Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

AZIENDE EMERGENTI IN LANGHE – IL BAROLO E GLI ALTRI VINI DELLA CASCINA AMALIA

Le Langhe rappresentano in qualche misura per l’appassionato, il degustatore, il giornalista di settore, il sommelier, uno dei regni mondiali del pianeta vino.

Risulta quindi sempre interessante incontrare persone che hanno deciso di investire in questi territori per cimentarsi con denominazioni come Barolo, Barbaresco,  ma anche con quelle meno blasonate come Dolcetto d’Alba, Barbera d’Alba, Langhe Nebbiolo.

Ancora più bello è quando si ha la possibilità di avere a che fare con nomi meno noti, ma che ti mettono davanti a vini ugualmente emozionanti.

Questo è il caso della famiglia Boffa della Cascina Amalia a Monforte d’Alba.

Abbiamo avuto la possibilità di incontrare Paolo Boffa presso il Ristorante L’Arcangelo di Roma, e di degustare i suoi vini.

Ed allora senza esitare facciamo parlare i vini attraverso le nostre descrizioni:

Dolcetto d’Alba 2016: proveniente da viti su terreni calcareo argillosi e vinificato solo in acciaio. Succoso con tannino vibrante. Coniuga freschezza con lunghezza e bevibilità. Ottimo il finale speziato. 88/100. 13 euro a scaffale enoteca.

Dolcetto d'Alba 2016

Dolcetto d’Alba 2016

Barbera d’Alba 2016: vinificato solo in acciaio. Presenta un’acidità tagliente e dei ricordi di frutti rossi. Non ancora in equilibrio, ha bisogno di evoluzione. Da riassaggiare più in là. 12 euro a scaffale enoteca.

Barbera d'Alba 2016

Barbera d’Alba 2016

Barbera d’Alba Superiore 2016: affinato in barrique non nuove. Ematico e speziato, con sentori di frutti rossi e ciliegie. Leggermente alcolico nonostante freschezza e sapidità in evidenza. 87/100. 20 euro a scaffale enoteca.

Barbera d'Alba Superiore 2016

Barbera d’Alba Superiore 2016

Langhe Nebbiolo 2016: vinificato solo in acciaio con macerazione più breve del Barolo (6 giorni contro i 20 giorni del Barolo). Note speziate si uniscono a succosità e lunghezza. Bellissimo il finale sapido, iodato e floreale. Di grande eleganza. 93/100. 14 euro a scaffale enoteca.

Langhe Nebbiolo 2016

Langhe Nebbiolo 2016

Barolo 2014: in questa annata non viene realizzato nessun cru ma un assemblaggio tra Bussia e Le Coste di Monforte. Sentori di fiori e frutti rossi anticipano una piacevole sapidità ed un lungo finale minerale e iodato. 93/100. 30 euro a scaffale enoteca (grande rapporto qualità/prezzo).

Barolo 2014

Barolo 2014

Barolo Le Coste di Monforte 2011: un piccolo capolavoro con succosità, materia e sapidità in evidenza a sottolineare carattere e profondità di beva. Il lungo finale balsamico e su note speziate risulta di grande piacevolezza.  95/100. 37 euro a scaffale enoteca.


Barolo Bussia 2013: sapido, iodato con finale agrumato e speziato ma leggermente alcolico.  La materia è imponente e la chiusura ha una tendenza leggeremente amara. 89/100. 37 euro a scaffale enoteca.

Barolo Bussia 2013

Barolo Bussia 2013

 

 

Scritto da

Giornalista enogastronomico, una laurea cum laude in Economia e Commercio all'Università La Sapienza di Roma, Responsabile per l'Italia del Concorso Internazionale Grenaches du Monde, Giudice del Concorso Mondiale di Bruxelles e Giudice del Concorso Mondiale del Sauvignon, docente F.I.S.A.R.. Ha una storia che comprende collaborazioni con Guide di settore. Cito solo le ultime : Slow Wine (Responsabile per la Sardegna edizioni 2015 e 2016), I Vini de L'Espresso (vice-curatore e coordinatore nazionale edizioni 2017 e 2018), I Ristoranti d'Italia de L'Espresso (edizioni dalla 2010 alla 2018). Collabora con le testate: www.lucianopignataro.it , www.repubblica.it/sapori ed Epulae. Ha scritto alcuni articoli sul quotidiano "Il Mattino" e su www.slowine.it. Ha una passione sfrenata per quel piccolo continente che prende il nome di "Sardegna", per le sue terre e per la sua gente.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia