Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Alto Adige – Da Karl Bernardi a Brunico: una sosta intrigante per aperitivo, cena e shopping enogastronomico

Brunico non ha certo bisogno di presentazioni o indicazioni turistico-culturali: è  un luogo immancabile della Val Pusteria per tutti gli amanti della montagna, dello sport, del relax e della buona cucina abbinata a vini di tutto rispetto.

Quindi, dopo aver confermato che questa cittadina è  sempre più interessante con le sue vie, i suoi negozi, i mercatini, le chiese e gli edifici storici e dopo aver ricordato che a pochi chilometri ci sono Riscone e Plan de Corones (dove turisti e sportivi possono trovare ogni genere di attrazione per tutte le età oltre a panorami mozzafiato sulle Dolomiti e la Marmolada), passeremo al racconto di un’enoteca-ristorante che ci ha particolarmente colpito: vale a dire Karl Bernardi.

Si tratta della derivazione enogastronomica di un’antica macelleria della città risalente all’inizio del secolo scorso che il patron Karl Bernardi ha aperto in pieno centro cittadino sulle rive del fiume Rienza e quindi in un luogo piuttosto rappresentativo.

Dopo un aperitivo all’ora di pranzo in cui abbiamo potuto apprezzare la bella selezione di vini al calice, soprattutto locali, abbiamo deciso di tornare un altro paio di volte per cena e per l’aperitivo serale.

Non siamo rimasti delusi: grande scelta di vini altoatesini (noi ci siamo concentrati su Eisacktaler e Kofererhof), antipasti di speck e salumi locali, variopinte e ricche insalate di pesce e carne, e ovviamente selezione top di carne di manzo italiano e straniero con tutti i tagli possibili e immaginabili,  dal semplice filetto alla t-bone steak.

Filetto di vitello alla griglia

 

Gulasch di manzo con canederli

Insomma un paradiso per i carnivori.

Stinco di maiale

 

Petto di pollo su asparagi

Da notare, e questo merita un bonus, che i prezzi dei vini al calice sono veramente corretti e convenienti: per esempio €3,40 per i vini altoatesini fino a €6 per il Perlè di Ferrari.

 

E  poi l’ambiente: sala interna e servizio molto curati, dehors sulle rive del fiume dove ci si può sedere all’ombra di un bel melo potato a ombrello come i grandi alberi di fico dell’isola di Formentera, cullati dalla cantilena scrosciante dell’acqua del fiume che accompagna con discrezione aperitivi e cena.

Lungo fiume

Inoltre all’interno c’è la possibilità di acquistare vini e prodotti della casa: due per tutti, goulasch di manzo e di cervo in varie confezioni. Un piccolo esempio di quello che si può trovare in grande nel negozio omonimo della bellissima via Centrale di Brunico,  dove ci si perde tra insaccati, carni, speck, riso Acquerello, miele, marmellate, mostarde, vini eccellenti e distillati accuratamente selezionati.

 

Insomma un luogo da visitare assolutamente se ci si trova in zona oppure in modo virtuale se si accede al negozio online: http://www.bernardi-karl-shop.com/

Noi abbiamo assaggiato crostini con formaggio Fumichello della Val Pusteria e salsa di fichi di Barbieri con noci, crostini con speck cetrioli e rafano,  insalata di trota salmonata salmonata e crostini di pane con cubetti di formaggio,  insalata di manzo con rafano, filetto, gnocchi con salsa di zucchine e omelette con verdure miste.

Tra i dessert, uno splendido strudel con panna, una crema catalana insolitamente buona con gelato malaga e i canederli di ricotta con cioccolato e composta di albicocche.

In conclusione,  abbiamo trovato perfetta corrispondenza tra lo slogan del fondatore dell’azienda, e cioè  la parola Qualità,  e ciò che abbiamo potuto degustare.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

avatar
Scritto da

Carlo Bertilaccio vive a Roma ed è attualmente curatore della rubrica "di...stillati" per la testata giornalistica Vinodabere (www.vinodabere.it). Collabora anche con Luciano Pignataro (www.lucianopignataro.it) e ha collaborato per le edizioni 2017/2018 con la guida "I vini d'Italia" de l'Espresso. Ha collaborato per le edizioni 2015-2016 con la guida Slow Wine, e con la guida "Vini buoni d'Italia" dall'edizione 2010 fino all'edizione 2013. È autore di diversi articoli su distillati e vini su Scatti di Gusto (www.scattidigusto.it). Ha infine scritto diversi libri per Palombi editore su cocktails e altri argomenti, e prodotto inoltre quattro dischi di giovani talenti italiani nonché le canzoni per un musical su Marilyn Monroe, recentemente premiato al teatro Sistina di Roma. Giudice per Spirits Selection by Concours Mondial de Bruxelles.

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia