Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

dav

News

Calici di stelle e Cantine Nicosia

La notte di San Lorenzo (10 agosto) è una delle attrazioni naturali che vengono seguite maggiormente. Sarà il fascino che riescono a trasmettere le Perseidi (che sono uno sciame meteorico e che ogni anno si manifestano fra la fine luglio ed inizio agosto, per avere la concentrazione massima fra il 10 ed il 12), sarà perché ognuno di noi ha un desiderio da esprimere, fatto sta che nella stragrande maggioranza dei casi ogni anno per il 10 d’agosto molte persone seguono questo fenomeno naturale. Se a questo aggiungiamo che da qualche anno diverse cantine organizzano serate a tema sia per osservare il cielo con l’aiuto di astrofili ed astronomi, che per degustare qualche calice di vino, la cosa assume una veste ulteriormente coinvolgente.

Un ulivo del giardino

Interessante, quindi, è risultata la serata organizzata da Cantine Nicosia a Trecastagni (CT) nel meraviglioso giardino adiacente alla struttura che contiene la sala ristorante e la sala degustazione. Durante la cena a buffet e la contestuale degustazione di diversi vini dell’azienda, di tanto in tanto è stato possibile alzare lo sguardo al cielo e “sperare” di vedere una stella cadente. Nulla comunque ha impedito di poter entrare ed osservare una bellissima sala ristorante ed un’altrettanto bella sala degustazione.

Sala degustazione

Successivamente per un gruppo ristretto (su prenotazione) è stato possibile partecipare ad una degustazione di Nerello Mascalese di varie tipologie (spumantizzato, rosè, rosso, rosso riserva). In assaggio l’Etna Brut Sosta Tre Santi, l’Etna Rosato Vulka’, l’Etna Rosso Vulka’ e l’Etna Rosso Riserva Monte Gorna. Dalla freschezza e delicatezza dell’Etna Brut, alla duttilità e per certi versi un po’ di ruffianeria dell’Etna Rosato, continuando sulla non impegnatività e la facile beva dell’Etna Rosso, per concludere con la sapidità e mineralità accompagnati dalla giusta eleganza dell’Etna Rosso Riserva, ognuno dei quattro vini ha avuto qualcosa da dire e da esprimere.

Etna Brut Sosta Tre Santi Sessanta Mesi

A conclusione di serata il giusto finale con una “stella” che presto brillerà e sarà messa in commercio. Graziano Nicosia, neo – eletto nel Consiglio d’Amministrazione del Consorzio Etna D. O. C., da buon padrone di casa ha voluto far degustare un prodotto ideato per l’anniversario dei centovent’anni dell’azienda. Trattasi dell’Etna Brut Sosta Tre Santi Sessanta Mesi (100% Nerello Mascalese – Metodo Classico). Un colore giallo carico ed un perlage persistente. I profumi sono molteplici, con un primo impatto di ricordi fumé che si trasformano in note di frutta esotica matura, il tutto accompagnato da note di tostatura e di croissant. Grande struttura con linearità ed eleganza. Probabilmente le stelle si sono messe a guardare il contenuto del calice….

 

avatar
Scritto da

Come per tutte le cose importanti si inizia per gioco e poi... si fa sul serio. È dal 2006 che mi sono appassionato e sono stato introdotto nel mondo del vino, GRAZIE a MIO PADRE. Poi per capire qualcosa in più ho seguito un corso e..... nel 2013 ho conseguito il diploma di sommelier. A tutti coloro che sono appassionati di vino, dico che bisogna sempre provare e degustare vini diversi, cercando di capire quello che il vino ci trasmette, perché il vino non va bevuto! Il vino va degustato!!

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia