Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Febbraio il mese delle Anteprime. Si comincia dall’Amarone

Sta per iniziare la grande maratona enoica cui saranno sottoposti giornalisti italiani e stranieri in questo mese di febbraio, che a sorpresa sembrerà il mese più lungo dell’anno. Ed infatti si parte sabato 3 febbraio con l’Anteprima Amarone, per passare alla settimana successiva alle Anteprime Toscane (durata 8 giorni) e chiudere con una 4 giorni a Montefalco con l’Anteprima Sagrantino.

Ad aprire le danze come ogni anno è quindi l’Anteprima Amarone che quest’anno festeggia il cinquantesimo anniversario della nascita della DOC. Per questa speciale occasione il Consorzio ha previsto un programma della giornata che accanto alla rituale degustazione della nuova annata prevede due ulteriori appuntamenti:

  • Grazie alla presenza di personalità politiche nazionali e locali, oltre che della stampa, dei produttori e degli imprenditori del settore, l’evento sarà un forum d’eccezione per affrontare da diversi punti di vista temi di più ampio respiro, quali produzione, impatto economico, qualità e sostenibilità della Valpolicella.
  • Al saluto delle istituzioni, seguirà il panel Arte e Vino, il Valore di un Territorio in cui il critico d’arte Vittorio Sgarbi e il giornalista Andrea Andreoli si confronteranno su vari temi relativi alla Valpolicella e alla sua ricchezza, non solo economica.

 

71 sono le aziende che aderiscono alla manifestazione. Mancano le Famiglie dell’Amarone d’Arte (Allegrini, Begali, Brigaldara, Guerrieri Rizzardi, Masi, Musella, Speri, Tedeschi, Tenuta Sant’Antonio, Tommasi, Torre D’Orti, Venturini e Zenato), che ormai da qualche anno hanno deciso di non aderire e di organizzare degli eventi per loro conto.

Dal canto nostro, speriamo che almeno quest’anno si inverta il trend dei vini posti in degustazione, cioè che diminuisca il numero dei campioni di botte  (che di solito supera il 60% del totale), in modo da rendere più significativo il risultato dell’assaggio.

In ogni caso Buon Amarone a tutti!!!

 

 

Scritto da

Giornalista enogastronomico, una laurea cum laude in Economia e Commercio all'Università La Sapienza di Roma, Responsabile per l'Italia del Concorso Internazionale Grenaches du Monde, Giudice del Concorso Mondiale di Bruxelles e Giudice del Concorso Mondiale del Sauvignon, docente F.I.S.A.R.. Ha una storia che comprende collaborazioni con Guide di settore. Cito solo le ultime : Slow Wine (Responsabile per la Sardegna edizioni 2015 e 2016), I Vini de L'Espresso (vice-curatore e coordinatore nazionale edizioni 2017 e 2018), I Ristoranti d'Italia de L'Espresso (edizioni dalla 2010 alla 2018). Collabora con le testate: www.lucianopignataro.it , www.repubblica.it/sapori ed Epulae. Ha scritto alcuni articoli sul quotidiano "Il Mattino" e su www.slowine.it. Ha una passione sfrenata per quel piccolo continente che prende il nome di "Sardegna", per le sue terre e per la sua gente.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia