’altitudine di 300 metri s.l.m. ed ad un esposizione sud-ovest  su una collina dove le pendenze arrivano fino al 17%.

Un vino che vinifica in acciaio dove vi rimane per circa 2 anni, per poi continuare l’invecchiamento  in botti francesi da 5hl per circa 18 mesi, per poi essere messo in bottiglia e rimanervi per un ulteriore anno prima di essere messo in commercio.

Ma iniziamo questo viaggio attraverso i 3 vini che abbiamo degustato:

 

Sangioveto Grosso 2012 - Fabrizio Bianchi

Sangioveto Grosso 2012 – Fabrizio Bianchi

 

Sangioveto Grosso 2012 – Fabrizio BianchiCastello di Monsanto

Annata in cui cambiano i legni per l’affinamento, si utilizzando botti da 38 hl  di Gamba, il vino è tutto incentrato sul frutto maturo con mora e mirtillo in evidenza a cui si accompagnano note di spezia dolce. Sapidità, mineralità e  un tannino aggraziato anticipano un lungo finale speziato.

 

Sangioveto Grosso 2009 - Fabrizio Bianchi

Sangioveto Grosso 2009 – Fabrizio Bianchi

 

Sangioveto Grosso 2009 – Fabrizio BianchiCastello di Monsanto

Un vino di grande piacevolezza dove la china si unisce a ricordi di frutti ancora croccanti e note balsamiche. Eleganza e freschezza predominano su una leggera vena alcolica.

 

 

Sangioveto Grosso 1974 - Fabrizio Bianchi

Sangioveto Grosso 1974 – Fabrizio Bianchi

Sangioveto Grosso 1974 – Fabrizio Bianchi

Vinificato in acciaio per poi affinare in botti grandi per circa 18 mesi, appare ancora giovane nonostante la sua veneranda età. Al centro dell’assaggio note balsamiche e sottobosco con accenni di tabacco e spezie. Ricco e vibrante con una freschezza invidiabile e un finale interminabile di frutti rossi dove la mora la fa da padrone. Superlativo.

Scritto da

Giornalista enogastronomico, una laurea cum laude in Economia e Commercio all'Università La Sapienza di Roma, Responsabile per l'Italia del Concorso Internazionale Grenaches du Monde, Giudice del Concorso Mondiale di Bruxelles e Giudice del Concorso Mondiale del Sauvignon, docente F.I.S.A.R.. Ha una storia che comprende collaborazioni con Guide di settore. Cito solo le ultime : Slow Wine (Responsabile per la Sardegna edizioni 2015 e 2016), I Vini de L'Espresso (vice-curatore e coordinatore nazionale edizioni 2017 e 2018), I Ristoranti d'Italia de L'Espresso (edizioni dalla 2010 alla 2018). Collabora con le testate: www.lucianopignataro.it , www.repubblica.it/sapori ed Epulae. Ha scritto alcuni articoli sul quotidiano "Il Mattino" e su www.slowine.it. Ha una passione sfrenata per quel piccolo continente che prende il nome di "Sardegna", per le sue terre e per la sua gente.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia