Rimani in contatto con noi
[the_ad id="81458"]

ISCRIVITI

News

ViniMilo – Etna 10 anni fa, 2012 – 2022

La degustazione di Etna 10 anni fa, che ogni anno viene svolta nella manifestazione della ViniMilo, è una di quelle più interessanti, perché riesce a dare una visione di quali possano essere le potenzialità di invecchiamento e di evoluzione dei vini dell’Etna, sia per l’Etna Bianco D. O. C., sia per l’Etna Rosso D. O. C.. Poter degustare i vini ottenuti con la vendemmia del 2012, ha dato un quadro come nell’area dell’Etna D. O. C., le condizioni climatiche (oltre ai terreni), variano, fornendo un valido campione ed ulteriore conferma di come si possa definire il territorio etneo un’isola nell’isola. L’annata 2012, è stata una delle prime annate più calde nell’areale del territorio dell’Etna D. O. C. (anche se non siccitosa), il che ha (in parte) scompaginato tutti i “protocolli” della vendemmia. Nella maggior parte dei casi i vini sono stati ricchi, pieni e polposi, con gradazioni alcoliche notevoli. Se i vini bianchi hanno avuto modo di “conservare” la loro freschezza ed avere una beva verticale, le differenze maggiori sono state riscontrate negli Etna Rosso, passando da vini di grande finezza e con una beva agile, per arrivare a vini più muscolosi.
Assaggiando tre Etna Bianco e sette Etna Rosso i partecipanti hanno avuto la possibilità di poter verificare come un’annata calda abbia in parte lasciato il segno, ma senza snaturare le caratteristiche di eleganza, di bevibilità e di piacevolezza.

Il primo ad essere degustato è stato A ‘Puddara 2012 Etna Bianco D. O. C. di Tenuta di Fessina. Sentori muschiati  e intensi con accenni canforati e con un lieve ricordo di miele. Verticale al sorso, con una buona spalla acida che gli conferisce una grande lunghezza. I vigneti da dove proviene l’uva sono a Biancavilla.

I Custodi delle Vigne dell’Etna hanno reso disponibile in degustazioe l’Ante 2012 Etna Bianco D. O. C.. Intenso al naso, con vari profumi puliti e schietti emanati dal calici. La nota di cedro disidratato ed accenni di frutta secca, con lievi ricordi di spezie dolci, compongono il bouquet. All’assaggio ha un’acidità smussata e non particolarmente aggressiva. Chiude con una leggera scia sapida. Persistenza buona. Ottenuto con le uve delle vigne che si trovano a contrada Moganazzi, Castiglione di Sicilia.

Il terzo Etna Bianco D. O. C. è Quantico 2012, di Quantico Vini. Sentori di idrocarburo, erba secca falciata, zenzero compongono il bouquet di questo vino, strutturato e ben bilanciato. Fresco all’assaggio, con una pienezza di sorso. Persistenza buona. Le vigne dell’azienda si trovano a Linguaglossa (zona nord – est), ma la particolarità di questo vino sta nei vitigni che vengono utilizzati per ottenerlo, 70% Carricante, 20% Catarratto e 10% Grillo.

Feudo di Mezzo 2012 Etna Rosso D. O. C. dell’Azienda Agricola Calcagno,  ha sentori di goudron, che vengono arricchiti ed accompagnati da sentori di liquirizia e humus. Componenti dure e morbide ben bilanciate che rendono il vino molto equilibriato. Persistenza buona. Le uve provengono dalla contrada Feudo di Mezzo, Castiglione di Sicilia.

Rimanendo nel territorio di Castiglione di Sicilia, contrada Rampante, Pietradolce ha presentato l’Archineri 2012 Etna Rosso D. O. C., che attraverso ricordi fruttati, con sentori di more, humus e funghi, con richiami di cenere di camino, ha mostrato un bouquet ricco e complesso. Fragrante al sorso con una freschezza “vivace” e tannini di grande fattura. Lungo e con una buona progressione.

Il Rampante 2012 Etna Rosso D. O. C. di Cantine Russo, fa emergere dal calice una ricchezza di profumi balsamici e di fiori secchi. Sapido con un buon equilibrio. Fresco al sorso e con tannini fini. Persistenza discreta. La zona di produzione è a Castiglione di Sicilia, contrada Crasà.

Feudo Cavaliere, con il Millemetri 2012 Etna Rosso D. O. C., ci riporta nella zona sud del vulcano a Santa Maria di Licodia. Sentori di arancia e di carrubba, pietra focaia. Caldo all’assaggio con tannini fini. Lungo con un’ottima persistenza. Siamo nella zona sud del vulcano, mille metri di altitudine. Rispecchia in pieno l’annata 2012, con un vino caldo e con tannini di buona finezza grazie alla maturazione avuta.

Spostandosi nella parte sud – ovest del vulcano, a Biancavilla con il Nerello Mascalese 2012 Etna Rosso D. O. C. di Masseria Setteporte, si ha un vino che fa emergere sentori intensi di rosmarino ed origano, legna arsa e pietra focaia, con ricordi di cardamomo e zenzero, offrendo un bouquet ampio. La grande acidità riesce ad avere il predominio fungendo da asse portante. Grande lunghezza di sorso, che ha una persistenza ottima.

Profumo di Vulcano 2012 Etna Rosso D. O. C. di Federico Graziani, nasce in contrada Feudo di Mezzo, territorio di Castiglione di Sicilia. Dal calice pervengono sentori di pietra focaia, note muschiate, accenni di liquirizia e di spezie. Armonico al sorso, con acidità, tannini ed alcol che hanno trovato un buon equilibrio. Tannini di buona finezza. Persistenza ottima.

L’ultimo Etna Rosso D. O. C. è del versante est, Viagrande, Monte Serra. Serra della Contessa 2012 di Benanti, si presenta con profumi floreali e note balsamiche, a cui si aggiungono ricordi di terra bagnata. Grande freschezza che anche in questo caso è la componente che spicca di più. Potente al sorso, con una grande verticalità. Lungo e di personalità.

avatar
Scritto da

Come per tutte le cose importanti si inizia per gioco e poi... si fa sul serio. È dal 2006 che mi sono appassionato e sono stato introdotto nel mondo del vino, GRAZIE a MIO PADRE. Poi per capire qualcosa in più ho seguito un corso e..... nel 2013 ho conseguito il diploma di sommelier. A tutti coloro che sono appassionati di vino, dico che bisogna sempre provare e degustare vini diversi, cercando di capire quello che il vino ci trasmette, soffermandoci sulle sensazioni e sulle emozioni che può dare.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2021 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia