Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Sospesa la caccia in braccata al cinghiale in Toscana: la decisione del TAR potrebbe mettere a rischio la viticoltura

Il TAR della Toscana ha deciso di sospendere in via cautelativa la caccia in braccata al cinghiale. In considerazione dei danni che questi animali recano ogni anno, ed in misura sempre maggiore (data la eccessiva riproduzione degli stessi), Luca Sanjust di A.VI.TO., l’associazione che riunisce i consorzi di produttori di vino della Toscana così si è espresso:

“La decisione del TAR della Toscana che ha sospeso in via cautelare la caccia in braccata al cinghiale, è di fatto una condanna a morte per tante produzioni viti-vinicole della Toscana e quindi per tante aziende che sulle viti e sul vino di qualità hanno fatto investimenti cospicui. E’ evidente che si tratta di una mazzata durissima per tutti noi perché ci lascia indifesi di fronte a una situazione oramai ingestibile in cui l’aumento sproporzionato e incontrollato degli ungulati ha completamente rovesciato qualsiasi principio di equilibrio naturale. Siamo in una situazione innaturale in cui non riportare queste popolazioni di cinghiali a un numero equilibrato significa non voler il bene della natura toscana”

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

avatar
Scritto da

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d'Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia