Rimani in contatto con noi
[the_ad id="81458"]

ISCRIVITI

News

Le nostre impressioni su Wine & Siena 2022 by Merano Wine Festival

Per tre giorni Siena è stata il centro del mondo del vino grazie alla settima edizione dell’evento Wine & Siena ideato dal Patron del Merano Wine Festival Helmuth Köcher e dal presidente di Confcommercio Siena Stefano Bernardini. L’evento, che ha dato il via a molti degli eventi che si svolgeranno nella regione, è stato un matrimonio tra bellezze artistiche e enologiche, dato che si è svolto nei bellissimi ambienti del Palazzo Comunale, del Grand Hotel Continental Siena Starhotels Collezione e del Palazzo Squarcialupi a Santa Maria della Scala, che hanno visto celebrare le eccellenze premiate da The WineHunter Award. Ottima l’affluenza di partecipanti alla manifestazione sia per le degustazioni che ai talk e alle masterclass.  Ben 129 produttori, presenti e 460 vini in degustazione.

Le interessanti masterclass sono state:

I Vini del Friuli. Degustazione guidata a cura di Marcello Vagini e AIS.

Degustazione guidata sul Timorasso, a cura di Massimo Pastura e Slow Wine.

Verticale con Il Borro, degustazione guidata a cura di Salvatore Ferragamo e FISAR.

Vini in Anfora – la Sfida Italia – Georgia – L’origine, degustazione guidata a cura di Helmuth Köcher.

Super Tuscan, degustazione guidata a cura di Andrea Frassineti Consigliere Nazionale ONAV.

“I Vini di Andrea Vanni” degustazione guidata a cura di Gianpaolo Betti.

“Grazie a Confcommercio, al Comune di Siena che ci ha creduto e a tutti i partner, afferma Helmuth Koecher

A dicembre pensavamo di fare Wine&Siena a gennaio, ma non era possibile, unica data che siamo riusciti a mettere a fuoco era questa e grazie al Comune, che ci ha creduto e ci è venuto incontro, lo abbiamo fatto. Ci è voluta forza di convinzione anche per agganciare i produttori, qualcuno era intimorito. Nonostante tutto ci siamo riusciti, ha fatto notare Helmuth Köcher, Patron di Merano. Nel 2020 avevamo 285 produttori, quest’anno 125 a causa dei minori spazi, ma c’è questo detto: “Less is more”, questo è stato gradito dai produttori, è stato un plus, dopo tutta la tensione e le incertezze, e tutte le domande sul riscontro, il risultato lo abbiamo visto. Risultato che ha messo in scena Siena e il vino, la città ci ha sorriso e abbiamo sentito la voglia di avere bei momenti di gioia. Sabato è stata una grande giornata, domenica abbiamo avuto un po’ meno persone il che ha reso possibile al produttore di parlare meglio con gli appassionati. Poi oggi abbiamo avuto 500 operatori accreditati grazie a Fipe che ci ha sostenuto. I produttori sono soddisfatti anche per Small Plates perché ci ha permesso di prendere tempo e spazio per la degustazione. Molto bella anche la cena delle Lupe. Buono il riscontro anche delle masterclasses, anche qui abbiamo sentito la parte emotiva, con numeri giusti. Questo è il messaggio che mi porto a casa. Per il prossimo anno dovremo presto stabilire delle date, vorrei che ritornassimo verso la fine gennaio inizio febbraio per lanciare l’anno enologico. Ci portiamo a casa questa bella esperienza, anche rispetto a quello che stiamo vivendo. Il vino e il food ci danno spensieratezza”. Tra le iniziative lodevoli di menzione Siena ha firmato la Carta dei Valori Fipe Cultura, comunità, ambiente, ospitalità, cura, economia, festa, formazione, memoria. Sono le parole e i valori della Carta condivisi con le istituzioni senesi. L’obiettivo, fare in modo che taverne, osterie, locande, trattorie, pizzerie, caffè, ristoranti, gestiti da imprenditori consapevoli, siano sempre più delle vere e proprie “agenzie” di tutela e valorizzazione del territorio. Cultura, comunità, ambiente, ospitalità, cura, economia, festa, formazione, memoria. Sono le parole della Carta dei Valori Fipe firmata nella Sala Ansano, al Santa Maria della Scala, all’interno della settima edizione di Wine&Siena I Capolavori del Gusto, nella giornata dedicata agli operatori.

Tra i banchi di assaggio tra le molte eccellenze ci hanno colpito:

Tenuta di Campomaggio

Chianti Classico Docg 2019

100% Sangiovese. Colore rosso rubino brillante, al naso si presenta con profumi fruttati di amarene fresche e nuance di piccoli frutti rossi, leggeri profumi di violetta e spiccate note balsamiche, al palato si esprime con ottima acidità e un finale sapido, i tannini sono giovani e ben integrati, il sorso è agile e prolungato. Un vino godibile nell’immediato con una prospettiva di invecchiamento medio-lungo.

Chianti Classico Docg Riserva 2018

100% Sangiovese. Colore rosso rubino profondo, leggeri sentori terziari di cioccolato, spezie dolci e chiodi di garofano. Successivamente arrivano note di arancia rossa che chiude con un fruttato ben espresso di prugna. Leggeri sentori terrosi e d’inchiostro. In bocca è ampio e profondo, l’acidità e la sapidità sono ben bilanciati. I tannini giovani e croccanti ci fanno immaginare la loro evoluzione. Nella retrolfattiva un ritorno balsamico chiude il vino rendendolo fresco ed elegante.

Vecchie Terre di Montefili

Anfiteatro Igt Toscana 2017

Sangiovese 100%. Sentori di frutta rossa matura e pepe accompagnati da un tannino elegante e ben bilanciato. Colore rosso rubino carico con sfumature granato, al naso è pulito e pronunciato con succosi mirtilli rossi, ciliegie e confettura di rabarbaro, aromi invitanti di iris, spezie da forno e pepe bianco e un tocco di ginepro. Al palato è secco con un’acidità spigolosa, e tannini ben definiti e di medio corpo, intenso, con frutti rossi che emergono per primi, seguiti da pera candita, mandorla, bacche di ginepro e un tocco di scorza di agrumi essiccata, il finale è lunghissimo e meditativo.

Chianti Classico Docg 2018

Sangiovese 100%. Colore rosso rubino carico con riflessi violacei, al naso è pulito e intenso con un ricco bouquet di ciliegie scure, susine mature e fichi, emergono note erbacee speziate di scorza d’arancia e salvia, sottolineate da un’invitante nota di rovo e sottobosco, al palato è secco con piacevole freschezza che ne contrasta il generoso corpo e calore, i tannini delicati e fini forniscono struttura rimanendo flessibili,  le note di ciliegia scura sono esaltate da strati di erbe fresche, salvia, rosmarino e un tocco di cedro, con un finale lungo.

Podernuovo a Palazzone

Therra Toscana IGT Rosso 2018

Sangiovese, Cabernet Sauvignon e Merlot. Colore rosso rubino intenso e luminoso, al naso dona sentori di mirtillo e confettura di frutti di bosco con sensazioni di spezie dolci ed erbe aromatiche, in chiusura avvolge con sottili note tostate e fumè, al palato mostra la sua esuberanza con un tannino vivo a cui fa da spalla un frutto succoso, caratteristiche che fanno di Therra un vino lungo e persistente.

Argirio Toscana IGT Rosso 2016

Cabernet Franc 100%. Colore rosso rubino vivace, al naso l’esordio regala note di confettura di prugna e marasca sotto spirito sostenute da una leggera mineralità, il finale dona delicate sfumature di pepe nero, liquirizia e cioccolato, al palato si presenta potente e sontuoso con un tannino elegante e una piacevole nota minerale e balsamica.

Melini

Chianti Classico Riserva Vigneti La Selvanella 2013-2015-2016

2013 ha un colore rubino con unghia granata, al naso prevaslgono frutti rossi maturi di giaggiolo e note di viola con uno sfondo balsamico, al palato sorso elegante su note di sottobosco ed un tannino in grande equilibrio. Lunga la persistenza finale.

2015 colore rubino brillante con qualche riflesso granato, anche qui le predominanti gusto olfattive ricalcano la precedente dove l’acidità più presente lo rende più fresco e dinamico e gli dona una più lunga persistenza.

2016 colore rubino brillante, al naso i frutti rossi sono più giovani e freschi e si nota grande finezza olfattiva anche delle note terziarie balsamiche. Al palato già in equilibrio la nota acida e una trama tannica elegante e di grande prospettiva, grazie anche ad un’annata felice, lunga la persistenza su note fresche balsamiche e fruttate.

Unmaredivino di Gioacchino Sini

Biancosmeraldo Vermentino di Gallura Superiore Docg 2020

100% Vermentino di Gallura. Colore giallo paglierino con sfumature verdognole, al naso il bouquet evoca l’uva, la macchia mediterranea, la mela golden, la pesca bianca, i fiori gialli come la ginestra e i fiori selvatici. Al palato secco, caldo e morbido, sapido con una buona freschezza e lunga persistenza.

Oltremare Rosso dei Colli del Limbara Igt 2016

Merlot 30-40%, Cabernet Franc, 30-40%, Carignano 10-15%, Muristellu 10-15%. Colore rosso granato con riflessi violacei, al naso il bouquet richiama la confettura di mora e piccoli frutti a bacca rossa, sottobosco e note mentolate, al palato è rotondo nonostante si percepiscano delicati tannini che supportano la struttura importante del vino.

Cannonau di Sardegna Su Mère Riserva Doc 2015

Cannonau 100%. Color rosso rubino che tende all’inchiostro, vino meravigliosamente poliedrico, al naso sprigiona note fruttate, al palato è caldo, ben strutturato, perfetto per accompagnare pietanze a base di carni arrosto, pesce alla griglia. Ideale da gustare a fine serata con un sigaro e cioccolato.

avatar
Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2021 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia