Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Toscana – Casale dello Sparviero una bella realtà nel cuore del Chianti Classico

Dal Casale dello Sparviero, situato a Castellina in Chianti, ci si affaccia sulle colline del Chianti,  completamente circondati dalle vigne aziendali. Lo sparviero, da cui prende il nome l’azienda, è un elegante rapace che vive e prolifica all’interno della tenuta da tempo immemore nidificando, ancor oggi, nelle buche pontaie dell’antico edificio del Casale che ne prende il nome.

Un monastero risalente al XVII secolo spicca ancor oggi all’interno della tenuta che vanta ben 90 ettari vitati ubicati ad un’altitudine media di 250 metri sul livello del mare.

 

Da ben tre generazioni la Famiglia Andrighetti conduce con passione questa azienda. Nel 1970 Olindo Andrighetti, imprenditore veneto, la compra insieme alla fattoria di Campoperi,  percependone il grande potenziale  la rinnova completamente e nel 1972 la trasforma in una tenuta vinicola.

Nel 1994  Ada Andrighetti, la figlia di Olindo, prende il controllo dell’azienda e acquisisce la tenuta confinante ripiantando tutti i vigneti e nasce così il  Casale dello Sparviero.

Oggi spetta ad Arrigo Barion, il figlio di Ada, dirigere l’azienda con quella stessa passione del nonno e della mamma, ma con uno sguardo rivolto al futuro per ben interpretare quei cambiamenti che il ventunesimo secolo ci sta proponendo. La consulenza enologica è di  Franco e Matteo Bernabei.

Passiamo ora a descrivervi i vini che abbiamo assaggiato:

Chianti Classico DOCG 2019 (95% Sangiovese, 5% Canaiolo) biologico

Affina 12 mesi in botte da 50 ettolitri in rovere di Slavonia, almeno 6 mesi di affinamento in bottiglia. Si presenta con note di ciliegia a cui si accompagnano spezie e accenni balsamici, un tannino intrigante fa da cornice ad un sorso fresco e lungo, che chiude su note di pepe nero e ribes.

Chianti Classico DOCG Riserva 2018  (100% Sangiovese)

Affina 18 mesi in barrique di rovere francese, almeno 6 mesi di affinamento in bottiglia.

Un esplosione di frutti rossi che spaziano dalla mora, al lampone, al mirtillo per poi virare su note speziate e floreali. Un sorso dinamico ben accompagnato da un tannino vibrante, anticipano un finale su note balsamiche e speziate.

Chianti Classico DOCG  Gran Selezione Paronza 2018 (100% Sangiovese)

Prende il nome da uno dei vigneti storici dell’azienda situato nella collina di Paronza, a Castellina in Chianti,  le cui tracce storiche risalgono al lontano 1169. Affina 18 mesi in barrique di rovere francese, 6 mesi in botte da 50  ettolitri in rovere di Slavonia, almeno 1 anno di affinamento in bottiglia. Un naso generoso su toni di frutto rosso e spezia fanno da apripista ad un sorso dove la struttura e un  tannino imponente sono in evidenza. La beva risulta scorrevole e succosa e caratterizzata da una buona freschezza.

 

avatar
Scritto da

Ha fondato Vinodabere nel 2014. Laureato in Economia e Commercio specializzazione mercati finanziari, si è dedicato negli ultimi dieci anni anima e corpo al mondo del vino. Assaggiatore internazionale di caffè ha partecipato a diversi corsi di analisi sensoriale del miele, vanta diverse esperienze nell'ambito enologico quali la collaborazione con la guida "I vini d'Italia" de l'Espresso (edizioni 2017 e 2018), e la collaborazione con la guida Slow Wine (edizioni 2015 e 2016).

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia