Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

Piemonte

L’ESEMPIO DI ALBERTO ANGELA: FINALMENTE SI PARLA DI VINO IN TV CREANDO INTERESSE SENZA DIVENTARE BANALI

Vedendo la puntata del 10 gennaio di Meraviglie – la Penisola dei tesori, ci è venuto alla mente una celebre frase del film Frankenstein Junior (1974) di Mel Brooks : “Si può fare”:

 

Ebbene si, si può fare, si può parlare di vigne, di vino, di cantina, di storia della viticoltura, creando interesse, senza mai diventare banali o essere eccessivamente cerimoniosi verso quella o qull’altra cantina.

Per far questo ci voleva l’abilità di Alberto Angela e di tutto lo staff (le riprese sono straordinarie) di Meraviglie – la Penisola dei tesori.

La puntata del 10 gennaio ha messo in risalto, rivalutandole. le capacità di fare informazione del servizio pubblico, facendoci apprezzare la bellezza delle Langhe e della loro storia più antica (epoca di Cavour) e la più recente raccontata a modo suo dal cantante Paolo Conte:

” Restiamo ancorati al vino perchè sia dalla parte di qua delle Langhe, sia dalle mie parti, quelle del Monferrato, il vino ha sempre cantato, ed ha sempre un po’ forgiato le personalità degli abitanti. Se vogliamo essere più raffinati potrei dire che è anche una questione di profumi, perchè per esempio dalla parte qui della Langa, in qualche rara giornata si può addirittura sentire il profumo del mare. Dalle parti nostre invece chi comanda come profumi è il fieno, il fieno che ti fa anche andare lontano con i pensieri e ti tiene anche ancorato qui. Bisognerebbe chiedere a un contadino di quelli che hanno abitato continuamente nello stesso posto, che cosa ne pensa. Qui nelle Langhe sono stati bravissimi a farne una leggenda. Io da vecchio bevitore se posso mi concederei anche un pochino di polemica sui tempi di oggi, perchè se noi sentiamo quello che ci raccontano i taste-vin di oggi, che hanno fatto i corsi e ci sanno dire qualunque percezione…..però sono giovani e non hanno potuto bere i vini che abbiamo bevuto noi sia nell’astigiano che nelle Langhe a quei tempi.Ogni collina aveva il suo gusto ed il suo profumo essendo le patrie storiche delle Barbere. Qui siamo tutti figli di vini cosiddetti nobili e lo sono perchè il Nebbiolo è il padre di tutti i vini importanti (compresi Gattinara e Ghemme). Il Nebbiolo è proprio il re.”

Chi si fosse perso la puntata può rivederla al seguente link della RAI:http://www.raiplay.it/video/2018/01/Meraviglie—La-Penisola-dei-tesori-660f378c-9c6a-4fc1-aa9b-65af0e04a843.html

 

Scritto da

Giornalista enogastronomico, una laurea cum laude in Economia e Commercio all'Università La Sapienza di Roma, Responsabile per l'Italia del Concorso Internazionale Grenaches du Monde, Giudice del Concorso Mondiale di Bruxelles e Giudice del Concorso Mondiale del Sauvignon, docente F.I.S.A.R.. Ha una storia che comprende collaborazioni con Guide di settore. Cito solo le ultime : Slow Wine (Responsabile per la Sardegna edizioni 2015 e 2016), I Vini de L'Espresso (vice-curatore e coordinatore nazionale edizioni 2017 e 2018), I Ristoranti d'Italia de L'Espresso (edizioni dalla 2010 alla 2018). Collabora con le testate: www.lucianopignataro.it , www.repubblica.it/sapori ed Epulae. Ha scritto alcuni articoli sul quotidiano "Il Mattino" e su www.slowine.it. Ha una passione sfrenata per quel piccolo continente che prende il nome di "Sardegna", per le sue terre e per la sua gente.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia