Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

N4227

News

IL VINO DI GENOVA – ALLA SCOPERTA DELLA DOC VALPOLCEVERA

Nell’immaginario collettivo Genova è la Lanterna, il porto, I “camalli” ( gli scaricatori), i personaggi descritti nelle canzoni di De Andrè; tuttavia nella piana alle porte della città, solcata dal torrente Polcevera e dai suoi affluenti,  la tradizione vitivinicola è radicata sin dall’antichità.

Lo testimonia la famosa Tavola Bronzea, ritrovata nel 1506 a Isosecco dal contadino Agostino Pedemonte, risalente al 117 a.C., che riporta la sentenza del Senato romano in merito a un contenzioso tra le popolazioni che abitava lungo la via Postumia, i Genuanti e i Viturii Langensis: in questo documento si evince che il vino era utilizzato come moneta di scambio, soprattutto per il pagamento delle imposte.

Nel corso degli ultimi secoli, legati all’avanzamento della costruzione di industrie e allo spopolamento delle campagne, molte aree coltivate vennero abbandonate e quando fu istituita la doc nel 1999 gli ettari sopravvissuti erano all’incirca 5.

Da allora grazie a viticoltori “resistenti” come Andrea Bruzzone e Gionata Cognata, la viticoltura è sopravvissuta e oggi alcune realtà hanno riacceso l’interesse alla produzione di vini di qualità come il Marchese Cattaneo Adorno.

I vitigni coltivati e ammessi nella produzione dal disciplinare annoverano uve che sottolineano come questi territori fossero un importante crocevia: abbiamo il Pigato, il Vermentino, il Rollo (probabilmente originario della Provenza), il Bosco, la Bianchetta Genovese e l’Albarola, oltre al Dolcetto, Ciliegiolo e Sangiovese.

Degno di nota è la menzione sottozona Coronata, riservata alla tipologia bianco che vede utilizzate in blend Bianchetta Genovese, Vermentino, Rollo e Bosco, prodotto in una zona ristretta del comune di Genova, a ridosso del percorso del pittoresco trenino di Casella e il torrente Varenna: questo vino così fragrante e spontaneo incantò persino Stendhal, che lo descrisse nel suo libro “Viaggio in Italia”.

Sicuramente uno delle migliori Valpolcevera Coronata è La Superba di Andrea Bruzzone: un produttore che ha dato il seguito alla passione condivisa con il padre, che lo portava in cantina e vendeva vino nella sua osteria.

Egli inizia a vinificare nel 1993 in proprio e nel 1996 nasce la cantina. Grande sperimentatore ha ottenuto un interessante metodo classico da Bianchetta e Vermentino di nome Janua e ha creato l’ Opificio Clandestino che fa rivivere le antiche ricette in infusi, amari, liquori.

Opificio Clandestino

La sua produzione si è arricchita nel tempo grazie alla produzione di birre artigianali, che portano nomi dialettali genovesi che descrivono benissimo la tipologia alla quale appartengono: la stout è chiamata Camallo! Recentemente ha aperto anche un Museo del Vino nel centro storico di Genova, in piazza San Donato, dove si possono ammirare attrezzi della cultura contadina e degustare i vini di Andrea, così territoriali e appassionato, dalle etichette colorate e ammalianti, disegnate dal pittore Musante.

Un altro produttore coraggioso, che produce Valpolcevera Coronata utilizzando solo Bianchetta Genovese è Gionata Cognata; egli lasciò in dirittura d’arrivo gli studi da farmacista e si ritirò nel 2002 a coltivare le vigne sulla collina di Morego, alle spalle di Bolzaneto, per seguire le orme del bisnonno.

COLLINA MOREGO

Attualmente produce circa 3000 bottiglie all’anno e ha acquisito altri terreni in affitto dove ha impiantato bosco e Vermentino.

Fiero difensore della qualità della Bianchetta se ben lavorata sia in vigna che in cantina, la definisce simile nel carattere a quello del genovese, dapprima restio alle confidenze ma poi capace di aprirsi e di dare il cuore.

Villa Cambiaso dei Marchesi Cattaneo Adorno è una azienda  con sede a Serra Riccò che ha ripreso la tradizionale vocazione alla coltivazione delle vigne e vanta 3,8 ettari a Morego a circa 150 metri sul livello del mare, organizzate in un bellissimo anfiteatro aperto a sud est che beneficia delle brezze marine. Oltre al Bosco viene coltivato il Vermentino (cloni tipici della Corsica e della Toscana), il Pigato, l’Albarola. Di grande personalità il Valpolcevera bianco Vermentino E Galée.

Vermentino E Galée

Un territorio da far conoscere perché ritorni ad essere apprezzato per la qualità dei vini come lo fu in passato: volgendo lo sguardo verso nord mentre si attraversa il ponte nuovo progettato da Renzo Piano, si ammira la vallata che riprende a verdeggiare di timide vigne, si ricorda la fatica e il dolore e si ammira il carattere indomito degli abitanti di questa gloriosa Repubblica marinara.

avatar

Medico Psichiatra, stregata da Dioniso, divento sommelier nel 2013, Degustatore Ufficiale nel 2014 e Miglior sommelier della Liguria 2019. Nel 2016 nasce il mio blog wineloversitaly e dal 2018 sono molto attiva sui Social con il profilo @wineloversitaly. Nel 2021 sono la vincitrice del sondaggio proposto da The Fork nella categoria Wine Influencer. Ideatrice e Curatrice della prima guida Social " I vini del cuore" che uscirà a fine 2021. Collaboro come Social media coach con aziende e partners del mondo del vino. Non smetto mai di studiare: ho superato il Wset level 3 con il massimo dei voti. Comunicare il vino con passione e rispetto è il mio desiderio e il mio impegno.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2021 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia