Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Vis-à-vis con Carlotta Salvini, nuovo Miglior Sommelier dell’Anno 2019 per la FISAR

Giovanissima, brillante e coinvolgente. Carlotta Salvini, senese in tutto e per tutto, si è aggiudicata il titolo di Miglior Sommelier dell’Anno FISAR 2019. Il calice le è stato passato da un altro giovane, il milanese Marco Barbetti.

Cara Carlotta, innanzi tutto complimenti. Una bella vittoria, arrivata al termine di un percorso intenso. Hai voglia di condividerlo con noi di Vinodabere?

Una vittoria risultato di un percorso non solo personale ma soprattutto di squadra. I colleghi della delegazione Fisar Siena Valdelsa sono stati di grande aiuto, un bel team !

Una domanda sbarazzina: come ci si sente la mattina dopo?

Con la sensazione di aver raggiunto qualcosa di importante, con la voglia di affrontare le giornate a seguire con la stessa determinazione di sempre ma con più consapevolezza.

La strada per diventare MSA (Miglior Sommelier dell’Anno, ndr) è lunga e impegnativa. In cosa hai trovato le motivazioni per continuare questa difficile preparazione?

La passione è fondamentale ed io per il mondo del vino  ho sempre dimostrato di averne. È quella che muove tutto e che ti porta ad accettare anche i sacrifici, a continuare lo studio, a non accontentarsi. Questo settore offre una vasta scelta di ambiti su cui poterE approfondire. È vero anche che il vino è convivialità ed è bellissimo condividerlo con le persone che hanno questo interesse.

Immagino che attorno a te ci siano tanti amici che ti hanno sostenuta. Quanto conta il coinvolgimento di altre persone per raggiungere il gradino più alto del podio del Concorso MSA?

Ho trovato sostegno in tanti amici e colleghi e vista la mia grande passione sono stati proprio loro a suggerirmi di provare il concorso. Ho partecipato a maggio alle selezioni territoriali aggiudicandomi il primo posto. Da maggio ho continuato lo studio a livello personale documentandomi soprattutto sull’enografia internazionale, aspetto che diventa sempre più fondamentale nella conoscenza del sommelier. Ci tengo però a dire che niente arriva da sé: lo studio, la determinazione, la dedizione sono fondamentali per ottenere un risultato.

Vino è Donna. In FISAR è nato nel 2011 il progetto FISAR in Rosa, con lo scopo di favorire il coinvolgimento femminile nel settore. Ritengo sia una sfida positiva, condividi?

Ritengo che sia una importante iniziativa per valorizzare e promuovere non solo la figura della donna sommelier Fisar, ma anche il ruolo delle donne che operano nel vasto mondo del vino favorendo il coinvolgimento del mondo femminile nel settore viti-vinicolo e della ristorazione. È una bella opportunità per fornire maggiore consapevolezza delle competenze interdisciplinari richieste attualmente dal comparto del vino: dall’inglese, al marketing, dalla comunicazione digitale alla tecnica di incoming enoturistico, dall’enologia all’hospitality.

Credo che adesso sia ancora un po’ “tutto nuovo”. Cosa intendi fare in questo anno da MSA?

Il settore vitivinicolo è uno dei più importanti nel nostro Paese e per questo la figura del sommelier sta diventando un ruolo indispensabile per fare da intermediario nella comunicazione tra il produttore ed il consumatore finale. Per me questa rappresenta una grande opportunità per rappresentare al meglio la Fisar in manifestazioni ed eventi di settore in Italia ed all’estero con l’obiettivo di associare la figura del sommelier a quella di un esperto competente e qualificato professionalmente.

Cosa consigli a chi vuole avvicinarsi a questa sfida?

Penso che l’esperienza di mettersi in gioco è sempre motivo di arricchimento personale che deriva soprattutto dagli errori e dalle volte in cui il risultato non è stato quello atteso. Suggerisco di non arrendersi mai e di continuare a perseguire l’obiettivo di migliorarsi che nel settore del vino si tratta non solo di studiare ma anche di degustare, in fondo non è poi così male!

avatar
Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

La ricetta della prelibata ciambella al mosto cotto

Cali di Zucchero

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia