Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Montefalco – Scacciadiavoli – un’azienda con una storia di più di cento anni

Ancora una videodegustazione, stavolta però organizzata dall’azienda Scacciadiavoli di Montefalco attraverso l’agenzia di comunicazione di Francesca Pelagotti.

Scacciadiavoli è un’azienda che risale alla fine dell’1800.

La leggenda narra di una giovane posseduta dal diavolo alla quale un esorcista (che dimorava presso la zona dove adesso è la Cantina) fece bere il vino locale che allontanò la presenza demoniaca. Da qui deriva appunto il nome.

La proprietà è dal 1954 della famiglia Pambuffetti, oggi alla quarta generazione.

Interessante la sequenza dei vini in degustazione.

Ecco le nostre impressioni:

 

 

Montefalco Bianco 2018: Trebbiano Spoletino 50%, Grechetto 30%, Chardonnay 20% – un vino che è ancora in cerca di un’identità territoriale (ogni anno aumenta la percentuale di Trebbiano Spoletino e diminuiscono le parti di Grechetto e Chardonnay) : sentori di frutti tropicali si uniscono a note di fiori bianchi ed agrumi. Fresco, sapido, di buona progressione gustativa, ma poco rappresentativo dell’areale di riferimento.

Vino Spumante Brut Metodo Classico Scacciadiavoli Rosé (da uva Sagrantino): iodio, sale e agrumi, queste le parole che ci vengono in mente insieme a frutti rossi, freschezza e ottima persistenza. Versatile negli abbinamenti, gastronomico.

 

Montefalco Rosso 2017: a dispetto di un’annata calda si presenta acido, fresco e di buona sapidità con sentori di piccoli frutti di bosco, erbe officinali e macchia mediterranea.

Montefalco Sagrantino 2016: è la dimostrazione dei grandi passi avanti fatti non solo da Scacciadiavoli, ma dall’intero areale di Montefalco verso il miglioramento qualitativo e di come un vitigno come il Sagrantino, così ricco in polifenoli e tannini, possa trovare una grande espressione senza necessariamente giocare su rusticità e ruvidezze.

 

 

 

Scritto da

Giornalista enogastronomico, una laurea cum laude in Economia e Commercio all'Università La Sapienza di Roma, Responsabile per l'Italia del Concorso Internazionale Grenaches du Monde, Giudice del Concorso Mondiale di Bruxelles e Giudice del Concorso Mondiale del Sauvignon, docente F.I.S.A.R.. Ha una storia che comprende collaborazioni con Guide di settore. Cito solo le ultime : Slow Wine (Responsabile per la Sardegna edizioni 2015 e 2016), I Vini de L'Espresso (vice-curatore e coordinatore nazionale edizioni 2017 e 2018), I Ristoranti d'Italia de L'Espresso (edizioni dalla 2010 alla 2018). Collabora con le testate: www.lucianopignataro.it , www.repubblica.it/sapori ed Epulae. Ha scritto alcuni articoli sul quotidiano "Il Mattino" e su www.slowine.it. Ha una passione sfrenata per quel piccolo continente che prende il nome di "Sardegna", per le sue terre e per la sua gente.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia