Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Giovani produttori sardi crescono. L’Ogliastra vista da Roberto Pusole

La Sardegna enoica vive un momento di grande fermento grazie soprattutto ad una nuova schiera di giovani produttori che si stanno mettendo in gioco e che speriamo possano contribuire significativamente a far conoscere in Italia e nel mondo il vino sardo. Abbiamo recentemente parlato di Mamoiada. Stavolta ci spostiamo in Ogliastra, una delle altre zone dell’Isola vocate per il Cannonau. Siamo a Baunei, vicino a Santa Maria Navarrese, nella costa orientale sarda.

 

Roberto Pusole, laurea magistrale in viticoltura ed enologia conseguita in Piemonte, ci accompagna nella visita alla sua azienda, trasmettendoci tutta la passione per il suo lavoro.

Roberto segue le vigne in maniera quasi maniacale perchè, nonostante la sua formazione, ritiene che la vigna conti per il 99% nella produzione di un vino di qualità.

Ed i vini che ne derivano esprimono tutto il carattere del territorio e di Roberto.

Il Karamare 2017:  deriva da uva Cannonau Bianco (vitigno autoctono frutto di un incrocio di semi di Cannonau con una varietà di uva da tavola chiamata Galoppo), fa macerazione, e  mette in evidenza sapidità e materia, mantenendo un profilo minerale e salmastro. Bellissimo il lungo allungo fumé. Di grande personalità.

il Pusole Bianco 2017 è un Vermentino che coniuga mineralità e sapidità, struttura ed eleganza, e lascia una piacevolissima scia salina.

Il Rosé di Pusole 2017 è veramente un grande rosato (prevalentemente da uva Cannonau), che mostra tutto il carattere che possono avere i rosati sardi se interpretati nella maniera corretta. Mineralità, materia e succosità e poi un lungo finale speziato.

L’Ogliastra Rosso Saccarè 2017 (ottenuto da Cannonau) presenta un sorso scorrevole ed una piacevole nota agrumata, che si aggiunge a quelle speziate e fruttate tipiche del Cannonau.

L’Ogliastra Rosso Saccarè 2016 deve ancora assorbire interamente il passaggio in legno anche se mette in evidenza materia e lunghezza gustativa.

 

 

 

Scritto da

Giornalista enogastronomico, una laurea cum laude in Economia e Commercio all'Università La Sapienza di Roma, Responsabile per l'Italia del Concorso Internazionale Grenaches du Monde, Giudice del Concorso Mondiale di Bruxelles e Giudice del Concorso Mondiale del Sauvignon, docente F.I.S.A.R.. Ha una storia che comprende collaborazioni con Guide di settore. Cito solo le ultime : Slow Wine (Responsabile per la Sardegna edizioni 2015 e 2016), I Vini de L'Espresso (vice-curatore e coordinatore nazionale edizioni 2017 e 2018), I Ristoranti d'Italia de L'Espresso (edizioni dalla 2010 alla 2018). Collabora con le testate: www.lucianopignataro.it , www.repubblica.it/sapori ed Epulae. Ha scritto alcuni articoli sul quotidiano "Il Mattino" e su www.slowine.it. Ha una passione sfrenata per quel piccolo continente che prende il nome di "Sardegna", per le sue terre e per la sua gente.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

La ricetta della prelibata ciambella al mosto cotto

Cali di Zucchero

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia