Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Dove mangiare una eccellente pizza sulle Dolomiti? Al Bistrot Dolomieu ad Andalo in Trentino per esempio

Giungere ad  Andalo, splendida località turistica del Trentino adagiata alle pendici della Paganella e del  parco naturale Adamello-Brenta, per ritemprare il corpo e lo spirito, e ritrovarsi a cenare in un locale, scelto più per necessità che per scelta ponderata e rimanere positivamente stupiti non può che renderci felici.

Parliamo del Bistrot Dolomieu di Filippo Crippa e della moglie Monica, un locale a fianco del mitico Grand Hotel Piz Galin, che ha faticato per trovare una sua dimensione in un luogo dove la ristorazione alberghiera la fa da padrona. Anni di sacrifici, di tentativi alla ricerca della giusta strada, per far emergere tutto quello che Filippo aveva appreso nel suo peregrinare nelle cucine dei grandi chef stellati a farsi le ossa.

Filippo Crippa

Lui, milanese d’origine e trentino d’adozione, ha deciso di coniugare  le esperienze maturate in alcuni ristoranti stellati (al “St. Hubertus” di Norbert Niederkofler, San Cassiano in Badia, al Molin di Alessandro Gilmozzi, Cavalese, a Villa Fiordaliso di Gardone Riviera, al Tantris di Monaco di Baviera, all’Harry’s Bar di Arrigo Cipriani, Venezia) attraverso il Bistrot Dolomieu!

Bistrot perché propone una gastronomia semplice, veloce, artigianale (tutto fatto in casa) che si muove intorno al bancone dove si fa la mescita dei vini!

Dolomieu perché identifica il territorio, le Dolomiti, nel quale vive e desidera fare gustare i sapori del territorio agli ospiti.

Il locale di proprietà della famiglia della moglie Monica, è una delle prime e più antiche pizzerie trentine. E questa è  risultata essere la carta vincente per il successo: utilizzare un ingrediente che per tradizione rappresenta la famiglia con bambini, unendolo con materie prime eccellenti e la tecnica appresa in tanti anni di duro lavoro.

Il risultato lo possiamo individuare in una frase:

Al Bistrot Dolomieu si “cucina la pizza trentina”!

Le schiacce e i cocci: si intendono come piatti unici. Li potremmo definire “Piatti d’autore” dove la materia prima e l’attenzione nella preparazione divengono le fondamenta. Si aggiunge poi la preparazione del personale di sala, (attente e sempre sorridenti Flora e Daniela),  per finire con il pizzaiolo Pietro che segue il forno a legna rotante dove nascono le tipiche pizze della tradizione trentina con precisione e cura.

Il forno a legna rotante

Attraverso i piatti proposti, si desidera far vivere un’esperienza gustativa che parli del Trentino, partendo dagli impasti, passando per ingredienti , vini e distillati. Questi ultimi importantissimi perché raccontano il territorio, le storie di coloro che li producono e sanno accompagnare i piatti proposti.

Al Dolomieu si segue il ritmo delle stagioni, cambiando gli ingredienti ed il menu, selezionando anche vini, birre e spumanti locali.

I dolci, le confetture, i succhi che vengono fatti in casa sono il regalo che l’ospite si concede a fine pasto e debbono coccolare per farsi ricordare. Così non troviamo nulla che abbia voglia di stupire ma solo bontà, semplicità unite ad un pizzico di creatività.

È sull’idea di associare alla pizza trentina materie prime del luogo scelte con cura maniacale e farle divenire parte integrante per qualità e  leggerezza (la quantità di lievito è  ridotta al minimo grazie all’utilizzo del grano di mais germinato, tipico della tradizione trentina, e a 4 giorni di lievitazione) che si basa il vero successo di questo locale. Ecco ciò che abbiamo potuto assaggiare:

Schiaccia con carne salada di bue

Iniziamo con una schiaccia con carne salada di bue, formaggio Logorai “Malga Cagnon”, insalatina di cavolo cappuccio marinato al cumino e mele verdi, a cui abbiamo abbinato un Dolomiti IGT Müller Thurgau  Palai di Pojer & Sandri

Dolomiti IGT Müller Thurgau  Palai

La fragranza dell’impasto diviene una straordinaria base dove formaggio, carne, mela e cavolo cappuccio vedono in un filo d’olio il vero elemento della loro unione. Una pizza eccellente.

pizza trentina al prosciutto

Continuamo con una pizza trentina al prosciutto, la qualità del prosciutto la fa da padrona mettendo spesso in difficoltà la leggerezza della base.

Coccio della Piana Rotaliana

Coccio della Piana Rotaliana segale e grano germinato con guazzetto di lumache dell’altopiano della Paganella, erbette aromatiche e formaggio Casolet con riduzione al Teroldego Rotaliano. Ottimo il connubio di sapori tipici di questa zona del Trentino.

Schiaccia al prosciutto di cervo fatto in casa,

Schiaccia al prosciutto di cervo fatto in casa, Schiaccia di mais spin e grano germinato, con cervo marinato in casa al profumo di arancia con julienne di sedano rapa e quadrucci di formaggio erborinato e vinaigrette. Da provare.

schiaccia Kaiserschmarren Dolomieu

Terminiamo con la schiaccia Kaiserschmarren Dolomieu di mais spin della Valsugana con uvetta sciroppata al sambuco, marmellata di frutti rossi e salsa di vaniglia.

Un dolce che recupera una vecchia ricetta trentina con frittata frutti di bosco e uva sultanina al sambuco, che è stata reinterpretata.

Un connubio di sapori dove il sambuco è il tocco finale, peccato averla finita in così poco tempo.

Grappa di Müller Thurgau

Azzeccatissimo l’abbinamento con Grappa di Müller Thurgau di Poyer e Sandri, che presenta profumi di pera, sambuco, fiori bianchi, che ha un sorso delicato e progressivo.

 

Bistrot Dolomieu

Ponte Lambin, 4

38010 Andalo

Tel. +39 0461 585952

 

 

 

 

 

avatar
Scritto da

Ha fondato Vinodabere nel 2014. Laureato in Economia e Commercio specializzazione mercati finanziari, si è dedicato negli ultimi dieci anni anima e corpo al mondo del vino. Assaggiatore internazionale di caffè ha partecipato a diversi corsi di analisi sensoriale del miele, vanta diverse esperienze nell'ambito enologico quali la collaborazione con la guida "I vini d'Italia" de l'Espresso (edizioni 2017 e 2018), e la collaborazione con la guida Slow Wine (edizioni 2015 e 2016).

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

La ricetta della prelibata ciambella al mosto cotto

Cali di Zucchero

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia