Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Ciao Teo, tornaci a parlare con il tuo Grammelot

Roma è una città molto dispersiva. Molti dei quartieri hanno una popolazione maggiore di una media provincia italiana. Non è quindi così raro che persone che abitano ad un palazzo di distanza non si conoscano affatto. Non è questo però il caso di Monteverde Vecchio, quartiere che  si affaccia su Trastevere. Siamo per capirci nei pressi del Gianicolo, Colle che non è annoverato tra i sette tradizionali, ma che rappresenta uno dei luoghi più panoramici della città. Qui però la maggior parte degli abitanti si conoscono tra loro, una sorta di piccolo paese dove sopravvive perfino qualche bottega degli anni ’50. Una di queste è la vecchia frutteria di Alfonso Capone, trasformata dal figlio Teodoro nel 2005 in Vineria Enoteca.

Teo (consentitemi di chiamarlo così, data la sincera e profonda amicizia che mi legava a lui) aveva avuto una bellissima idea, quella di riscoprire in chiave moderna l’osteria di una volta, e creare un simpatico ed allegro punto d’incontro per il quartiere. Il nome scelto, “Al Grammelot”, rappresentava (e rappresenta) un omaggio a Dario Fo, ed a quel linguaggio usato dai giullari nel Basso Medioevo, per farsi capire anche in posti dove si parlavano lingue diverse dalla propria.

E così negli anni aveva (ed ha) creato un vero e proprio punto di riferimento per il quartiere ospitando anche scrittori, musicisti ed artisti per serate a tema.

Il vino per Teo era emozione e nulla più, fuori da ogni omologazione, da ogni schema e fuori da ogni “dogma”, come amava dire.

Tante le serate passate ad assaggiare vini alla cieca insieme ed a confrontarci con un calice in mano. La sua opininione per me era molto importante perchè era schietta e non filtrata.

Quando lo scorso 11 maggio mi ha chiamato per comunicarmi la diagnosi che aveva avuto della malattia che lo ha portato via in poco più di un mese ho cercato di rassicurarlo, ma in realtà cercavo di rassicurare me perchè proprio non volevo perdere un amico come lui.

Adesso mi rivolgo direttamente a te, sperando che tu possa sentirmi.

Ora che non sei più qui Teo, ti prego, torna a parlare a tutti noi che ti conoscevamo, con il tuo Grammelot.

Alla moglie, ai figli, ai fratelli ed al padre vanno le più sincere condoglianze mie e di tutta la Redazione di Vinodabere.

 

 

 

Scritto da

Giornalista enogastronomico, una laurea cum laude in Economia e Commercio all'Università La Sapienza di Roma, Responsabile per l'Italia del Concorso Internazionale Grenaches du Monde, Giudice del Concorso Mondiale di Bruxelles e Giudice del Concorso Mondiale del Sauvignon, docente F.I.S.A.R.. Ha una storia che comprende collaborazioni con Guide di settore. Cito solo le ultime : Slow Wine (Responsabile per la Sardegna edizioni 2015 e 2016), I Vini de L'Espresso (vice-curatore e coordinatore nazionale edizioni 2017 e 2018), I Ristoranti d'Italia de L'Espresso (edizioni dalla 2010 alla 2018). Collabora con le testate: www.lucianopignataro.it , www.repubblica.it/sapori ed Epulae. Ha scritto alcuni articoli sul quotidiano "Il Mattino" e su www.slowine.it. Ha una passione sfrenata per quel piccolo continente che prende il nome di "Sardegna", per le sue terre e per la sua gente.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia