Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Vini Naturali – I nostri migliori assaggi alla degustazione di ViniVeri ad Assisi

Il Consorzio ViniVeri è, a nostro avviso, quello, all’interno del mondo dei vini naturali, che registra un miglioramento continuo e costante del livello qualitativo dei vini dei suoi associati. La dimostrazione è arrivata da ViniVeri Assisi 2020, una degustazione che ha avuto luogo qualche giorno fa in Umbria.

Tantissimi i vini emozionanti e pochi (addirittura quasi nessuno) i vini difettati.

Non ci esimiamo dunque dal fornirvi la lista dei nostri migliori assaggi:

Arshura 2016 – Valter Mattoni: la “Roccia” (questo il soprannome con cui Valter è conosciuto in tutta Italia) colpisce ancora con un vino straordinario: struttura, succo e ricordi di frutti rossi in evidenza, seguiti da profondità di beva e da un tannino finissimo. Perfetto connubio di eleganza e complessità. 98/100.  (ottimo anche il Rossobordò 2016, una Grenache in grande forma con ricordi speziati, freschezza, sapidità ed avvolgenza del sorso. 96/100).

Vitovska Solo 2016: Paolo Vodopivec (di cui abbiamo scritto già su questa testata: link), da poco eletto presidente del Consorzio Viniveri, presenta in degustazione una Vitovska di incredibile mineralità ed intensità gustativa. I toni rocciosi si uniscono a sensazioni ancora floreali ed anticipano complessità e profondità di beva. 98/100

 

Marco Casolanetti (azienda Oasi degli Angeli), a capo del movimento dei Piceni Invisibili (oggi ormai fortunatamente ben visibili) ci ha sorpreso con un Kurni 2017 (96/100) che unisce sapidità e freschezza a ricordi di frutti rossi e speziati  e con una versione del suo Bordò (varietà locale della famiglia della Grenache), il Kupra 2016 (98/100), di grandissima eleganza che può competere tranquillamente per finezza e complessità con qualsiasi Grenache di alto rango.

 

L’azienda Clara Marcelli (in foto Daniele Colletti) oltre allo splendido Montepulciano K’Un 2017 (94/100) ci ha stupito con il Ruggine 2013 (97/100), un Bordò che mostra grande personalità e carattere e che unisci toni di macchia mediterranea a sensazioni fruttate e speziate.

 

Sempre per le Marche e per il Piceno Allevi Maria Letizia ha presentato due grandi vini in assaggio:

Offida Pecorino Mida 2018: fresco, speziato, elegante, inizia con un sorso delicato che conquista poi tutto il palato. Coniuga perfettamente potenza ed eleganza e chiude con sentori di pietra focaia e frutta secca. 93/100

Passiamo ora al nuovo nato, varietà Bordò, Arsi 2016, 360 bottiglie in tutto di un vino sontuoso, dal profilo elegante e strutturato, che giganteggia in armonia e pienezza del sorso, senza rinunciare a carattere e personalità. Sentori speziati e minerali anticipano un bellissimo finale sapido – iodato. Dai Bordò marchigiani ancora un capolavoro. 95/100.

 

Ci spostiamo nel Lazio dove Carlo Noro (uno che ne sa di biodinamica e che è il padre del ragazzo che vedete in foto), realizza dei vini increbili per carattere e avvolgenza gustativa.  La Passerina Costafredda 2018 (92/100) ed il Cesanese del Piglio Collefurno 2017 (95/100), entrambi da terreni composti da arenaria, sono gli assaggi più convincenti.

 

 

Sempre nel Piglio La Visciola ha presentato un Cesanese molto convincente, Il Cesanese del Piglio Priore Vignali 2017 (95/100) che unisce sentori speziati e fruttati, carattere e complessità.

Ci spostiamo in Umbria, a Spoleto, dove Gianluca Piernera della Cantina Ninni, ha realizzato uno strepitoso Trebbiano Spoletino, il Poggio del Vescovo 2018 (96/100), che mette in evidenza il suo carattere minerale e “marino” con i suoi sentori rocciosi e iodati e il suo finale sapido e salmastro.

Ca’ dei Zago 2018 (93/100): una Glera rifermentata in bottiglia per nulla banale che mette al centro moneralità e sapidità ed un lungo finale di pietra focaia.

Aldo Di Giacomi nelle Marche tiene alto il nome del Rosso Piceno, con il Superiore Quattro Tempora 2015 (94/100), che mostra freschezza, sapidità ed un sorso dinamico e progressivo, senza rinunciare a struttura e avvolgenza.

Ancora un Rosso Piceno Superiore, con il Paià 2017 (92/100) di Cameli Irene, che gioca le sue carte su toni fruttati e speziati e sulla potenza gustativa.

Passiamo in Friuli Venezia Giulia con il Bianco Trebez 2015 (94/100) di Dario Princic, che presenta una mineralità straordinaria insieme a note di frutta secca e frutti gialli.

Ed eccoci in Piemonte con un Barbaresco d’autore, il Montestefano 2015 (95/100) di Serafino Rivella, un vero esempio di eleganza e succosità con tannino di rara qualità.

Cambiamo lato delle Langhe con il Barolo 2015 di Rinaldi che presenta una perfetta combinazione tra eleganza, avvolgenza e complessità.

Il Rosato Sant’Isidoro di Maria Pia Castelli (95/100) può creare dipendenza data la succosità, la sapidità, l’avvolgenza del sorso.

Ci spostiamo nel Carso con la Malvasia 2017 (95/100) e la Vitovska 2017 (94/100) di Skerlj, che presentano un profilo sapido e minerale.

Rimaniamo nel Carso con la Malvasia 2017 (95/100) di Benjamin Zidarich, una Malvasia Istriana ricca di sentori fruttati e minerali, dal sorso sapido e progressivo, con un lungo finale di pietra focaia.

 

 

Scritto da

Giornalista enogastronomico, una laurea cum laude in Economia e Commercio all'Università La Sapienza di Roma, Responsabile per l'Italia del Concorso Internazionale Grenaches du Monde, Giudice del Concorso Mondiale di Bruxelles e Giudice del Concorso Mondiale del Sauvignon, docente F.I.S.A.R.. Ha una storia che comprende collaborazioni con Guide di settore. Cito solo le ultime : Slow Wine (Responsabile per la Sardegna edizioni 2015 e 2016), I Vini de L'Espresso (vice-curatore e coordinatore nazionale edizioni 2017 e 2018), I Ristoranti d'Italia de L'Espresso (edizioni dalla 2010 alla 2018). Collabora con le testate: www.lucianopignataro.it , www.repubblica.it/sapori ed Epulae. Ha scritto alcuni articoli sul quotidiano "Il Mattino" e su www.slowine.it. Ha una passione sfrenata per quel piccolo continente che prende il nome di "Sardegna", per le sue terre e per la sua gente.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia