Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Romolo al Porto ad Anzio: quando il mare è nel piatto

Per chi ama la materia prima di mare andare da Romolo al Porto rappresenta una meta obbligatoria di pellegrinaggio gastronomico. Ed infatti ad Anzio, presso questo storico ristorante gestito dalla famiglia Regolanti (con Luisa ed il figlio Marco in cucina e il fratello di Marco, Walter a guidare la sala) si celebra un vero e proprio rito dedicato alla divinità del luogo: il mare. E la macchina da guerra messa in campo dai Regolanti è impressionante, al punto di riuscire a servire più di 100 coperti con una velocità ed una efficienza da Guinness dei Primati.

Un po’ come dei giocolieri, i bravissimi operatori di sala (perchè date le loro capacità definirli camerieri sarebbe veramente riduttivo) portano sulle tavole prima una grande sequenza di antipasti crudi e cotti e poi primi e secondi sempre legati al mare. La materia prima, ci ripetiamo, è di qualità incredibile, e viene quasi tutta dalla barca (peschereccio) di famiglia.

Ed ecco i piatti che ci sono stati serviti che non hanno bisogno di commenti (parlano da soli):

Fragolino con timo selvatico

Gambero Rosso con zeste di lime e sale al nero di seppia

Scampetti della Barca di Romolo

Triglia con aneto e cappero disidradato

Calamaretti con insalatina di puntarelle alla romana e pane carasau

Straccetti di merluzzo con julienne di carciofo romanesco e pane croccante alle erbe

Gambero Rosso con purea di patate e cannella e chips di patate

Tonno in salsa ponzu con brunoise di cetriolo marinato alla menta,  zuppa di pomodoro rosso del Piennolo con aceto di riso fermentato e calamaretto, zuppa di finocchio con fragolino e sale di alga Kombu

 

Rivisitazione della minestra di pesce di Romolo, con vellutata di ceci e pasta mista di Gragnano

Calamaro arrostito alla brace con valeriana e melograno

 

Seppia croccante caramellata

Spaghettoni polpo e pecorino (spaghettoni Benedetto Cavalieri, pomodoro del Piennolo, polpettini affogati e pecorino romano)

 

 

Zuppa di pomodoro giallo, Vermouth Cocchi con calamaretti e gambero istriato (una zuppa fredda con i pomodori gialli del Piennolo)

Frittura di calamari e chips di verdure di stagione croccanti

 

Romolo al Porto

Via Porto Innocenziano, 19, 00042 Anzio RM

tel. 06 984 4079

giorno di chiusura: mercoledì

Scritto da

Giornalista enogastronomico, una laurea cum laude in Economia e Commercio all'Università La Sapienza di Roma, Responsabile per l'Italia del Concorso Internazionale Grenaches du Monde, Giudice del Concorso Mondiale di Bruxelles e Giudice del Concorso Mondiale del Sauvignon, docente F.I.S.A.R.. Ha una storia che comprende collaborazioni con Guide di settore. Cito solo le ultime : Slow Wine (Responsabile per la Sardegna edizioni 2015 e 2016), I Vini de L'Espresso (vice-curatore e coordinatore nazionale edizioni 2017 e 2018), I Ristoranti d'Italia de L'Espresso (edizioni dalla 2010 alla 2018). Collabora con le testate: www.lucianopignataro.it , www.repubblica.it/sapori ed Epulae. Ha scritto alcuni articoli sul quotidiano "Il Mattino" e su www.slowine.it. Ha una passione sfrenata per quel piccolo continente che prende il nome di "Sardegna", per le sue terre e per la sua gente.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

La ricetta della prelibata ciambella al mosto cotto

Cali di Zucchero

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia