Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

Anteprime Toscane 2019

Primo giorno delle Anteprime Toscane. I nostri migliori assaggi di Carmignano, Valdarno di Sopra, Orcia, Montecucco e Colline Lucchesi

Ieri si è aperta la settimana delle Anteprime Toscane riservate alla stampa.

Il Primo giorno  è stato dedicato ai vini dei Consorzi: Carmignano, Colline Lucchesi, Maremma Toscana, Montecarlo di Lucca, Montecucco, Orcia, Pitigliano e Sovana, Terre di Pisa, Val di Cornia e Valdarno di Sopra.

Intanto sottolineiamo con dispiacere  l’assenza dei vini della denominazione Cortona, che spesso ci ha riservato in passato piacevoli sorprese.

Per ragioni di tempo ci siamo concentrati solo su alcune denominazioni, sperando di avere altro modo di approfondire le altre in diversa sede.

Vi raccontiamo dunque la nostra giornata attraverso alcune riflessioni sui nostri assaggi (170 è il numero dei vini che siamo riusciti a degustare)

Valdarno di Sopra

Una denominazione ed una zona che già da un paio di anni avevamo indicato nelle sorprese qualitative e che conferma anche questo anno il percorso intrapreso.

 

Questi i vini che ci hanno maggiormente convinto:

Toscana IGT Rosso – Bagnolo (BIO) 2015 – Podere La Madia

Toscana IGT Rosso Pinot Nero (BIO) 2016 – Podere La Madia

Toscana IGT Rosso Sangiovese Posta Reale 2016 – Fattoria Bellosguardo

Toscana IGT Rosso Barsaglina (BIO) 2015 – Mannucci Droandi

Valdarno di Sopra Sangiovese – Vigna del Molinaccio (BIO campione di botte)  2017 – Tenuta San Jacopo

Valdarno di Sopra Sangiovese Riserva Castello di Montozzi 2016 – Migliarina e Montozzi

Valdarno di Sopra Sangiovese Vigna dell’Impero (campione di botte) 2016 – Tenuta Sette Ponti

Valdarno di Sopra Sangiovese Boggina (BIO) 2016 – Petrolo

Valdarno di Sopra Rosso Riserva Alle Cave (campione di botte) 2014 – Terra Etruria

Valdarno di Sopra Sangiovese Ottantadue 2017 – Podere Il Carnasciale

Valdarno di Sopra Sangiovese Riserva (BIO) 2012 – Fattoria Fazzuoli

Valdarno di Sopra Rosso Borrigiano (BIO) 2017 – Il Borro

Valdarno di Sopra Rosso Cavasonno 2016 – Migliarina e Montozzi

Valdarno di Sopra Syrah Villa Le Vigne (campione di botte) 2015 – Villa Le Vigne

 

 

 

Barco Reale di Carmignano, Carmignano e Vin Santo del Carmignano

L’assaggio dei vini di queste denominazione si divide un po’ in due gruppi: un insieme di vini interessanti che va verso un modello di eleganza e succosità che in questa edizione delle anteprime è più ridimensionato in termini numerici, ed un’altra parte (purtroppo questa volta più sostanziosa) che procede invece in una direzione non chiara lasciando qualche dubbio al degustatore.

Ecco le etichette che abbiamo preferito:

Carmignano Riserva Trefiano 2015 – Capezzana

Carmignano 2016 – Podere Allocco

Carmignano Riserva Il Circo Rosso 2015 – Pratesi

Carmignano Riserva 2015 – Podere Allocco

Vin Santo di Carmignano Riserva 2011 – Capezzana

Carmignano Riserva Anteprima 2016 – Tenuta Le Farnete

Carmignano Riserva Elzana 2015 – Fattoria Ambra 

Barco Reale di Carmignano 2017 – Podere Allocco

Carmignano 2016 – Il Sassolo

 

Colline Lucchesi

Abbiamo assistito rispetto ai vini provati lo scorso anno ad un netto ridimensionamento della qualità media, con presenza di alcuni campioni problematici.

Anche qui non ci esimiamo dal fornirvi l’elenco dei nostri migliori assaggi:

Colline Lucchesi Tenuta di Valgiano 2015 – Tenuta di Valgiano

Colline Lucchesi Casa e Chiesa 2016 – Tenuta Lenzini

Colline Lucchesi Picchio Rosso 2016 – Colle di Bordocheo

Colline Lucchesi – Bordocheo Rosso 2017 – Colle di Bordocheo

Colline Lucchesi – Villa Sardini2017 – Pieve S.Stefano

Toscana IGT Rosso Loto2015 – Villa Santo Stefano

 

Orcia

Per questa denominazione, che spesso è messa in ombra dalla vicinanza di Montalcino, arrivano segni confortanti che indicano una progressione della qualità media.

Ecco i nostri migliori assaggi:

Orcia Sangiovese La Mannella 2016 – Il Poggio

Orcia Rosso La Fonte 2015 – Bagnaia

Orcia Sangiovese Sesterzo 2015 – Poggio Grande

Orcia Sangiovese Riserva 2012 – Atrium

Orcia Rosso Leone Rosso 2016 – Donatella Cinelli Colombini

Orcia Sangiovese Aetos 2016 – Tenuta Sanoner

Orcia Rosso Grottascura 2015 – Bagnaia

Orcia Sangiovese 2016 – Atrium

 

Montecucco

Altra zona che sconta la vicinanza di Montalcino che le ruba spesso la scena. Gli assaggi delineano un insieme non molto omogeneo con alcuni vini molto convincenti, altri che comunque si attestano su livelli qualitatitivi discreti, ed un altro gruppo ancora (non poco numeroso) che deve ancora trovare una via di miglioramento.

Ed ecco i vini che ci hanno maggiormente colpito:

Montecucco Sangiovese Maciarine 2015 – Le Maciarine

Montecucco Sangiovese Sottocasa 2015 – Poderi Firenze

Montecucco Sangiovese Riserva Podere Assolati 2015 – Poderi Assolati

Montecucco Sangiovese Rosso della Porticcia 2015 – Casale Pozzuolo

Montecucco Sangiovese Campinuovi 2015 – Campinuovi

Montecucco Sangiovese Peteglia 2015 – Peteglia

Montecucco Sangiovese Riserva Viandante 2013 – Tenuta L’Impostino

Montecucco Sangiovese Istrico 2016 – Villa Patrizia

Montecucco Sangiovese La Fonte 2015 – Pianirossi

Montecucco Sangiovese Riserva Podere Montale 2015 – Podere Montale

 

Per ultimo vogliamo segnalare un’assaggio di un vino della Maremma (purtroppo per questa denominazione abbiamo fatto pochi assaggi e non siamo in grado di fornirvi un’impressione generale) che ci ha particolarmente stupito:

Maremma Toscana Alicante Oltreconfine Grenache – Cantine Bruni

E così si chiude la nostra giornata di ieri. Oggi saremo impegnati con le degustazioni di Chianti Lovers sempre alla Fortezza da Basso a Firenze. Vi racconteremo tutto domani.

Scritto da

Giornalista enogastronomico, una laurea cum laude in Economia e Commercio all'Università La Sapienza di Roma, Responsabile per l'Italia del Concorso Internazionale Grenaches du Monde, Giudice del Concorso Mondiale di Bruxelles e Giudice del Concorso Mondiale del Sauvignon, docente F.I.S.A.R.. Ha una storia che comprende collaborazioni con Guide di settore. Cito solo le ultime : Slow Wine (Responsabile per la Sardegna edizioni 2015 e 2016), I Vini de L'Espresso (vice-curatore e coordinatore nazionale edizioni 2017 e 2018), I Ristoranti d'Italia de L'Espresso (edizioni dalla 2010 alla 2018). Collabora con le testate: www.lucianopignataro.it , www.repubblica.it/sapori ed Epulae. Ha scritto alcuni articoli sul quotidiano "Il Mattino" e su www.slowine.it. Ha una passione sfrenata per quel piccolo continente che prende il nome di "Sardegna", per le sue terre e per la sua gente.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

La ricetta della prelibata ciambella al mosto cotto

Cali di Zucchero

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia