Rimani in contatto con noi
[the_ad id="81458"]

ISCRIVITI

News

Sicilia – La degustazione dei vini di Casa Grazia nella nuova cantina

La nuova cantina dell’Azienda Casa Grazia di Maria Grazia Di Francesco nel contesto naturalistico – ambientale del lago Biviere, ha ospitato la degustazione dei vini dell’azienda.

Il Frappato di Casa Grazia il Laetitya Sicilia D. O. P. è quello che riesce a risentire particolarmente delle condizioni climatiche del lago Biviere. Si presenta con profumi che necessitano di un po’ di tempo per essere apprezzati al meglio, marasca ed accenni di mora e arancia bionda. Di beva facile e con una spalla acida ben ponderata. Potente ed elegante.

I vigneti di Casa Grazia (che si trovano nel territorio di Gela), ricadono nell’areale del Cerasuolo di Vittoria, dove Frappato, e Nero d’Avola sono i vitigni protagonisti. Il Victorya 1607 Cerasuolo di Vittoria D. O. C. G., millesimo 2020 (50% Nero d’Avola, 50% Frappato), fa affinamento in acciaio. Dal calice emergono personalità ed eleganza, con note di ciliegia acerba e di rabarbaro, sentori di spezie e di erba bagnata e falciata. All’assaggio è ben equilibrato. I tannini sono fini, e mostra buona freschezza e bevibilità. Persistenza discreta.
Prima di passare a descrivere gli altri vini degustati durante la degustazione inaugurale della cantina guidata dal consulente enologo Tonino Guzzo, è bene descrivere come i progetti realizzati e quelli futuri camminino con uno schema logico. Una volta che è stata ultimata la cantina, il passo successivo, è quello di adeguare i fabbricati adiacenti alla cantina ad appartamenti, che possano permettere il pernottamento ai turisti e far visitare l’areale delle vigne e dell’area naturalistica in tutta tranquillità.

Oltre ai vitigni autoctoni, Casa Grazia coltiva vitigni internazionali come Cabernet Sauvignon e Syrah.

Il Vi Veri 2019 Sicilia D. O. P. è un Cabernet Sauvignon di estrema eleganza e raffinatezza. Si presenta con un bouquet ricco ed elegante. Il corredo aromatico non ha solo i sentori erbacei, ma anche note salmastre arricchite da ricordi di piccoli frutti di bosco. Ricco e polposo, con una buona corrispondenza gusto – olfattiva. Fresco al sorso con una scia sapida finale. Ottima la persistenza.

Abbiamo degustato in anteprima il Brunetti d’Opera 2019, Cerasuolo di Vittoria Classico D. O. C. G., che porta il cognome del marito di Maria Grazia. Un Cerasuolo di Vittoria che ancora non è in commercio, ma che a breve lo sarà, per il quale i quantitativi prodotti si aggirano intorno a qualche migliaio di bottiglie. La percentuale di Nero d’Avola in questo caso è del 60%, con un saldo del 40% di Frappato. Un buoquet elegante e di personalità. Speziatura, confettura, mora, accenni di zenzero, per poi tornare alle note fruttate (ciliegia acerba). Buone la persistenza e la progressione del sorso. Il tempo giocherà a suo favore.

avatar
Scritto da

Come per tutte le cose importanti si inizia per gioco e poi... si fa sul serio. È dal 2006 che mi sono appassionato e sono stato introdotto nel mondo del vino, GRAZIE a MIO PADRE. Poi per capire qualcosa in più ho seguito un corso e..... nel 2013 ho conseguito il diploma di sommelier. A tutti coloro che sono appassionati di vino, dico che bisogna sempre provare e degustare vini diversi, cercando di capire quello che il vino ci trasmette, soffermandoci sulle sensazioni e sulle emozioni che può dare.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2021 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia