Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

assaggi

Wildbacher Brut Rosé: non solo Prosecco tra le bollicine di Valdobbiadene

Chi mai penserebbe che a Conegliano la zona più conosciuta dal consumatore, esperto e non, con riferimento alle bollicine possa nascere uno spumante che nulla ha a che fare con il vitigno Glera che ha dato vita a quel fenomeno enologico che prende il nome di Prosecco di Conegliano Valdobbiatene.

Qui all’interno della Tenuta vitivinicola facente parte della grande famiglia del Gruppo Hausbrandt di Nervesa della Battaglia, e situata nel cuore della D.O.C.G. del Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene, tra i comuni di Susegana e Pieve di Soligo, nasce uno spumante rosè che nulla ha a che fare con il Glera, parliamo del Wildbacher.

Un vitigno che ha le sue origini in Austria, ma sulle colline trevigiane ha saputo arricchirsi di quelle caratteristiche che oggi ci permettono di apprezzarlo nella sua forma spumantizzata.

Tutto ha avuto inizio nel 1960   con l’acquisizione di Col Sandago da parte della famiglia di Martino Zanetti che ha creduto in questo singolare vitigno e nelle potenzialità del territorio.

Oggi è nata la voglia di dare una nuova immagine agli spumanti prodotti a partire dal restyling delle bottiglie, con un decor in rilievo che ne abbraccia completamente la superficie e riprende le linee del dipinto di Martino Zanetti “Prospettiva 1” , mentre nella parte frontale bassa la sua firma incisa dà un tocco esclusivo alla bottiglia.

Ma parliamo del vino:

Wildbacher Brut Rosé V.S.Q. 

Wildbacher Brut Rosé V.S.Q.

Wildbacher Brut Rosé V.S.Q.  (Wildbacher nero 100%)

3 ettari e mezzo di vigna unica al mondo.  Breve macerazione sulle bucce,  poi  decantazione e fermentazione infine la presa di spuma mediante autoclave.

Richiami di rosa si accompagnano a note di fragoline di bosco. Dinamico, elegante, con una leggera nota tannica, derivante dal vitigno, e una chiusura persistente e intrigante.

L’azienda produce anche:

Undici, Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G. “Rive di Susegana” dry, entra nella designazione di “Rive” grazie alla speciale e limitata resa delle sue uve coltivate esclusivamente in questo luogo, su un vigneto di due ettari e mezzo di superficie.

Vigna del Cuc Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G. brut,  nasce sul cucuzzolo (cuc) della collina dove si trovano i vigneti.  4 ettari e mezzo, dove le uve Glera e Chardonnay riescono ad esprimersi al massimo.

Case Bianche Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G. extra dry nasce su un terreno ricco di argilla e minerali e capace di far esprimere al Glera un’identità unica.

 

avatar
Scritto da

Ha fondato Vinodabere nel 2014. Laureato in Economia e Commercio specializzazione mercati finanziari, si è dedicato negli ultimi dieci anni anima e corpo al mondo del vino. Assaggiatore internazionale di caffè ha partecipato a diversi corsi di analisi sensoriale del miele, vanta diverse esperienze nell'ambito enologico quali la collaborazione con la guida "I vini d'Italia" de l'Espresso (edizioni 2017 e 2018), e la collaborazione con la guida Slow Wine (edizioni 2015 e 2016).

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

COMMENTA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La classifica degli 8 migliori panettoni d’Italia del 2018 secondo Vinodabere

News

Il miele biologico dell'ape nera etnea

Gastronomia

La viticoltura eroica della Valtellina: l'azienda Gianatti Giorgio

Aziende

Ma è giusto pagare l'acqua del rubinetto al ristorante?

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia