Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Borgogna Vosne Romanée – Report fotografico della vendemmia 2019 al Domaine du Comte Liger-Belair (Parte Prima)

La vendemmia in Borgogna quest’anno si è svolta nelle settimane centrali di settembre, con la raccolta dei rossi in generale tra il 16 e il 21. Quest’ultime sono state le date della vendemmia allo Château di Vosne Romanée, Domaine du Comte Liger-Belair. Anche quest’anno ho avuto il privilegio di essere stato invitato da Louis-Michel e Constance per il week-end finale della vendemmia, con la festa tradizionale del pranzo della domenica. Il mio ruolo – ormai al sesto anno di presenza – è quello di “fotografo ufficiale”, e per la prima volta quest’anno in digitale!

Il Domaine du Comte Liger-Belair, forte dei suoi due secoli di storia leggendaria, è ormai grazie al lavoro straordinario di Louis-Michel e dei suoi collaboratori un riferimento assoluto in Borgogna. Tutti i suoi vini sono oggetto di ricerca spasmodica da parte degli appassionati di tutto il mondo, con quotazioni ogni anno sempre più elevate. Tra i Grands Crus ricordiamo il monopole La Romanée, la AOC più piccola del mondo, un fantastico Echezeaux e, dal 2015, un incredibile Clos de Vougeot. Numerosi Premiers Crus e Village – tra questi ultimi ricordiamo il Clos du Château monopole, vigna adiacente allo Château di Vosne Romanée residenza della famiglia.

La stagione ha avuto un andamento assai altalenante nella Côte de Nuits, e alla fine i Grands Crus sono stati raccolti prevalentemente tra il 17 e il 19, giorno del mio arrivo. Le foto si riferiscono al sabato (prima parte) e alla domenica (seconda parte), il week-end finale che è tradizionalmente marcato dalla presenza di tanti membri della famiglia e dei molti professionisti e clienti del Domaine che, vendemmiando in prima persona, possono assicurarsi della qualità della raccolta e dell’annata.

Sabato mattina appuntamento per la colazione alle 7:00 sulle mura del “Clos des Grandes Vignes” a Nuits Saint-Georges.
È
 l’unico Premier Cru sul lato est della Strada Nazionale che attraversa la Borgogna.

 

Louis-Michel spiega con umorismo squisitamente francese l’utilizzo delle cesoie

Ci si aspettava un tempo nuvoloso senza pioggia e invece c’è un magnifico sole!

L’uva è particolarmente bassa e spesso nascosta dal fogliame

Non bisogna dimenticarsi neanche del grappolo più piccolo: è quello che dà maggiore dolcezza

L’uva è piuttosto sana e ben matura, nonostante le preoccupazioni dell’annata

I raccoglitori versano i propri secchi nelle cassette da circa 14 Kg dei “porteurs”

Louis-Michel ha imposto un regime biodinamico alle proprie vigne fin dal primo momento in cui ha potuto farlo… (2000)

Un secondo passaggio tra i filari affinché nulla sia dimenticato…

Alla pausa verso le 10:00 ci siamo trasferiti a Vosne per vendemmiare il Premier Cru “Aux Reignots”.
Constance guida il team che rifocilla i vendemmiatori: pane e formaggio e salame o pane e cioccolata?

Jean-Pierre è un “porteur” di grande esperienza, uno dei pochi che oltre a portare le cassette
prepara anche il filare ripulendolo dalle foglie che nascondono l’uva…

 La posizione straordinaria del cru “Aux Reignots”: un pendìo che domina “La Romanée” e “La Romanée-Conti”, sullo sfondo…

I due Jean-Pierre.. quello sullo sfondo è il responsabile delle vigne e della vendemmia
e dà istruzioni alle squadre per coprire più efficacemente la superficie della raccolta

Il pendìo e la stanchezza spingono a trovare le posizioni più comode per tagliare l’uva…

Ancora qualche chilo d’uva messa al sicuro in cassetta!

Siamo ormai in cima alla parcella, il pranzo si avvicina!
(fine della prima parte)

avatar
Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

La ricetta della prelibata ciambella al mosto cotto

Cali di Zucchero

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia