Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Armonie di Lugana – Il giorno della rinascita

Per scrivere questo articolo ho voluto prendermi del tempo per me. Ho scelto di mettere in ordine le idee perché l’emozione è tanta. Infatti, nell’ultima degustazione a cui ho partecipato prima dello sconvolgimento dell’ordine mondiale delle cose che risponde al nome di COVID-19, il protagonista indiscusso è stato il Lugana. E il 17 settembre 2021 ho scelto di riprendere le mie frequentazioni enoiche pubbliche proprio con il Lugana, nella mia amatissima Milano, all’ombra del razzo spaziale ospitato insieme – tra gli altri – al sommergibile Enrico Toti, nel Museo della Scienza e della Tecnica. Ma non solo, il Lugana venduto da mio zio nell’enoteca di famiglia, è stato uno dei prodotti che più mi ha avvicinato al mondo del vino. Potrei anche dire, da Lombardo DOC, che il Lugana è uno dei vini di casa, un comfort wine, una sorta di coccola che ti aiuta a chiudere i cerchi delle riflessioni.

In mezzo al periodo temporale che mi ha visto lontano dai banchi d’assaggio c’è un turbine di emozioni: i camion dell’esercito a Bergamo; la paura degli amici bresciani; il lockdown; la mia terribile insofferenza, da buon imbruttito quale sono allo stop forzato; la malattia e la guarigione; la speranza del vaccino. Insieme a questo, e a moltissimo altro ancora, ci sono alcuni fil rouge. Tra questi, sicuramente, il Lugana. Cinque tipologie (Lugana, Lugana Superiore, Lugana Riserva, Lugana Vendemmia Tardiva, Lugana Spumante), che generalmente prediligo nelle declinazioni Base e Spumante.

Bellissimo tornare a degustare insieme ad altri amanti del vino, respirare il vento leggero che animava il pomeriggio, mettere il naso nel calice davanti al produttore. Dopo mesi e mesi di difficoltà, mesi fatti anche di vini in piccole ampolle (quasi) da farmacisti, di seminari – wine talking – presentazioni tutte online, di piattaforme per le call (io ne ho almeno 5 installate sul computer), finalmente la gioia della presenza. Finalmente seduto al mio posto ad ascoltare Ettore Nicoletto – Presidente del Consorzio Tutela Vini Lugana – alla guida di una bella masterclass di confronto su ben 12 prodotti in degustazione insieme a Luciano Ferraro – Caporedattore del Corriere della Sera, nonché grandissimo wine&food lover.

In degustazione ho sentito una predilezione speciale per il Lugana DOC Orestilla dell’Azienda Agricola Montonale: dritto, generoso, e tremendamente franco. È un prodotto che rappresenta alla grande questo splendido territorio e le persone che lo abitano. Adattissimo agli invecchiamenti, è da godere in abbinamento ad un piatto di pesce lacustre (magari un buon risotto alla tinca).

Da segnalare inoltre:

  • Lugana Spumante DOC Brut – La Rifra
  • Lugana DOC Sant’Onorata 1953 – Nunzio Ghiraldi
  • Lugana DOC Clay – Cascina Maddalena
  • Lugana Vendemmia Tardiva DOC Filo di Arianna – Tenuta Roveglia
  • Lugana Vendemmia TardivaDOC Rabbiosa – Marangona

I temi futuri per questa importante Denominazione di Origine interregionale (Lombardia – Veneto) che insiste in 5 comuni, sono certamente legati alla rilevanza strategica dell’export (il 70% circa della produzione della DOC Lugana viene venduto in 67 Paesi, quindi ci sono moltissimi mercati e consumatori che devono essere conosciuti e valorizzati con le loro sensibilità). Da alcuni anni a questa parte i produttori stanno lavorando per comunicare al meglio la buona propensione dei vini Lugana per l’invecchiamento. E auspichiamo che il sistema regionale delle eccellenze alimentari lombarde sappia comprendere le straordinarie potenzialità di un prodotto, il Lugana, che deve avere un ruolo sempre più rilevante nel panorama metropolitano milanese.

Mi sono divertito, e sono rientrato a casa ricco nel cuore. Mi è quasi sembrato di essere sul Garda, ma forse quello è l’effetto del Lugana. Il Lugana, a cui sempre sarò grato per avermi fatto rinascere nel calice.

avatar
Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia