Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Piccola Guida della Sardegna – dagli assaggi effettuati nel 2018 la classifica dei 5 migliori Cagnulari per Vinodabere

Dopo Vini Bianchi Dolci (link), Monica di Sardegna (link), Vernaccia d’Oristano (link), Vermentino della Gallura (link), Carignano (link), Cannonau (link) e Vermentino di Sardegna (link), passiamo ora alla classifica dei migliori Cagnulari nella nostra Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere.

Per capire meglio le nostre valutazioni vi ricordiamo che abbiamo usato una scala di punteggio internazionale (quindi mediamente più alta di quelle in uso in Italia) e che gli assaggi sono stati svolti rigorosamente alla cieca dal panel di Vinodabere (Carlo Bertilaccio, Salvatore Del Vasto, Daniele Moroni, Gianmarco Nulli Gennari, Antonio Paolini, Giuseppe Picconi, Sabrina Signoretti, Gianni Travaglini, Paolo Valentini, Maurizio Valeriani). Ricordiamo inoltre che tutti i vini di cui parleremo vanno dall’ottimo all’eccellente. I punteggi, in considerazione della degustazione in panel e del suo voto medio, possono riportare anche i decimi di punto.

Il Cagnulari è una varietà autoctona che viene coltivata soprattutto nei terreni di Usini (anche patria del carciofo spinoso) dove dà i migliori risultati, con interessanti realtà dedicate a questo vitigno anche nei comuni di Ossi, Tissi, Uri, Ittiri, Sorso, Torralba ed Alghero (dove è presente una DOC con utilizzo del monovarietale)

Ed ecco la nostra classifica (testi di Daniele Moroni e Maurizio Valeriani):

1. Cagnulari 2017 – Cherchi  94,4/100 (territorio/zona: Usini) – prezzo a scaffale enoteca 13 euro

Billia Cherchi è capofila di quella decina di produttori che ha salvato il Cagnulari dall’estinzione. Il suo Cagnulari 2017 è molto tipico con note speziate e di macchia mediterranea in evidenza ed un tannino vibrante che accompagna freschezza e sapidità. Un vino di grande carattere.

 

L’azienda: Cherchi 

Località Sa Pala ‘e Sa Chessa 07049 Usini (SS)

mail: info@vinicolacherchi.com

tel.+39 079 380273

Giovanni Maria Cherchi, conosciuto da tutti come zio Billia, ha dato vita a questa azienda quasi 50 anni fa, cercando di valorizzare, con successo, il vitigno Cagnulari nella zona più vocata in Sardegna (Usini) insieme al Vermentino che in questo territorio dà generalmente risultati fantastici e si dimostra molto adatto al’invecchiamento. Salvatore, figlio di Billia, sta prendendo in mano le redini dell’azienda continuando, in ogni caso, ad ascoltare i consigli del padre.

————————————————————————————————————————————

2. Cagnulari Muttos 2014 – Il Grappolo d’Oro 94,1/100 (territorio/zona: Usini) – prezzo a scaffale enoteca 15 euro

I vigneti sono ad Usini in zona Laccheddos. Profumi di agrumi e macchia mediterranea anticipano una bella nota fumé. Elegante, sapido, presenta un finale iodato molto persistente.

L’azienda: Il Grappolo d’Oro

Via Vittorio Emanuele 80 – 07041 Alghero (Sassari)

email: ilgrappolodorosassu@gmail.com

Tel. 079 9739157

Fabrizio Sassu, figlio e nipote di vignaioli, dopo un’esperienza ventennale presso Tenute Dettori, decide di aprire una sua azienda ad Alghero (con vigneti ad Usini). Da subito sceglie una conduzione biologica ed i vini sono molto territoriali. Il nome della cantina è nato ricordando quelle parole che il papà Giacomo gli ripeteva giorno dopo giorno: “la riuscita di un ottimo vino è la selezione dei grappoli che fai in vendemmia, avere dei grappoli sani è come avere l’oro in mano , è come avere dei grappoli d’oro”.

———————————————————————————————————————————–

3. Alghero Cagnulari 2017 – Santa Maria La Palma 93,6/100 (territorio/zona: Alghero) – prezzo a scaffale enoteca 10 euro

L’annata 2017 ci presenta una versione molto elegante del Cagnulari aziendale, con note speziate e di macchia mediterranea, ed una straordinaria succosità, che si fonde con materia, sapidità, anticipando una chiusura su ricordi di ginepro e mirto.

Nell’immagine è presente un’annata più vecchia, ma noi abbiamo assaggiato la 2017

 

L’azienda: Santa Maria La Palma

Loc. Santa Maria la Palma – 07040 Alghero (SS)

email: vini@santamarialapalma.it

tel. +39 079999008

 

Oltre 300 soci e 700 ettari coltivati. Con questi numeri si presenta questa realtà cooperativa.

“Tutto inizia nel 1946, nei terreni della Nurra, bonificati e consegnati ai contadini in seguito alla Riforma Agraria che interessa la Sardegna nell’immediato dopo guerra. Mani esperte e coraggiose, in grado di cogliere l’anima di un territorio che sembra essere fatto per il vino. È così che cento di loro decidono di diventare Soci e, insieme, fondare la Cantina Santa Maria la Palma. È il 1959.

Oggi, passato e futuro si incontrano, vivendo naturalmente l’uno nell’altro, in ogni nuova tecnologia e in ogni progetto portato avanti dalla Cantina, figli di una tradizione che da sempre unisce innovazione e amore per la propria terra. 700 ettari di terreno, messi a frutto per dare vita alle diverse e profonde sfumature del Vino Sardo, con la stessa passione e la stessa dedizione al lavoro di allora, e con le migliori tecnologie di oggi.”

———————————————————————————————————————————–

4. Cagnulari 2016 – Chessa 93/100 (territorio/zona: Usini) prezzo a scaffale enoteca 14 euro

Note speziate si uniscono a toni mediterranei anticipando un sorso scorrevole e sapido, che si chiude con ricordi iodati ed agrumati.

 

L’azienda: Chessa

Via S. Giorgio, 07049 Usini SS

email: info@cantinechessa.it

Tel.: 328 374 7069

In un terroir vocato per la coltivazione del carciofo spinoso, da diversi anni Giovanna Chessa lavora con bravura ad attualizzare e implementare la storia agricola di famiglia dimostrando grande sensibilità nella produzione dei vini tipici di Usini, in particolare Vermentino e Cagnulari, senza dimenticare lo storico Moscato dolce.

——————————————————————————————————————————–

Cagnulari 2016 – Tenute Delogu 92/100 (territorio/zona: Alghero) – prezzo a scaffale enoteca 15 euro

 

Sentori di frutti rossi e toni speziati sono i marcatori di questo Cagnulari, che si presenta agile e di buona bevibilità, senza trascurare materia e lunghezza gustativa.

L’azienda: Tenute Delogu

SS 291 Sassari-Fertilia km 22, 07041 Alghero (SS)

email: info@tenutedelogu.com

tel.+39 345 2862861

60 ettari di vigna nelle campagne di Alghero ed un wine resort con servizio di ristorazione sono il biglietto da visita di questa azienda. L’attenzione sui vini da vitigni autoctoni ha caratterizzato sin dall’inizio la produzione, che recentemente sta raggiungendo confortanti risultati qualitativi.

 

Nella foto di copertina i grappoli di Cagnulari di Cherchi

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

Scritto da

Giornalista enogastronomico, una laurea cum laude in Economia e Commercio all'Università La Sapienza di Roma, Responsabile per l'Italia del Concorso Internazionale Grenaches du Monde, Giudice del Concorso Mondiale di Bruxelles e Giudice del Concorso Mondiale del Sauvignon, docente F.I.S.A.R.. Ha una storia che comprende collaborazioni con Guide di settore. Cito solo le ultime : Slow Wine (Responsabile per la Sardegna edizioni 2015 e 2016), I Vini de L'Espresso (vice-curatore e coordinatore nazionale edizioni 2017 e 2018), I Ristoranti d'Italia de L'Espresso (edizioni dalla 2010 alla 2018). Collabora con le testate: www.lucianopignataro.it , www.repubblica.it/sapori ed Epulae. Ha scritto alcuni articoli sul quotidiano "Il Mattino" e su www.slowine.it. Ha una passione sfrenata per quel piccolo continente che prende il nome di "Sardegna", per le sue terre e per la sua gente.

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia