Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

La Scolca: la nuova annata del Gavi dei Gavi Etichetta Nera

Centodue anni appena compiuti, una lunghissima storia alle spalle, un presente più che consolidato,

La Scolca – guidata con mano agile quanto ferma da Chiara Soldati- ci ha ormai abituato a muoversi in modo per qualche verso simile alle più avvedute e tecnologicamente dotate tra le nuove auto: puntuale navigatore, cioè, che anticipa e traccia la rotta verso il futuro, ma anche (ci si passi l’accostamento) provvida telecamera posteriore che offre una visione altrettanto nitida, preziosa e puntuale del backstage.

Tradotto in modalità di degustazione: il nuovo (o i nuovi, secondo occasioni e tempistiche) vino a proscenio della casa a far da primattore, ma sempre accompagnato da un “fratello” più grande d’età da confrontare. Quella visione posteriore, cioè, che aiuta a capire meglio dove si sta andando, e suffraga con prove tangibili (e palatabili) i presagi che il neonato in bottiglia sa evocare.
È andata così anche l’ultima volta, la prima dopo la presentazione del “vino del secolo”, quel 2019 che rappresentava e ricordava in etichetta, appunto, i cento anni di storia aziendale avviata nel 1919.
È toccato dunque alla 2020 del Gavi dei Gavi Etichetta Nera aprire il “secolo novo” della Scolca. E a fargli da chaperon per l’ingresso ufficiale nel mondo del vino nazionale d’élite Chiara ha scelto una bottiglia del 2013. Scelta ovviamente non fatta a caso.

Analogie vendemmiali legano i due millesimi, l’ultimo (atteso e poi valutato come di gran pregio, sorta di parziale risarcimento danni gestito da mamma natura e papà vigneto a tutti i guai capitati nel frattempo) e quello di sette anni avanti, anch’esso marcato da un mix bilanciato di potenza (poi tradotta in complessità) e finezza del pantone olfattivo. Che nel “ragazzo” debuttante sciorina in sequenza accordi floreali e note agrumate (verdi ma non aspre, anzi golose) che si ampliano e fondono al palato in nuance cedrate e di frutta bianca fresca e saporita. Mentre nel rodato compagno di assaggio evolvono in scorze d’agrume confit, ricordi “rocciosi” di quella che i francesi chiamano pittorescamente “pierre à fucil” e pennellate di albicocca e frutta secca a gratificare e allungare il gusto. Dipingendo un affresco futuribile in parte (perché poi ogni millesimo e ogni vino ha, si sa, storia a sé) presagibile, almeno quanto a qualità percepita e attitudine all’evoluzione, anche per il 2020: come in una sorta di joiceiano “Ritratto dell’artista da giovane” o, se preferite, in una versione da calice del wildiano “Ritratto di Dorian Gray”.

Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia