Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Krug – A Julie Cavil l’onere e l’onore di comporre la Grande Cuvée 168

Intendiamoci: lei non è certo una novellina. Julie Cavil era già in maison dal 2006, con ruoli e responsabilità in continua e strameritata crescita. Ma è intrigante e significativo che a scegliere (come pochi ancora) di avere al comando delle operazioni “una” chef de cave sia ora uno dei blasoni di Champagne più gloriosi in assoluto, e insieme meno immediatamente “femminili”.

Julie Cavil

Non per colpa sua, per carità; ma per “storia” di collocazione elitaria e di consumi, che per cose come il Clos du Mesnil – peraltro primo “appannaggio” esecutivo ad alto livello di Julie in casa Krug – fino a qualche lustro fa erano quasi iniziatici, e paragonabili, per certi versi, persino al passaggio del Porto a fine pasto sulle tavole anglosassoni d’un certo tipo. Anche se poi, quasi per ironia della sorte, era stata Jeanne Krug, moglie del fondatore Joseph, allora prigioniero di guerra in Germania, a varare la produzione targata con il millesimo 1915.
A Julie, che succede all’arcinoto Èric Label, è toccato dunque – è il caso di dire – l’onere e l’onore di comporre la prima Grande Cuvée della sua nuova fase apicale di carriera: quella che porta il numero d’ordine 168.

Grande Cuvée 168

La filosofia che sta dietro questo autentico mosaico compositivo (in questa edizione i componenti sono addirittura 198, con il 42% di vini di riserva e 11 annate diverse dentro, con la ’96 come capostipite e la 2012 come ultima, “novella” e fondante) è ben nota: fare sempre il massimo per gratificare col miglior Champagne – scusate: il miglior Krug… – materialmente fattibile chi lo acquista e lo stappa.

Ma è anche vero che la gratificazione, il suo concetto, la sua modalità, assumono nuance diverse secondo periodo, tendenze, orientamenti geopolitici del mercato.

E allora: meglio guardare laicamente “dentro” il calice (la flute è strumento ormai abiurato) e scoprire come si comporta, dopo sei anni sui lieviti e adeguato riposo in vetro, il rampollo della nuova “signora” in carica.

Con dentro il 35% di Chardonnnay, il 13% di Meunier e un significativo 52% di Pinot Noir, la 168 si presenta come una edizione molto classica (nel senso originario) della Grande Cuvée. Note fondenti e scure, prima che chiare. Frutta secca, sensazioni leggermente fumé, che poi imbiondiscono di sentori di lievitati, di pasticceria delicata. Ma la bocca ribalta carte e tavolo: energica, grande, eppure vibrante; complessa, ma ben tesa e allungata, estende in profondità il senso di opulenza e insieme di ossatura importante trasmesso dal primo investigare olfattivo. A tirare elastico e volata è però un finale sapido, e persino mediterraneo nelle sfumature agrumate che si lascia dietro.
Vino senza destinazione d’obbligo (tavola o gusto puro, a piacere), ha però in sé i germi di un’evoluzione “circolare”, che lo porterà a un abbraccio ampio ed ecumenico verso svariate opzioni gastronomiche.

Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia