Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Cocktail ispirati al cinema: drink “M’HAI PROVOCATO” (film “Un Americano a Roma”, protagonista Alberto Sordi) di Giorgio Vicario

Continuiamo il nostro viaggio tra i cocktail ispirati al cinema.

Stavolta vi parliamo del DRINK:  M’HAI PROVOCATO (ispirato al film “Un Americano a Roma”, di Steno, 1954)

BARMAN: Giorgio Vicario, barman del Beere&Mangiare di Roma

INGREDIENTI:

1,5 cl sciroppo homemade di bourbon Maker’s Mark
7 dash Amaro Formidabile
6 cl VII Hills Italian Dry Gin

Bicchiere: Old Fashioned

Garnish: Chip di carciofo alla Giudia

PREPARAZIONE:
Versare nel bicchiere Old Fashioned lo sciroppo homemade 2:1 del bourbon Maker’s Mark, quindi si aggiungono 7 dash di Amaro Formidabile, per ricordare i 7 colli romani e infine in 3 tempi si vanno ad aggiungere i 6 cl del VII Hills Italian Dry Gin. Per ognuno dei 3 tempi va aggiunto del ghiaccio e il cocktail ha bisogno di essere stirrato. Ottenuta la giusta diluizione, si guarnisce con una chip di carciofo alla Giudia, come da tradizione romana. Servire tassativamente senza cannuccia!

 

ISPIRAZIONE:
Il protagonista del film, Alberto Sordi, nelle vesti di Nando Moriconi tenta disperatamente di assomigliare il più possibile a un americano, imitandone lo stile di vita, l’abbigliamento e l’alimentazione. L’ispirazione nasce proprio dalla famosa battuta “Maccherone, M’hai Provocato e io Ti Distruggo”. Nonostante Nando tenti infatti di assomigliare il più possibile a un americano, l’unica cosa in cui non riesce è, appunto, l’alimentazione. Da questa ispirazione nasce il cocktail e la convivenza di due prodotti italiani, ma soprattutto romani, uniti e “miscelati” a un prodotto americano come il bourbon. Il risultato è un Old Fashioned Cocktail di fattura americana, rivisitato provocatoriamente in stile italiano e con spirito romano.

Scritto da

Giornalista enogastronomico, una laurea cum laude in Economia e Commercio all'Università La Sapienza di Roma, Responsabile per l'Italia del Concorso Internazionale Grenaches du Monde, Giudice del Concorso Mondiale di Bruxelles e Giudice del Concorso Mondiale del Sauvignon, docente F.I.S.A.R.. Ha una storia che comprende collaborazioni con Guide di settore. Cito solo le ultime : Slow Wine (Responsabile per la Sardegna edizioni 2015 e 2016), I Vini de L'Espresso (vice-curatore e coordinatore nazionale edizioni 2017 e 2018), I Ristoranti d'Italia de L'Espresso (edizioni dalla 2010 alla 2018). Collabora con le testate: www.lucianopignataro.it , www.repubblica.it/sapori ed Epulae. Ha scritto alcuni articoli sul quotidiano "Il Mattino" e su www.slowine.it. Ha una passione sfrenata per quel piccolo continente che prende il nome di "Sardegna", per le sue terre e per la sua gente.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia