Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Bruno Paillard presenta lo champagne Nec Plus Ultra 2008 da Carlo Cracco a Milano

L’incontro con N.P.U. il top di gamma di casa Bruno Paillard, ha da sempre rappresentato l’occasione di confronto  – del resto l’acronimo sta per “Nec Plus Ultra”, al di là non si va – con un grande vino.

Un grande vino “a prescindere”, avrebbe detto Totò. Nel senso che siamo in Champagne, e qui i grandi vini hanno al 99,9% (fanno eccezione i rari Coteaux Champenoise, uno dei quali, uno straordinario Chardonnay di Mesnil in purezza, è stato firmato proprio da questa maison) le bolle.

Sotto le quali però in casa di mr. Bruno e sua figlia Alice (che ne è sempre di più il fer de lance) c’è sempre stata, e si è sempre sentita in questo “préstige” una base “vinosa” che non avrebbe sfigurato, ad altre latitudini, come vino tranquillo tra i big.
Dunque, anche il 2008 – annata peraltro tutt’altro che deboluccia – … ?


Beh: il 2008 è diverso. Non meno grande, attenzione, ma grande in modo – appunto – diverso.

Più longilineo, meno assertivo, più teso in avanti verso un futuro da scoprire, piuttosto che attestato con imponenza sul suo basamento da nobile lignaggio.
Senza assolutamente tralignare, e men che mai derogare dalla caratteristica di ricercata, fattuale eccellenza che tutti i millesimi di questa serie (non molti alla fine, visto che la regola di chi lo fa è che si salta ogni volta che c’è il minimo dubbio sul livello men che … N.P.U. della riuscita) questa ultima edizione, 18 mila pezzi prodotti, metà Chardonnay e metà Pinot Noir vinificati in piccoli legni esausti, 67 mesi sui lieviti, dosaggio lievissimo (3 grammi), note di pane e zenzero, sì, ma ancora più di erbe officinali, freschezza, ritorni di agrume “crudo” e candito, nuance di piccoli frutti rossi e molto altro (complessità è una parola più che è ben tarata qui), ha una fisionomia davvero tutta sua. E che sembra sfruttare quelle generali del millesimo per rimbalzare, come da un trampolino, in una originalità avvolgente già, ma ancora in gran parte da esplorare.


A sondarla hanno contribuito (senza forzature) i piatti del menu allestito ad hoc da Carlo Cracco (in Galleria da lui il vernissage per la press italiana specializzata con Alice, narratrice provetta e deliziosa, a tener le fila) cui il vino di chez Paillard ha risposto modellandosi diversamente ad ogni diversa “provocazione” gustativa. E con alcuni esiti di grandissimo godimento.
Cosa fare con il neonato? Allevarne in casa per un po’ (lunghezza a piacere, state certi che non scuocerà) se se ne ha disponibilità. Festeggiarne la rarità e la classe ad libitum, e all’occasione giusta, se la “creatura” in vostro possesso è figlia unica.

Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia