Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

“Sfida” culinaria al ristorante InFucina – Sapori di Mare e Vini della Cantina Di Prisco

Una bella serata al ristorante romano InFucina di Edoardo Papa. Il “tema” era la cucina di mare, lo “svolgimento” affidato ai due Chef: Edoardo Papa di InFucina e Alessandro Capponi del ristorante Host di Fiumicino. I due si sono “sfidati” proponendo ognuno anche un piatto realizzato all’impronta, in base agli ingredienti che ogni cuoco aveva scelto per l’altro. Come “giudici” una folta platea di esperti degustatori e giornalisti professionisti del settore, che oltre al gradimento dei piatti in sé potevano valutare anche l’abbinamento con i vini della Cantina Di Prisco. Pasqualino di Prisco, per chi non lo conoscesse (ancora), è un appassionato produttore e “difensore” della tradizione vitivinicola dell’area del Taurasi. E’ uno dei pochi viticoltori regionali che riesce ad ottenere vini bianchi e rossi di uguale (alto) livello qualitativo, inoltre a prezzi interessantissimi.
Di seguito le nostre impressioni, ma vi consigliamo vivamente di “toccare con mano” la qualità di cibi e vini – e l’atmosfera di cordiale convivialità – che si possono ritrovare in serate come questa, che sicuramente si protrarranno al ristorante InFucina.

Irpinia Coda di Volpe DOC 2017 – Cantina di Prisco (Coda di Volpe 100%).

Profumi fruttati e dolci di agrume (cedro, pompelmo) e pera. In bocca è fresco, delicato, con un fondo dolce (susina) sorretto da una buona vena acida. Beva pulita e piacevole.

A noi è piaciuto abbinato con “Mortadella di mazzancolle”: mazzancolle con pistacchi, pomodori confit e robiola; piatto dai sapori molto equilibrati, in armonia con il “bilanciamento” del vino.

Greco di Tufo DOCG “Pietra Rosa” 2017– Cantina di Prisco (Greco 100%). Prodotto da uve selezionate, affina in acciaio e bottiglia.

Al naso si presenta con una nota minerale di idrocarburo, seguita dai tradizionali sentori di frutta gialla, agrumi e fiori bianchi. Al gusto aromi di pesca e agrume in sintonia con l’olfatto. Il sorso è succoso, morbido, bilanciato da una bella acidità e con una struttura importante.

Greco di Tufo DOCG “Pietra Rosa” 2015. Profumi ed aromi simili ma più intensi del 2017, un vino potente la cui complessità necessità di più tempo per raggiungere l’armonia attuale del 2017.

Il Greco 2017 ci è piaciuto abbinato con “Spaghettoni di Gragnano” conditi con polvere di capperi, olive taggiasche, tartare di tonno e sugo di pomodoro”.

Irpinia Fiano DOC “Vigna Rotole” 2017– Cantina di Prisco (Fiano 100%).

Prodotto da uve selezionate, affina in acciaio e bottiglia. Vino raffinato e complesso. Profumi caldi e intensi di pera e pompelmo rosa, affiancati da note balsamiche di menta. In bocca ritorni di frutta bianca matura e frutta secca bilanciati da una nota minerale. Un sorso di grande eleganza.

Ottimo abbinamento con lo “Sgombro alla Cacciatora”: filetto di Sgombro alla salsa di cacciatora di mare con cavolo-verza all’aceto di mele e foglia croccante di cavolo nero.

Irpinia Campi Taurasini DOC 2015 – Cantina di Prisco (Aglianico 100%).

Affinamento in acciaio e legno. Si caratterizza per i profumi intensi di frutta scura (confettura di amarena), note floreali (viola), sbuffi balsamici da spezie (pepe nero). In bocca è netto e pulito, i ritorni aromatici del frutto sono integrati da una buona acidità. Il sorso è succoso, scorrevole e di grande bevibilità.

Taurasi DOCG 2012 – Cantina di Prisco. Affinamento in botti grandi e bottiglia. Al naso profumi di viola e frutti neri (prugna e ribes nero), con note balsamiche e speziate. In bocca emerge tutta la struttura e la complessità del taurasi: le spezie (pepe nero), il tannino ricco, il fruttato (frutti di bosco neri) si integrano in un sorso ricco, amaricante e saporito.

Taurasi DOCG 2005 – Cantina di Prisco. Affinamento in botti grandi e bottiglia. La rispettabile età di questo Taurasi ne svela le grandi doti di longevità e il livello di raffinatezza e varietà di aromi che l’Aglianico può raggiungere. Sentori balsamici di erbe officinali, di sottobosco, china, liquirizia. Al palato mostra un grande equilibrio ed integrazione tra frutto e tannino, con note di cioccolato amaro e caffè. Una beva complessa e di grande godibilità.

E per finire un “fuorilista” ma anche fuoriclasse:

Vendemmia Tardiva  “Latinia “ 2012 –  Cantina Santadi.  Prodotto con una raccolta tardiva di uve Nasco, affina in barrique usate per 14 mesi. Già al naso denota grande equilibrio tra le note dolci (miele, dattero, zucchero di canna) e quelle speziate (chiodi di garofano), balsamiche e con una traccia di ossidazione. Il gusto è pieno, corposo, dove il fruttato di zibibbo e albicocca passita è ben bilanciato da una vena fresca e acida con un lungo finale piccante.

L’abbiamo gustato in coppia con uno splendida “zeppola” di San Giuseppe!

avatar
Scritto da

Sono un appassionato del mondo del vino, mi piacciono i profumi e i sapori che ogni bottiglia di vino racchiude, le sensazioni e le emozioni che trasmette e che ogni “bevitore” può interpretare in base alle proprie percezioni sensoriali. Ho frequentato diversi corsi di degustazione sul vino in ambito AIS, Slow Food, Gambero Rosso, Enotime; ho preso il diploma di sommelier AIS nel 2001. La passione per il vino mi ha indotto a svilupparne altre, in particolare per l’Olio: ho acquisito il diploma di sommelier dell’olio extravergine di oliva dell’AISO nel 2007 e quello di assaggiatore dell’olio vergine di oliva dell’UMAO nel 2014. Mi piacciono molto anche i distillati, in particolare la grande varietà e specificità del mondo del whisky. Ho collaborato per l’edizione 2018 con la guida "I vini d'Italia" de l'Espresso e con la “Guida Flos Olei“ 2019 di Marco Oreggia. Sulla testata Vinodabere mi occupo di Vino, Olio e Distillati; inoltre collaboro con le testate www.lucianopignataro.it ed Epulae.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

La ricetta della prelibata ciambella al mosto cotto

Cali di Zucchero

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia