Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

Aziende e vini esteri

Una lamina d’oro in una barrique per lo champagne di Leclerc – Briant

La maison  Leclerc-Briant , di Epernay, di cui abbiamo già parlato in un precedente articolo (link),  ha di recente  commissionato alla GD Industries una barrique particolare, in acciaio ma rivestita internamente da una sottile patina d’oro a 24 carati di appena due micrometri.

Considerando che l’oro è il metallo  più duttile e malleabile che vi sia e che con un grammo d’oro si può creare una lamina, la cui area è di un metro quadrato, forse il valore di questo particolare rivestimento non sembrerebbe essere così grande, in riferimento al possibile quantitativo di questo prezioso metallo che potrebbe essere utilizzato, tuttavia tale scelta potrebbe esser dovuta a motivi a noi oggi sconosciuti.

Certo è che finora Leclerc-Briant si è distinta per scelte quanto meno originali, come quella del suo champagne Abyss, che viene lascialo per 18 mesi sui fondali del mare del Nord, dopo essere stato sboccato in Champagne per non perderne l’appellativo.

L’’enologo consulente Hervé Jestin,  ha espresso questo concetto nella sua intervista  al portale francese “Vitisphere” (www.vitisphere.com):  “Nell’approccio biodinamico dell’elaborazione dei vini, l’oro è associato all’elemento del fuoco, al fuoco delle fermentazioni alcoliche. L’idea era quella di ricercare una fermentazione a contatto con l’oro, in modo che la massa possa trarre beneficio dal contatto con un metallo tanto brillante, che garantisce impermeabilità ed ermeticità”.

 

Queste parole ancora non riescono a convincerci, chissà se magari riuscirà a farlo lo Champagne prodotto con questo metodo. Vi faremo sapere quando sarà disponibile in assaggio.

foto di: www.lemiebollicine.com

 

 

 

Scritto da

Ha fondato Vinodabere nel 2014. Laureato in Economia e Commercio specializzazione mercati finanziari, si è dedicato negli ultimi dieci anni anima e corpo al mondo del vino. Assaggiatore internazionale di caffè ha partecipato a diversi corsi di analisi sensoriale del miele, vanta diverse esperienze nell'ambito enologico quali la collaborazione con la guida "I vini d'Italia" de l'Espresso (edizioni 2017 e 2018), e la collaborazione con la guida Slow Wine (edizioni 2015 e 2016).

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia