Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Umbria – Scacciadiavoli – Anima antica e visione moderna di Montefalco

Se esiste una tradizione vinicola a Montefalco, territorio dal punto di vista enologico esploso in tempi relativamente recenti, anche se qui il vino è parte integrante della cultura territoriale da sempre, allora  è giusto affermare che tra i più rappresentativi interpreti di questa tradizione può annoverarsi senza dubbio la cantina Scacciadiavoli.

Fondata dal Principe Ugo Boncompagni Ludovisi come «stabilimento» del vino nel 1884, già all’epoca con una visione moderna, innovativa e capace di leggere le potenzialità del territorio, l’azienda fu rilevata nel 1954, all’età di 71 anni, da Amilcare Pambuffetti, che qui aveva lavorato come garzone da giovane. Per altri 20 anni fino alla sua scomparsa, Amilcare ha sviluppato la sua innata passione per l’agricoltura, abbinando la coltivazione e vendita di prodotti della terra ad una importante produzione di vino.

Nel 1925 Scacciadiavoli è stata la prima azienda ad essere premiata per la sua versione del Sagrantino «asciutto», progenitore di quello che verrà sdoganato negli anni settanta da pionieri come Lodovico Mattoni ed Arnaldo Caprai. Negli anni novanta la virata aziendale con la conversione alla esclusiva attività vinicola coincisa con l’accresciuto interesse per «le terre» del Sagrantino.

Oltre 140 anni di storia e di produzione, quindi, per la tenuta il cui nome sembra trovare origine in una suggestiva leggenda che narra di un esorcista che viveva ai confini dell’attuale proprietà e che utilizzava il vino del luogo per i suoi rituali.

Nel 2000 sono stati realizzati importanti interventi di ristrutturazione che hanno preservato tutti gli antichi elementi strutturali ed architettonici originali, introducendo al contempo moderne attrezzature e tecnologie produttive.

L’attuale struttura aziendale sorprende e affascina per il suo sviluppo in verticale su quattro livelli, di cui uno sotterraneo, sfruttando la gravità per l’intero processo produttivo.

I vigneti, circa 40 ettari in totale dislocati in vari versanti della collina tra i comuni di Montefalco, Gualdo Cattaneo e Giano dell’Umbria, si trovano ad un’altitudine media di 400 metri s.l.m. ed insistono su terreni argillosi e mediamente profondi, una vera e propria manna per varietà tardive come il Sagrantino.  Le uve allevate sono in particolar modo quelle della tradizione, a partire dal Sagrantino ovviamente, per  passare al Sangiovese, Grechetto e Trebbiano Spoletino. L’anzianità dei «ceppi» e le basse rese contribuiscono a creare vini di spiccata impronta territoriale.

Oggi a guidare l’azienda  anche la quarta generazione della famiglia Pambuffetti che ha contribuito a raggiungere risultati importanti anche in termini di vendita per oltre 200.000 bottiglie annue.

La perfetta fusione di un’anima antica ed una visione moderna aziendale traspare anche dalla spiccata attenzione per la spumantistica, coltivata già da circa 15 anni, nonostante Montefalco non sia mai stata zona tradizionalmente vocata per le bollicine.

Gli assaggi compiuti delle etichette aziendali confermano questa visione produttiva.

Queste le nostre impressioni gustative.

Spumante Metodo Classico Brut

Ottenuto da uve Sagrantino per l’85% e Chardonnay per il 15%, mostra grande finezza olfattiva evidenziando delicati accenni floreali, pesca bianca e intriganti note di crosta di pane. Vivace e dinamico all’assaggio, fresco e invitante, chiude con una piacevole scia sapida.

Spumante Brut Metodo Classico Pas Dosé  – Edizione Speciale

Stessa base per il non dosato, con 10 anni sui lieviti, in un’edizione speciale per celebrare il percorso aziendale nel mondo delle bollicine. Complesso, ricco, con note agrumate che giocano il ruolo di protagoniste, affiancate da nuances tostate, burrose,  accenni speziati e intense percezioni di pasticceria. Di grande struttura all’assaggio, cremoso e fresco, chiude con un elegante timbro salino.

Montefalco Grechetto D.O.C. 2019

Immediato, vivace e piacevole al naso come in bocca. Fruttato, floreale, con note dolci in evidenza, si mostra all’assaggio morbido, con una buona verve di freschezza e chiusura su note di macchia mediterranea.

Montefalco Bianco D.O.C. 2019

Trebbiano Spoletino 50%, Grechetto 30% e Chardonnay 20%, per questo assaggio dalla spiccata impronta minerale, seguita da percezioni fruttate e di erbe aromatiche. Di buon corpo, colpisce per la sua freschezza agrumata all’assaggio. Buona la persistenza nel finale.

Spoleto D.O.C. Trebbiano Spoletino 2019

Trebbiano Spoletino in purezza che si concede lentamente per poi esplodere con note agrumate, frutta secca, zafferano, erbe aromatiche. Intrigante progressione fresco sapida al gusto e lungo il finale che invita più volte al riassaggio.

Montefalco Rosso D.O.C. 2018

Sangiovese 60% , Sagrantino 15% e Merlot 25%. Al naso l’attacco è quello di piccoli frutti di bosco, spezie dolci, accenni balsamici. Sorso pieno, morbido caratterizzato da vivace freschezza e da  trama tannica fine. Lungo il finale dai ritorni fruttati.

Montefalco Sagrantino D.O.C.G. 2016

Naso profondo, intenso, territoriale  in cui spiccano note fruttate seguite da toni speziati (pepe nero), eucalipto, tabacco, arancia rossa. In bocca esplode a mostrare tutta la sua potenza, ma al contempo equilibrio ed armonia anche grazie ad un tannino ormai ben integrato. Piacevole il finale su ritorni speziati.

Montefalco Sagrantino Passito D.O.C.G. 2017

Visciole, prugne, ciliegie in confettura, spezie dolci, anticipano un sorso pieno, morbido, con una vivace acidità a regalare equilibrio ed armonia. Tannino presente, ma ben integrato. Lunghissimo il finale su toni fruttati.

 

AZIENDA AGRARIA SCACCIADIAVOLI di Pambuffetti

Località Cantinone, 31

06036 Montefalco (Perugia) – Italy

Tel:   + 39 0742 371210

Fax: + 39 0742 378272

Email:

Info info@scacciadiavoli.it

Visite visits@scacciadiavoli.it

 

 

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2021 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia