Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

News

Seconda edizione di “Aglianico a Roma” – i nostri migliori assaggi

Si è svolto per la seconda volta a Roma l’evento organizzato da Riserva Grande, Luciano Pignataro ed Andrea Petrini per conoscere e approfondire le varie sfaccettature, di profumi e aromi, che questo grande vitigno del sud può offrire.

Come nell’edizione di esordio dello scorso anno, si è avuta la possibilità di poter confrontare in un’unica sessione territori e stili di vinificazione a volte molto diversi tra loro.

In termini qualitativi la parte del leone l’hanno fatta i vini campani con le due grandi denominazioni DOCG, Taurasi (anche se l’Irpinia ha avuto una rappresentanza abbastanza esigua in termini numerici) e Aglianico del Taburno, e poi la Basilicata con i vini DOCG del Vulture.

Arricchita da due interessanti seminari, “I luoghi dell’Aglianico dal Taburno al Cilento” e “15 anni di Taurasi Mastroberardino”, la manifestazione ha avuto un enorme afflusso di appassionati, a tal punto che per le prossime edizioni si potrebbe tranquillamente pensare di prolungare di un giorno la durata dell’evento.

Nei banchi d’assaggio, oltre ai singoli produttori erano presenti il “Consorzio Tutela del Sannio DOP” e il “Consorzio Vita Salernum Vites”. Questi consorzi in particolare, oltre a nomi più conosciuti, ospitavano molti vini di piccoli produttori, per la maggior parte sconosciuti al grande pubblico e che in alcuni casi si sono rivelati, per la felicità di appassionati e operatori del settore, delle vere e proprie “chicche”.

Gli assaggi

Non più sola Irpinia e Vulture dunque – le zone senz’altro più conosciute e quotate per la produzione dell’Aglianico – ma anche vini provenienti dal Sannio Beneventano, Cilento, Casertano. Vi raccontiamo le nostre sensazioni ed i nostri migliori assaggi:

Aglianico dell’Irpinia

Taurasi DOCG 2008

Taurasi DOCG 2008 – Perillo

 

Taurasi DOCG 2008, 14% – Perillo (Aglianico 100%). Mentre la maggior parte dei Taurasi presenti all’evento era di annate comprese tra il 2013 e 2014, Perillo propone come uniche bottiglie un 2007 Riserva e un 2008: si potrebbe pensare che il produttore abbia voluto fare “colpo” sul pubblico, ma poi si “scopre” che quest’azienda esce normalmente sul mercato con bottiglie vecchie di almeno 10 anni e allora subentrano la curiosità e poi l’emozione di assaggiare questi vini.  Affinamento in botte grande e 6 anni in bottiglia.  Profumi di frutti rossi, radici, molto balsamico. Grande eleganza in bocca, tannini finissimi, succoso, aromi di rabarbaro, china e una lunga persistenza. Miglior vino assaggiato. 94/100

Taurasi DOCG 2010 “Sant’Eustachio

Taurasi DOCG “Sant’Eustachio” 2010 – Boccella

  

Taurasi DOCG  “Sant’Eustachio” 2010, 14% – Boccella (Aglianico 100%). Affinamento per 3 anni in tonneaux e bottiglia. Al naso fiori (viola), spezie e frutti rossi. In bocca emerge tutta la struttura e la potenza di questo Taurasi, tannicità, acidità, tutto ben integrato. Un vino in cui il terroir emerge in modo inconfondibile. 90/100

Aglianico del Sannio

Aglianico del Taburno DOCG 2010 “Gravemora

Aglianico del Taburno DOCG  “Grave Mora” 2010 – Fontanavecchia

Aglianico del Taburno DOCG 2010 “Grave Mora”, 15% – Fontanavecchia (Aglianico 100%). Affinamento 2 anni in botte e barrique e 4 anni in bottiglia. Profumi intensi di frutta rossa, sbuffi balsamici da spezie (pepe nero). Sorso molto bello, netto e pulito, con note di cacao e liquirizia e una lunga persistenza. 90/100

Aglianico del Taburno DOCG 2015

Aglianico del Taburno DOCG 2015 – La Fortezza

 

Aglianico del Taburno DOCG 2015, 13,5% – La Fortezza (Aglianico 100%). Affinamento in botte grande. Al naso sentori balsamici e note selvatiche di macchia mediterranea, in bocca aromi di erbe aromatiche, spezie e rabarbaro che donano un bel profilo fresco e raffinato al vino. Costa 7,5 euro, una vera chicca. 90/100

Aglianico del Taburno DOCG 2012 “ U Barone"

Aglianico del Taburno DOCG “ U Barone” 2012 – Torre a Oriente

 

Aglianico del Taburno DOCG “ U Barone” 2012 – Torre a Oriente (Aglianico 100%). Affinamento 12 mesi in barrique. Complesso al naso, piccoli frutti neri, sottobosco, balsamico (eucalipto); la struttura potente del 2012 è evidente in bocca, il sorso è succoso, rotondo e scorrevole ma sorretto da una bella acidità, con note di rabarbaro e china. 91/100

Aglianico del Taburno DOCG 2013

Aglianico del Taburno DOCG 2013 – Lauranti

 

Aglianico del Taburno DOCG 2013 – Lauranti (Aglianico 100%). Affinamento 12-14 mesi in acciaio e poi tonneaux e bottiglia per almeno 8 mesi. Da una vigna del 1975, al naso bei profumi di radici, sottobosco e frutta scura, balsamico; bocca coerente, con aromi di erbe amare e aromatiche sorso scorrevole con tannini levigati e ben equilibrati con l’acidità. 90/100

Aglianico del Vulture

Aglianico del Vulture DOCG Riserva 2011 “Le Drude”

Aglianico del Vulture DOCG Riserva “Le Drude” 2011 – Michele Laluce

 

Aglianico del Vulture DOCG Riserva “Le Drude” 2011 – Michele Laluce (Aglianico 100%).  Due anni in botte grande e due in bottiglia.Naso molto delicato e complesso al tempo stesso. Frutta rossa, piccoli frutti di bosco (ribes, mirtillo), balsamico (menta). Al palato mostra subito tannicità e acidità importanti, ma il sorso è rotondo, con tutte le componenti ben integrate. Un vino complesso è molto territoriale. 90/100

Aglianico del Vulture 2016 “Il Repertorio”

Aglianico del Vulture “Il Repertorio” 2016 – Cantine del Notaio

Aglianico del Vulture “Il Repertorio” 2016 – Cantine del Notaio (Aglianico 100%). Invecchiamento 1 anno in barrique e poi bottiglia. Al naso profumi di frutti rossi, radici ed erbe amare.  Grande corrispondenza naso/bocca, sorso scorrevole, morbido e fresco, il frutto è ben integrato con tannini levigati e dolci. Un vino di grande piacevolezza ma che conserva tutti i tratti territoriali. 90/100

Aglianico del Vulture 2015 “Damaschito”

Aglianico del Vulture “Damaschito” 2015 – Grifalco

 

Aglianico del Vulture “Damaschito” 2015 – Grifalco (Aglianico 100%). Invecchiamento 12/18 mesi in botte grande e poi 1 anno di bottiglia. Profumi di fiori rossi, ciliegia, bacche, note speziate e balsamiche. Retrogusto di frutta scura (carruba, prugna); tannini delicati e una bella acidità che rende la beva fresca e piacevole. 89/100.

 

 

avatar
Scritto da

Sono un appassionato del mondo del vino, mi piacciono i profumi e i sapori che ogni bottiglia di vino racchiude, le sensazioni e le emozioni che trasmette e che ogni “bevitore” può interpretare in base alle proprie percezioni sensoriali. Ho frequentato diversi corsi di degustazione sul vino in ambito AIS, Slow Food, Gambero Rosso, Enotime; ho preso il diploma di sommelier AIS nel 2001. La passione per il vino mi ha indotto a svilupparne altre, in particolare per l’Olio: ho acquisito il diploma di sommelier dell’olio extravergine di oliva dell’AISO nel 2007 e quello di assaggiatore dell’olio vergine di oliva dell’UMAO nel 2014. Mi piacciono molto anche i distillati, in particolare la grande varietà e specificità del mondo del whisky. Ho collaborato per l’edizione 2018 con la guida "I vini d'Italia" de l'Espresso e con la “Guida Flos Olei“ 2019 di Marco Oreggia. Sulla testata Vinodabere mi occupo di Vino, Olio e Distillati; inoltre collaboro con le testate www.lucianopignataro.it ed Epulae.

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Dall’assaggio alla cieca la classifica dei 10 migliori panettoni di Roma secondo Vinodabere

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia