Rimani in contatto con noi

ISCRIVITI

Puglia
Puglia

Aziende

Puglia Farm: trasformare i limiti in opportunità per turisti e nuovi abitanti

il 1° febbraio è iniziata la raccolta fondi in collaborazione con Eppela, una piattaforma italiana di crowdfunding, un punto d’incontro tra chi ha idee da  realizzare e chi desidera sostenere la loro realizzazione.

L’idea di Giovanni D’Errico, un pensionato pugliese è creare un luogo di aggregazione intorno alla fattoria. per promuovere un movimento che va dalle persone alle aziende, passando per gli enti locali, regionali e nazionali. Aggregare vuol dire remare tutti dalla stessa parte per promuovere iniziative per il turismo, per una cultura ecosostenibile delle risorse e del territorio, per una crescita delle aziende e, quindi, del lavoro.
Giovanni  vorrebbe creare nella sua terra, nella Piana delle Rose in Puglia, una fattoria didattica per bambini, riscoprire e tutelare le antiche coltivazioni; per coltivare in modo eco sostenibile, anche in collaborazione con gli Istituti agrari e le Università (Green Economy); sostenere i produttori d’eccellenza alimentari del territorio; diffondere la cultura culinaria della Puglia; aiutare il piccolo paese, Rocchetta Sant’Antonio, a rinascere (recupero delle case abbandonate, delle tradizioni pugliesi, dell’artigianato); creare un luogo di aggregazione per le famiglie, i turisti e le aziende pugliesi intorno alla fattoria; valorizzare il territorio dei Monti della Daunia.
Attivare un’iniziativa di Sistema, in cui cittadini, amministrazioni locali ed imprese sono coinvolte in un unico obiettivo: creare le condizioni per una rinascita del territorio a 360°, ottenere una visibilità nazionale ed internazionale (PugliaAmbassador), riqualificare e ripopolare queste eccellenze pugliesi in chiave ecologia, culturale e innovativa.

Giovanni vive da sempre in un piccolo paese arroccato sui Monti della Daunia. Purtroppo, da anni vede un lento abbandono del territorio. I suoi nonni prima e i suoi genitori poi, hanno affrontato tanti sacrifici, anche lontano dal paese, ma sempre con l’obiettivo di tornare ed offrire un futuro migliore. E così è stato. Anche Giovanni ha seguito il solco scavato dai suoi avi e affrontato sacrifici, ma sempre sperando che un giorno potesse creare qualcosa di unico per il suo territorio, quasi a voler restituire le gioie e i sapori alla sua terra. Intanto il paese si spopola e le tradizioni si perdono. Come riportato dai media, da oltre vent’anni c’è un movimento costante di svuotamento dei piccoli comuni italiani, soprattutto montani o a vocazione agricola. Le scuole chiudono, per mancanza di bambini; le banche spostano gli sportelli.

Giovanni D’Errico

Gli esperti concordano che per salvare queste piccole perle italiane sono utili iniziative che attraggono le persone dal centro alla periferia: mettere a disposizione le case abbandonate e attivare incentivi fiscali, per aziende e nuovi residenti. Una scelta che va in questa direzione è stata quella di introdurre della tassazione ridotta, introdotta nella legge di Bilancio 2019, per chi trasferisce la residenza dall’estero nei paesi del Sud Italia.

La parola d’ordine è «trasformare i limiti, come l’isolamento, in opportunità per turisti e nuovi abitanti» (fonte “Il Sole 24Ore). Il COVID-19 ha spinto tantissime persone ad abbandonare i centri urbani per i piccoli centri, alla scoperta di un isolamento nel verde. Questo piccolo esodo ha mostrato, però, il limite del sistema Paese: essere arretrati nel digitale. La maggioranza di chi ha fatto questa esperienza ha chiaramente dichiarato che la mancanza di questi servizi digitali è l’unico limite al cambiare vita. A trasferirsi in un piccolo borgo italiano, ricco di storia, cultura, tradizione e di verde. Un salubre equilibrio tra lavoro e stile di vita green. L’estate del 2020 sarà ricordata anche per il turismo verso i paesini interni italiani, alla ricerca di luoghi isolati per evitare assembramenti. Ma anche in questo caso, questo nuovo turismo si è scontrato con la mancanza di servizi, rendendo difficile un ritorno a questa scelta.

Le aziende che parteciperanno saranno indirizzate in un percorso che porti a conoscerle, ad incontrarle, a renderle partecipi di un’iniziativa di sistema, in cui tutti fanno la propria parte: gli enti preposti per i servizi, le persone, le aziende per creare un’esperienza unica per i turisti e i clienti.

“Sono, così, tante le motivazioni che ci hanno spinto ad occuparci di questo sogno, in primis il desiderio di tornare alla terra e di produrre prodotti sani in modo eco sostenibile. Prodotti da consumare freschi, essiccati o trasformati. Siamo motivati a tutelare la biodiversità del paesaggio, salvaguardare le specie antiche e recuperare sapori che stanno scomparendo, migliorare la qualità del suolo riducendo l’erosione e trattenendo l’acqua, donare vita, rifugio, cibo, refrigerio e riparo per gli animali, creare lavoro per chi vuole tornare alla terra, coltivare e vendere ad una rete di imprese italiane, ma anche insegnare antichi metodi e ricette culinarie e realizzare un circuito verso una Economia Green (eco mangimi, riciclo, produzione energetica ecologica, ecc)”.

Un’occasione di rispettare le nostre tradizioni, salvaguardare e riscoprire prodotti della terra con varietà di sapori, aromi e profumi che non devono mai essere dimenticati. Vogliamo contribuire alla loro produzione, alla loro condivisione e permettere a bambini, ragazzi e adulti di ritornare alla Terra. Contatti: 345.9527200 – www.puglia-farm.com – info.pugliafarm@gmail.com.

avatar
Scritto da

Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia

La classifica dei migliori 10 Panettoni d’Italia del 2019 secondo Vinodabere

News

La classifica dei migliori 20 Panettoni d’Italia del 2020 secondo Vinodabere

News

NELLA CLASSIFICA DEI 10 CAFFÈ PIU’ COSTOSI AL MONDO 4 DERIVANO DALLA MASTICAZIONE DEGLI ANIMALI

News

La Classifica dei migliori Cannonau della Piccola Guida della Sardegna di Vinodabere – Seconda Edizione (assaggi effettuati nel 2019)

News

Connect
Iscriviti alla Newsletter

Aggiornamenti continui sul mondo dell'enogastronomia