Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Vini di Natale: uno lo vivi e uno lo ricordi – Terza Puntata. Quando Claudia Cardinale profumava di Barolo…..

Barolo  1964 – Cordero di Montezemolo.

IL VINO DEL RICORDO

Cioè quello che non si scorda mai… Inevitabilmente, come il primo amore, è il primo vino importante (comprato da me per me): compivo 18 anni fatidici, era un  Barolo 1964 – Cordero di Montezemolo.

Ma io faccio gli anni poco dopo Ferragosto. E scolarsi (programmaticamente da solo: il proposito era quello) un Barolo in spiaggia sotto la canicola era roba tosta anche per un pischello di (mal)educazione sessantottina come il sottoscritto, e già aduso anche a qualche stravizio. Morale: bevuta rinviata. E bottiglia sdoganata in inverno, giusto prima di Natale. Aperta (con i riti prescritti), bevuta in un’ora, crollato a letto fulminato… con un ricordo incancellabile di cassetto di comò di zia Felicita, e in primo piano quelle note di rosa dolcemente asciugata e polverosa (e friabile al tatto) che ho risentito poi in vari Barolo (soprattutto dei Cannubi) in anni successivi, ma poi sempre meno, sempre meno… come se quel sentore fosse passato di moda proprio come i cappellini della zia Felicita. L’ho risentito però, mescolato a una nota di legno pastoso (oggi, più esperto, direi: forse oud, allora non sapevo) in una circostanza speciale e anch’essa memorabile: accompagnando sottobraccio (privilegio straordinario) svariati decenni dopo un mito del cinema italiano e della mia gioventù, Claudia Cardinale, a prendere un premio alla carriera nel salone di Donnafugata, dove aveva girato il “Gattopardo”. Avrei voluto dirglielo. Ma come si fa a dire a una delle donne più belle e desiderate nella storia del mondo (ancora bellissima allora, per me, malgrado gli anni passati): signora, lei ha un profumo meraviglioso, sa di Barolo? Mi astenni. Tanto più che ero in casa di produttori siciliani tra i più bravi, i Rallo (cui sono per sempre debitore di quegli attimi fantastici). Ma, poi, più di una volta – confesso – me ne son pentito…  

 

Monte Real Reserva 1952 – Bodegas di Cenicero

IL VINO CHE VORREI IN REGALO

Non metto limiti né di geografia né di genere, né tantomeno alla provvidenza… Ma quello che vorrei in regalo è un vino – purché buono e vivo – del 1952. Il mio anno. Un millesimo davvero non troppo felice per le tipologie che amo di più, e di cui è  arduo trovare esemplari in forma. Due, in realtà, ne ho avuti: un Marsala mitico della Florio, Riserva e Botte speciale, commovente davvero (ma coi liquorosi e/o dolci, si sa, il gioco è un filo più facile) e un RiojaSemplice e incredibile. Dono, quello, di Maurizio Menichetti, alias Caino, cui una sera, a cena nel suo localegustando la cucina santa di Valeria e davanti alla sua carta dei vini pazzesca, avevo confessato il mio piccolo cruccio: di non potermi praticamente mai far festa con una boccia della mia età. Qualche tempo dopo (troppo perché ricordassi) mi squilla il telefono e una voce arzilla mi fa: ehi, grullo, veh che ce l’ho per te! E io, già immemore: ma che??!! E lui (Maurizio): ma il ’52, grullo! Sto tornando dalla Spagna, come s’arriva te lo stendo. Era il Monte Real Reserva delle Bodegas di Cenicero di cui (allego foto) serbo da allora, religioso, la boccia (vuota, claro…). Descrizione? Superflua. Era vivo. Sano. Buono. Magico. Perché ero io… rinato in bottiglia. Ps per me Caino, l’avrete capito, checché se ne dica, è un santo… e quanto a Abele, era un infido, e se l’è voluta…   

    

Shiarà – Castellucci Miano

IL VINO CHE REGALEREI

Potrebbe seguire elenco sterminato e rutilante, tessuto di grandi annate e cru prestigiosi, con dentro anche un po’ d’inevitabile sfoggio e snobberia (nessuno in questo nostro mondo imbottigliato ne è del tutto esente, e io non faccio eccezione). Ma non è così. Il vino che mi piace di più regalare (e lo dico con sincerità) è sempre l’ultimo che ho scoperto. L’ultimo asteroide da vino conquistato, l’ultimo che mha sorpreso (e che qualcun altro, ovviamente, mi ha aiutato a scoprire, perché è sempre così: stavolta l’amico e “professional” Angelo Vecchioni). Un vino folgore, dunque. Un vino apparizione. Buono  perciò per Natale e anche per l’Epifania (perdonate il giochetto etimologico da liceale anziano). E nella fattispecie trattasi, oggi e qui, di un sudista travestito da nordista, un siculo in renana da Riesling. E programmaticamente, direi. Perché è un Catarratto da vecchi alberelli (40-60 anni) che a modo suo rieslingheggiagià per questioni di quota (si autodefinisce: di montagna, e siamo a quasi 900 metri, e non sull’Etna, bimbi, ma sulle Madonìe). Si chiama Shiaràe lo produce, attenta a ambiente, impatto, solfitagggio (minimo, ancorché necessario) a Valledolmo la Castellucci Miano. Io ho assaggiato, dunque regalerei, lo sfavillante 2016. Ma mi parlano di profondità di giacimenti aziendali che vanno fino a splendidi 2009, 2008, e via così. Esplorerò, giuro. E vi saprò dire. Così magari al prossimo Natale…

Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia