Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Angela e Marianna Velenosi dalle Marche all’Abruzzo, dai vini fermi alle bollicine

Non è certo la prima scommessa importante, il primo azzardo che decide di fare.  A pensarci bene (e a replicare una battuta che lei per prima,e chissà quanti altri con lei, hanno già fatto) quello iniziale e in fondo il più grosso, è stato decidere di far vini col suo cognome (non proprio comodo: Angela, si sa, si chiama Velenosi…) in etichetta. Salvo buttar lì con nonchalance a chi di volta in volta sollevava l’argomento: “Lei pensi, allora, che mio nonno vendeva anche funghi…”.

Le vigne

Ora, poi, a sorvegliare le puntate che con coraggio – ma anche con la rodata solidità di chi ha già messo alla prova più volte capacità e tenacia misurandosi con sorte e mercato – Angela decide di fare, c’è una… croupier ultraddestrata, la bocconiana Marianna, sua figlia (laurea in market managing, assunta in Svizzera e in un batter d’occhi promossa responsabile risorse umane dell’azienda, salvo poi soccombere al richiamo… del tralcio, della famiglia e della vendemmia) che in una curiosa e gustosissima inversione generazionale delle parti è incaricata di riportare in cassaforte, quando occorra, il cuore che la mamma tende a gettare sovente oltre l’ostacolo. Come del resto ha fatto fin dal 1984, quando la storia della maison è iniziata, e poi nelle varie tappe di crescita e sviluppo: ultima, quella del ritorno nella regione di origine (Angela è enoicamente marchigiana per storia e collocazione primaria, ma teramana per radici): l’Abruzzo dunque, ove ha innestato uno spin off produttivo decisamente ambizioso nell’area oggi Docg dei suoi colli d’origine.

Più recente – 1991 – è la puntata sul fronte bolle. Un inizio (una start up, si direbbe oggi) voluto quando ancora non si spumantizzava tutto e dappertutto, come è accaduto in Italia negli ultimi anni appendendo varietà e zone letteralmente a grappolo al gancio trainante del Prosecco. E anche là giocando forte. Intanto sul doppio colore, aggiungendo il The Rose al color chiaro di partenza. E poi provando a scalare i piani del grattacielo dalle gerarchie sfornando un “10 anni” sui lieviti come – prima davvero pochissime, oggi di più, specie al Nord di Enotria – solo le aziende più ambiziose facevano e fanno.

Ed eccolo allora – Metodo Classico  in fabula – il Gold targato Velenosi e millesimato 2008. Figlio dorato (già dal nome) di una casa che conta ormai su circa 200 ettari vitati (poco meno) e sparge in Italia e nel mondo oltre 2,5 milioni di messaggi in  bottiglia all’anno. E anche questa edizione – per chi scrive la migliore assaggiata, incrocio tra esperienza, annata e scelte enologiche guidate da Paolo Garbini – conferma che in fondo, dietro l’audacia di lady Velenosi c’è sempre un istinto ormai consolidato e cesellato da “seller” di razza; di incantatrice di mercati-serpente, come sono quelli “globali” d’oggi. Certo, non è con il super decenne spumeggiante che si fanno i numeri o si nutrono i grandi fatturati. Ma intanto l’approccio è comunque quello di corteggiare il senso di piacere di chi assaggia. E poi il rigo d’oro tirato in questo modo sul blasone aiuta a spingere, a motivare.

E a far capire cose come il Rêve , l’Offida Pecorino  “importante” per dimensione aromatica, veste e ambizione (e che coniuga la doppia anima acciaio-legno piccolo di fermentazione con equilibrio anche più fresco e sobrio  che in passato in questa edizione 2018), erede ben più rampante del “melange” Falerio, un tempo bandiera bianca del Piceno e a un certo punto abiurato da Angela per far spazio ai monovitigno.

Oppure il nuovissimo entrato, il Montepulciano Docg Colline Teramane Verso Sera – al debutto c’è l’annata 2017 – presentato con guaina esterna in raso nero, veste color ardesia ed evocativo décor a rilievo sulla bottiglia, tanto per trasmettere che è un vino con cui si esce per andare a far festa – ma che al di là dei tocchi fashion ha poi ampiezza, larghezza e, ancora una volta, una ricerca premeditata di bocca voluttuosa, ancorché decisamente giovinotta e meritevole di riassaggi intervallati (prossimo importante post estate), che guarda con consapevole lucidità al gusto del mondo, rivendicando però insieme con orgoglio “nativo” il territorio cui appartiene.

Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Dall’assaggio alla cieca la classifica dei 10 migliori panettoni di Roma secondo Vinodabere

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia