Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Lazio – OMINA Romana – vini di buona qualità senza tipicità, a prezzi sostenuti

Una scelta, quella fatta dalla famiglia Börner  nel 2007 dettata da una sfida che nasce dalla consapevolezza che gli antichi romani avevano considerato questi luoghi i più vocati per la produzione di vino di qualità.

Così tra le colline vulcaniche e verdeggianti dei Castelli Romani, a ridosso della città di Velletri, a 200 metri di altezza e a 25 chilometri dal mare, su un terreno di oltre 60 ettari di natura vulcanica nasce l’azienda OMINA Romana.

Si vuole riportare in auge la viticoltura del passato però scegliendo di concentrarsi preavalentemente sui vitigni internazionali. Non è quindi il caso di parlare di tipicità.

La scienza viene a dare una mano, si studiano in modo approfonditi i terreni, si scelgono le varietà più adatte, le tecniche più efficaci per aiutare le vigne in momenti di difficoltà (da irrigazione di soccorso che si estende per ben 400 km lungo ogni filare delle vigne fino ad una stazione meteorologica che allerta l’agronomo di ogni eventuale problematica possa nascere nella vigna).

Ma questo importante utilizzo della scienza nella lavorazione della vigna si abbandona al momento della scelta del periodo in cui vendemmiare, si abbandonano i mezzi tradizionali che vedono l’analisi del grappolo, per passare ad una ricerca basata sull’analisi sensoriale degli acini che vede enologo, agronomo e tecnico di cantina cimentarsi con un procedimento dove la sensibilità dell’uomo diventa la protagonista.

Poi la lavorazione in cantina, la raccolta del mosto senza pressatura degli acini per i vini bianchi, con una macchina che fa ruotare i chicchi grazie ad un elica permettendo di raccogliere in un serbatoio sottostante quel mosto che adrà ad affinare in acciaio o in barrique di primo passaggio a seconda del vino.

Per i rossi invece l’affinamento sulle bucce o in contenitori di acciaio o in botti tronco coniche dura per diversi giorni, a seconda della varietà, seguito poi da affinamento in barrique nuove di diversa tostatura che comporranno la massa del vino prima dell’imbottigliamento finale.

Ma parliamo dei vini assaggiati, che per il notevole investimento sostenuto per la loro realizzazione, vengono venduti, sul mercato, a prezzi importanti.

 

Diana Nemorensis I 2017 (33 % Merlot – 33 % Cabernet Sauvignon – 33% Cabernet Franc)  maturazione 12 mesi barrique di secondo passaggio . prezzo € 19,00

Note fruttate e floreali anticipano un sorso sapido e dinamico, finale di mandorla amara. Un po’esile.

Chardonnay 2019 (100% Chardonnay)  – vinificazione in acciaio – € 25,00

profumi floreali si associano a note agrumate, esile nella strutture ma di buona beva nel complesso.

 

Chardonnay 2013  (100% Chardonnay) – vinificazione 50% acciaio e 50% barrique di terzo passaggio. L’utilizzo di barrique di terzo passaggio per il 50% della massa ha permesso al vino di raggiungere una buonissima complessità. Sapidità e mineralità sono rimaste intatte pur con il passare del tempo. Vino eccellente.

Chardonnay Ars Magna 2017  (100% Chardonnay) maturazione 12 mesi barrique di primo passaggio – prezzo  € 63,00

Le note dell’affinamento in legno la fanno ancora da padrone, fiori secchi(camomilla), vaniglia e accenni fumé anticipano un sorso sorretto da sapidità e acidità. Aspettiamolo.

Chardonnay Ars Magna 2015  (100% Chardonnay) maturazione 18-22 mesi barrique di primo passaggio. L’ulteriore affinamento in bottiglia ha fatto bene a questo Chardonnay, dove note di albicocca e frutta secca la fanno da padrone. Dinamico e con una nota sapida ancora presente, termina con sentori di albicocca.

Chardonnay Ars Magna 2013 (100% Chardonnay) maturazione 18-22 mesi barrique di primo passaggio. Una bottiglia non perfetta che vira su note di miele e fiori secchi, non è possibile darne un giudizio.

Viognier Ars Magna 2017 (100% Viognier) maturazione 12 mesi barrique di primo passaggio – prezzo € 63,00.

Le note provenienti dall’affinamento in barrique sono molto evidenti, pur in presenza di una bella sapidità e mineralità dobbiamo aspettare alcora la sua evoluzione in bottiglia per poterlo giudicare appieno.

Merlot Ars Magna 2016 (100% Merlot) maturazione 12 mesi barrique di primo passaggio – prezzo € 98,00.

Un buon lavoro svolto con la vinificazione, il buon lavoro in vigna e in cantina si ripercuote nel bicchiere con profumi di voletta che si associano a frutta rossa e note di cardamomo. l’assagio è dinamico con un finale di pepe molto intrigante.

Cabernet Sauvignon Ars Magna 2016 (100% Cabernet Sauvignon) maturazione 18-22 mesi barrique di primo passaggio – prezzo € 96,00.

Un vino giovane che non ha ancora raggiunto un perfetto equilibrio, ma che ha le potenzialità di evolvere e durare nel tempo anche per un acidità molto interessante. Belle le note di chinotto che hanno anticipato l’assaggio.

Cabernet Franc Ars Magna 2016 (100% Cabernet Franc) maturazione 18-22 mesi barrique di primo passaggio – prezzo € 107,00

Note erbacee anticipano profumi fruttati e di spezie, grande eleganza per un vino sapido e dinamico allo stesso tempo. Finale speziato molto persistente.

Cabernet Franc Ars Magna 2015 (100% Cabernet Franc) maturazione 18-22 mesi barrique di primo passaggio.

L’annata attualmente in commercio, l’anno in più di affinamento ha fatto bene al vino che mantiene le caratteristiche dell’annata 2016 ma con un equilibrio maggiore.

 

Ceres Anesidora I 2016 igt Lazio rosso ( 50% Cabernet Sauvignon – 50% Cabernet Franc) maturazione 18-22 mesi barrique di primo passaggio . prezzo € 118,00.

La sintesi dei due vitigni di maggior spessore presenti in azienda, perfettamente dosati per dar vita ad un vino molto interessante che coniuga al meglio le caratteristiche dei due vitigni. Profumi floreali si integrano a spezie e note erbacee. l’assaggio ci propone freschezza e sapidità perfettamente bilanciate tra loro con un finale persistente di mora.

Cesanese 2015 (100% Cesanese) maturazione 12 mesi barrique di secondo passaggio . prezzo € 31,00.

Un Cesanese che non ti aspetti, pur percependone da subito le note che lo cotraddistinguono, mette in evidenza eleganza e freschezza. Bello il finale speziato.

 

avatar
Scritto da

Ha fondato Vinodabere nel 2014. Laureato in Economia e Commercio specializzazione mercati finanziari, si è dedicato negli ultimi dieci anni anima e corpo al mondo del vino. Assaggiatore internazionale di caffè ha partecipato a diversi corsi di analisi sensoriale del miele, vanta diverse esperienze nell'ambito enologico quali la collaborazione con la guida "I vini d'Italia" de l'Espresso (edizioni 2017 e 2018), e la collaborazione con la guida Slow Wine (edizioni 2015 e 2016).

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia