Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

Eventi

Piccolo Bacco dei Quaroni – Live Wine 2019

È il primo produttore incontrato a Live Wine 2019 di cui parlo, per questo desidero fare anche una breve introduzione sulla manifestazione che si è svolta, domenica 3 e lunedì 4 marzo, presso l’ormai consolidata location del Palazzo del Ghiaccio di via Piranesi a Milano.

Gli ingredienti alla base dell’importante successo di questa manifestazione attesa e partecipata sono pochi: produzioni artigianali, rispetto dell’ambiente, mercato con annessa vendita diretta, degustazioni guidate ed approfondimenti tematici.

Una formula di successo che ha garantito anche quest’anno un significativo incremento dei partecipanti. Meno interessanti i contenuti della Live Wine Night – tentativo di lanciare la creazione di una autentica notte milanese dedicata al vino, sulla falsa riga del “Fuorisalone” e del “Vinitaly and the City”. Un appuntamento cui guardiamo con interesse ed attenzione specialmente per il futuro che verrà.

L’azienda Piccolo Bacco dei Quaroni (Montù Beccaria – PV) è una realtà storica dell’Oltrepò Pavese a gestione famigliare, veramente famigliare, di proprietà dal 2001 della famiglia Cavalli.

La Piccolo Bacco dei Quaroni è certificata biologica dal 2016 (in rapida sintesi: in vigna non si possono usare sostanze chimiche di sintesi, in cantina si possono usare solo prodotti e processi autorizzati, i limiti della solforosa totale sono più contenuti rispetto al normale limite legale). I vini aziendali prendono nome dai vigneti da cui provengono le uve, dislocati su un’ampiezza totale di 10 ettari. Le varietà allevate sono quelle tipiche del territorio: Pinot Nero (presenti cloni sia per spumanti che per vini rossi), Riesling Renano, Barbera, Croatina, Uva Rara, Vespolina, Malvasia di Candia. Fare prodotti biologici, per il produttore, è una scommessa con l’annata, se si riscontrano problemi in vigneto non si esce con il prodotto. Tutti dati coerenti con la filosofia valoriale biologica: tutela della biodiversità, miglioramento della fertilità del terreno, uso responsabile delle risorse naturali.

PBQ (Piccolo Bacco dei Quaroni) – Oltrepò Pavese Metodo Classico Pinot Nero Rosé DOCG – s.a.

Esperimento interessante per la zona produttiva. Per la produzione di questo spumante metodo classico si usano solo zuccheri provenienti dall’uva, aggiungendoli in fase di tiraggio e di dosaggio sotto forma di mosto fiore. Visto che le uve impiegate per l’addizione zuccherina vengono vendemmiate l’anno successivo rispetto a quello di produzione del vino base, il prodotto è senza annata (sans année). Perlage fine e persistente ottenuto dopo 24 mesi di permanenza sui lieviti, naso elegante e corpo deciso fanno di questo spumante color rosa antico uno splendido prodotto a tutto pasto.

avatar
Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

La ricetta della prelibata ciambella al mosto cotto

Cali di Zucchero

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia