Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Frescobaldi festeggia: “nozze d’argento” con la Luce Il vino targato 2017 è il n. 25 della serie ed è presentato in veste speciale

È stato un lungo percorso, pieno di episodi, esplorazioni, novità e avventure quello targato Luce, progetto (e prodotto) di punta della premiata e plurisecolare label dei Marchesi Frescobaldi. Un cammino iniziato in forma di joint venture (iniziata da una sorta di incontro tra capi famiglia, Vittorio Frescobaldi e Robert Mondavi, tycoon dell’omonimo brand, un’alleanza in parte dal sapore patriarcale ma per il resto, e un resto abbondante, giocata come un doppio completamento di presa sul mercato: per la storica casata toscana attraverso l’internazionalizzazione e lo sbarco vieppiù rutilante sulla portaerei del mercato Usa, e per il partner californiano, ma di origini italiane, il poter piantare e rivendicare una radice nobile e nobilitante in uno dei terroir più prestigiosi al mondo: Montalcino).

Ma le alleanze, si sa, sono un po’ come i taxi. O meglio, per fare un passo avanti, i “car sharing”. Si fa un pezzo del percorso insieme. Poi qualcuno decide di scendere. E l’altro passeggero continua la corsa.

Quando Mondavi (per motivi complessi legati alla struttura dell’azienda e dei suoi rapporti con il mercato dei capitali negli Stati Uniti) ha cambiato rotta, Frescobaldi ha fatto suo il refrain di un vecchio, straordinario hit d Bob Dylan: bringing it all back home, e si è riportata, appunto, tutto a casa.


E a 25 anni dal debutto, oggi Luce (con in suo poulain Lucente, il secondo vino della tenuta che rovescia nella sua composizione, rispetto al top wine, il rapporto tra Sangiovese ilcinese e Merlot a favore del secondo) “è – spiega Lamberto Frescobaldi, che è ormai da tempo al timone del vascello di famiglia – un indiscutibile successo. Con esiti anche in parte imprevisti”. Esempio? Per un vino nato con metà targa (e dunque destinazione presunta) americana, diventare un’icona di italianità del gusto su quello – esigentissimo – giapponese che oggi – spiega ancora Lamberto – è il suo primo approdo di mercato.
Il “25 anni” targato 2017 è stato, per l’occasione, vestito da un container e una bottiglia speciali e coloratissimi: sotto il simbolo solare e ormai famoso del vino (che ricorda anche il modo in cui trovò nome, buttato lì dalla moglie di Mondavi, Margareth, abbagliata e conquistata dalla solarità del mezzodì di Montalcino nella sua prima visita) e sopra la scritta-memorandum che ne solennizza il numero progressivo, è incisa una frase di Vittorio Frescobaldi: “Qui c’è la memoria della vigna e del lavoro, della terra e e del sole, dell’ascolto del tempo e del canato delle stagioni”. Una epigrafe sentita e suggestiva, che potrebbe volendo vestire e interpretare buona parte del pensiero e del cammino fatto dalla fetta migliore dell’enomondo italiano dai giorni e gli anni della sua rinascita.
All’assaggio, il Luce delle nozze d’argento, vinificato in cemento, poi passato in piccoli fusti per l’85% nuovi e assemblato nel 2019,dopo due ani circa di affinamento, si dimostra estremamente importante, e decisamente – quanto scontatamente – giovane. Già appagante, però, malgrado l’incisività toscanissima di tannini misurati, elegantissimi, ma ben presenti. Il frutto è denso e masticabile. La testura imponente ma scorrevole
Altra stoffa (e altra pasta) per il Lucente 2018, che gli fa da scudiero. Qui i piccoli frutti scuri festeggiano appena si mette il naso nel bicchiere.

Lamberto Frescobaldi

Sorprende poi il palato – “merito delle argille fredde di Montalcino, e delle nostre vigne, che tengono il Merlot ben composto e con il sederino al fresco”, spiega sapidamente Lamberto Frescobaldi – per gustosa e saporita assenza delle morbidezze smodate, e di converso però anche delle erbaceità immature, cui questo vitigno “trasversale” ogni tanto sottopone da noi a chi lo sperimenta in assaggio. Merito, ancora una volta – oltre che del ragionato ruolo del “partner” Sangiovese – del territorio, che stampa deciso la sua marca sull’uva (qualsiasi uva, o quasi) se chi lo, e la, lavora sa come assecondarlo.

 

Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia